Rosolia

La rosolia, o rubeola, è una malattia infettiva contagiosa epidemica causata da un Rubyvirus, caratterizzata da una lieve sintomatologia generale, esantema maculo-papuloso (macchie rosse e pallini bianchi) e adenite retro-auricolare, cervicale posteriore e retro-nucale (ingrossamento di linfonodi).

 

 

Il contagio avviene per via aerea ma sono necessari contatti stretti e prolungati col malato.

La malattia conferisce immunità permanente a seguito della guarigione.

Come si manifesta la rosolia

Rosolia

La rosolia ha un'incubazione di 20 giorni circa e inizia con lievi sintomi generali e da un' adenite retro-auricolare, cervicale posteriore e retro-nucale. Dopo 24 ore compare l' esantema che si sviluppa in viso per estendersi alla nuca e poi progredisce verso i piedi (in 24 ore circa) scomparendo in 3-4 giorni.

Terapia della rosolia

L'unica terapia consigliata è quella per la riduzione della sintomatologia. Da calendario vaccinale del bambino si attua la profilassi contro questa malattia tramite la MPR (anti morbillo, parotite, rosolia) che deve essere effettuata all'anno di età e poi successivamente tra i 5 e i 6 anni.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Epatite fulminante

L'epatite fulminante, o insufficienza epatica acuta, è la perdita rapida della funzione epatica (il fegato non è più in grado di svolgere le sue funzioni).


Microbiota (o microbioma) intestinale

Il microbiota intestinale rappresenta un insieme di microrganismi colonizzatori del nostro intestino, importanti per lo sviluppo e la crescita dell'organismo umano.


Tumore della laringe e della faringe

I tumori della laringe e della faringe sono patologie neoplastiche che si sviluppano a livello della gola e fanno parte dell'apparato respiratorio (laringe) e gastrointestinale (faringe).


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.

 


Colesterolo totale, HDL, LDL

Il colesterolo è una molecola organica, appartenente alla classe dei lipidi. Quando bisogna preoccuparsi, se i valori sono troppo alti?


Fibrinogeno alto e basso (analisi del sangue)

Il fibrinogeno è uno dei fattori responsabili della coagulazione del sangue, essenziale per i processi di guarigione del corpo.


Trigliceridemia: cause, valori, terapia

Con il termine trigliceridemia si indica la quantità di trigliceridi nel sangue. I trigliceridi sono dei lipidi che si accumulano all’interno delle cellule.


ACE-inibitori (farmaci)

Gli ACE-inibitori sono una tipologia di farmaci che possono essere utilizzati per una serie di patologie, come l'ipertensione, la sclerodermia e l'emicrania.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.