Vitamina D e Covid 19 - Livelli e integrazione

Sempre più evidenze scientifiche stanno dimostrando l'importanza dei livelli di vitamina D nei confronti dell'infezione dal virus SARS-Cov2, resposabile della patologia Covid-19.

 

 

In questo articolo presenterò alcuni interessanti studi riguardanti il rapporto tra la vitamina D e l'infezione da SARS-Cov2, effettuati fino al mese di Aprile 2021.

Integrazione di vitamina D

Uno studio randomizzato ha dimostrato che la necessità rianimazione era del 50% nei pazienti che non assumevano vitamina D tramite integratori, contro il 2% di chi assumeva integratori.

Uno studio di coorte ha dimostrato chei  pazienti COVID-19 che assumevano 150 mg di magnesio, 500 μg di vitamina B12, e 25 μg (1,000 IU) di vitamina D3 avevano una minor probabilità di finire in rianimazione, rispetto al gruppo di controllo.

Uno studio randomizzato ha dimostrato l'assenza di vantaggi nei pazienti ospedalizzati che assumevano 200,000 IU di vitamina D.

 

 

Livelli di vitamina D

Una meta-analisi ha dimostrato l'associazione tra livelli di vitamina D sotto i 30 ng/mL con un aumento del 43% delle complicanze da COVID-19.

Una revisione sistematica ha dimostrato che, mentre la carenza di vitamina D non è associata con il rischio di infezione, i pazienti colpiti da COVID-19 avevano livelli di vitamina D inferiori, rispetto ai soggetti non colpiti da COVID-19.

Una revisione sistematica ha dimostrato che i pazienti affetti da COVD-19 con una prognosi nefasta avevano livelli di vitamina D più bassi, rispetto a quelli con una prognosi favorevole.

Uno studio di coorte ha dimostrato che i pazienti con COVID-19 e una carenza di vitamina D avevano una maggior probabilità di morire.

Uno studio di coorte ha dimostrato che livelli di vitamina D sopra i 40 ng/ml potrebbero essere protettivi per i soggetti di colore, ma non sembrano esserlo per i bianchi.

Uno studio di coorte ha dimostrato una forte correlazione inversa tra i livelli di vitamina D e il tasso di infezione di COVID-19.

 

 

Uno studio di coorte ha associato più alti livelli di vitamina D con una minor mortalità: ≥30 ng/ml con il 9.2% di mortalità;

Come comportarsi

Livelli bassi di vitamina D sembrerebbero essere correlati ad un rischio più alto di contrarre la patologia COVID-19 e le sue complicanze, tuttavia non tutti gli studi lo hanno dimostrato in modo inequivocabile. È possibile, per esempio, che i soggetti che hanno bassi valori di vitamina D siano più soggetti all'infezione a causa di un'alimentazione più scorretta in generale, o un livello di infiammazione sistemica più alto, o un più elevato livello di comorbidità (patologie preesistenti). Per capire se e in che termini la vitamina D sia coinvolta nell'infezione COVID-19 bisognerà attendere altri studi che verranno effettuati nei prossimi mesi.

Nel frattempo, diverse autorità sanitarie consigliano l'integrazione con almeno 1000 UI di vitamina B3, come per esempio l'Accademia Medica di Torino.

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Foam roller: funziona? Utilizzo per schiena, ginocchio, cellulite...

Il foam roller è uno strumento di auto-trattamento molto di moda. Scopriamo per cosa è davvero efficace, e come utilizzarlo.


Integratori BCAA, i presupposti di un mercato in via di espansione

I branched-chain amino acid - aminoacidi a catena ramificata - costituiscono una notevole fetta del mercato nel settore benessere.


Vitamina D e Covid 19 - Livelli e integrazione

Sempre più evidenze scientifiche stanno dimostrando l'importanza dei livelli di vitamina D nei confronti della patologia Covid-19.


Resistenza all'insulina o insulino-resistenza: come combatterla

La resistenza all’insulina è una condizione che può precedere il diabete ma può essere risolta anche prima con un cambiamento dello stile di vita, dieta compresa.

 


Sensibilità all’insulina: cos’è e come si aumenta

La sensibilità all'insulina è la condizione opposta alla resistenza all'insulina ed è necessaria per la prevenzione del diabete.


Sindrome dell'ovaio policistico

La sindrome dell'ovaio policistico è un disordine molto diffuso nelle donne e caratterizzato da disturbi del ciclo mestruale, aumento del tasso di ormoni androgeni e resistenza all'azione dell'insulina.


Integratori sessuali contro l’impotenza: quali efficaci e quali no

Gli integratori sessuali contro l’impotenza non sempre sono a base di prodotti la cui efficacia è stata testata e le loro pubblicità possono essere ingannevoli.


Occhi rossi | Arrossati | Rimedi naturali

L'arrossamento degli occhi (occhi rossi o arrossati) è quasi sempre benigno, ma è importante capire quando bisogna recarsi dal medico per un controllo accurato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.