Occhi stanchi (Astenopia)

Nella vita di tutti i giorni capita spesso di sentire l'espressione "mi sento gli occhi stanchi". In ambito medico, questo fenomeno viene definito affaticamento visivo, o più precisamente astenopia (dal greco "astenon"- "opis", "stanchezza visiva").

 

 

Consiste in pratica in un sovraccarico del nostro apparato muscolare visivo, dovuto a svariati motivi, ma soprattutto all'uso dei videoterminali. Ogni volta infatti che osserviamo un oggetto da vicino, muscoli intriseci ed estrinseci si contraggono per permettere la messa a fuoco sulla retina dei vari oggetti.

Cause

In generale, le persone che possono maggiormente soffrire di astenopia sono quelle sottoposte a stress visivo

Alcune delle cause di questa stanchezza visiva possono essere:

  • lavoro ravvicinato;
  • bassa illuminazione dell'ambiente circostante (che porta inevitabilmente ad un maggiore sforzo oculare per la visione degli oggetti);
  • leggere o guidare per lunghi periodi;
  • quantità di sonno insufficiente;
  • in generale tutte quelle attività, lavorative e non, che richiedono uno sforzo prolungato degli occhi.

Tuttavia, un'altra causa di questa stanchezza, da non sottovalutare, può essere un difetto visivo non corretto o corretto in maniera errata o non sufficiente. Per esempio, se un soggetto astigmatico non ha corretto le lenti dei suoi occhiali e il difetto visivo col tempo è peggiorato, ecco che può lamentare una certa stanchezza oculare, proprio perché lo sforzo degli occhi per mettere a fuoco è maggiore. Oppure chi ha uno strabismo latente deve fare uno sforzo maggiore per far convergere i due occhi e in condizioni di affaticamento visivo il difetto può peggiorare diventando uno strabismo manifesto.

I soggetti più a rischio per l'astenopia sono soprattutto i videoterminalisti, che trascorrono per lavoro molto tempo davanti allo schermo del pc.

 

 

Sintomi

Occhi stanchi

I segni e i sintomi principalmente legati alla stanchezza oculare sono:

  • bruciore o prurito agli occhi;
  • lacrimazione o secchezza;
  •  dolore;
  • senso di corpo estraneo nell'occhio (sabbia);
  • arrossamento;
  • fotosensibilità (maggiore sensibilità alla luce),
  • frequenti ammiccamenti (rapida chiusura delle palpebre);
  • visione doppia o offuscata;
  • cefalea.

Spesso si possono anche accompagnare dolore al collo (cervicalgia), alla schiena, alle spalle a causa delle posture scorrette che si assumono durante l'attività lavorativa o nel tempo libero (come giocare ai videogiochi, leggere, guidare, cucire).

Prevenzione

 

 

Ovviamente non esiste una terapia, in quanto l'affaticamento visivo non è una malattia dell'occhio ma solamente una manifestazione di "stanchezza".

Quindi per prevenire l'astenopia è consigliabile mettere in atto alcuni accorgimenti.

  • Adeguata illuminazione del luogo in cui si lavora;
  • Effettuare delle pause di circa 15 minuti ogni 2 ore, dove si solleva lo sguardo dallo schermo o dai libri per osservare un punto lontano e far quindi rilassare i muscoli oculari (l'ideale sarebbe proprio guardare il paesaggio fuori dalla finestra senza concentrare lo sguardo su un punto fisso);
  • Piano di lavoro almeno 3 volte più illuminato rispetto al resto della stanza;
  • Evitare riflessi sullo schermo: la fonte luminosa dovrebbe essere posta a 90° rispetto al monitor;
  • Utilizzo di lacrime artificiali, da applicare ripetutamente nell'arco della giornata per lubrificare l'occhio. Stando davanti al pc, infatti, è facile che il soggetto ammicchi molto meno con le palpebre favorendo quindi la secchezza dell'occhio. L'ammiccamento serve appunto serve a diffondere le lacrime in uno strato sottile ed uniforme sulla cornea e a tenere quindi umido l'occhio;
  • Monitor piatto e abbastanza grande per poterlo utilizzare a circa 50-70 cm di distanza (meglio un 19 pollici), non deve avere sfarfallii e deve avere anch'esso un' adeguata illuminazione;
  • Sedie comode, schienale regolabile in altezza e inclinazione;
  • Per i portatori di occhiali, è utile usare lenti antiriflesso, in quanto i monitor danno origina a riflessi che si sovrappongono sulla retina alle immagini visive creando degli aloni. A volte si utilizzano anche delle lenti filtranti che riducono la luce dello sfondo dello schermo migliorandone il contrasto e facendo quindi sforzare di meno la messa a fuoco dell'occhio.

Va comunque ricordato che se si soffre di astenopia è comunque utile e necessario effettuare un esame della vista da un oculista per escludere l'insorgenza o il peggioramento di alcuni difetti visivi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Maca o Ginseng delle Ande: effetti, valori nutrizionali e controindicazioni

La Maca, o ginseng delle Ande, è la radice di una pianta di origine peruviana usata per diverse presunte proprietà, fra cui quella di favorire la fertilità maschile.


Disbiosi (alterazione del microbiota)

Con il termine disbiosi si indica un'alterazione della flora batterica intestinale, anche chiamato microbiota o microbioma intestinale.


Foglie di vite rossa - Integratore

Le foglie di vite rossa sono ricche di interessanti composti che hanno diverse potenziali attività, la maggior parte delle quali non ancora confermate del tutto.


Foglie di trifoglio rosso: effetti ancora da dimostrare

Le foglie di trifoglio rosso sono utilizzate per formulare estratti fitoterapici a cui si attribuiscono vari effetti positivi non ancora, però, dimostrati con certezza.

 


Resistenza agli antibiotici: conseguenze, rimedi e cause

La resistenza agli antibiotici è un fenomeno in crescente aumento negli ultimi anni che necessita di interventi preventivi.


Agopuntura: è solo effetto placebo?

L'agopuntura è una pratica tipica della medicina tradizionale cinese che viene proposta per diversi scopi terapeutici ma che non ha prove scientifiche solide.


Medicina alternativa

Medicina alternativa: elenco pratiche e analisi critica in base alla letteratura scientifica.


Fungo reishi: è davvero il fungo del'immortalità?

Il fungo reishi, il cui nome scientifico è Ganoderma lucidum, è un saprofita di alcune piante, usato nella medicina cinese ma dagli effetti non ancora ben confermati.