Vitamina D e Covid 19 - Livelli e integrazione

Sempre più evidenze scientifiche stanno dimostrando l'importanza dei livelli di vitamina D nei confronti dell'infezione dal virus SARS-Cov2, resposabile della patologia Covid-19.

 

 

In questo articolo presenterò alcuni interessanti studi riguardanti il rapporto tra la vitamina D e l'infezione da SARS-Cov2, effettuati fino al mese di Aprile 2021.

Integrazione di vitamina D

Uno studio randomizzato ha dimostrato che la necessità rianimazione era del 50% nei pazienti che non assumevano vitamina D tramite integratori, contro il 2% di chi assumeva integratori.

Uno studio di coorte ha dimostrato chei  pazienti COVID-19 che assumevano 150 mg di magnesio, 500 μg di vitamina B12, e 25 μg (1,000 IU) di vitamina D3 avevano una minor probabilità di finire in rianimazione, rispetto al gruppo di controllo.

Uno studio randomizzato ha dimostrato l'assenza di vantaggi nei pazienti ospedalizzati che assumevano 200,000 IU di vitamina D.

 

 

Livelli di vitamina D

Una meta-analisi ha dimostrato l'associazione tra livelli di vitamina D sotto i 30 ng/mL con un aumento del 43% delle complicanze da COVID-19.

Una revisione sistematica ha dimostrato che, mentre la carenza di vitamina D non è associata con il rischio di infezione, i pazienti colpiti da COVID-19 avevano livelli di vitamina D inferiori, rispetto ai soggetti non colpiti da COVID-19.

Una revisione sistematica ha dimostrato che i pazienti affetti da COVD-19 con una prognosi nefasta avevano livelli di vitamina D più bassi, rispetto a quelli con una prognosi favorevole.

 

 

Uno studio di coorte ha dimostrato che i pazienti con COVID-19 e una carenza di vitamina D avevano una maggior probabilità di morire.

Uno studio di coorte ha dimostrato che livelli di vitamina D sopra i 40 ng/ml potrebbero essere protettivi per i soggetti di colore, ma non sembrano esserlo per i bianchi.

Uno studio di coorte ha dimostrato una forte correlazione inversa tra i livelli di vitamina D e il tasso di infezione di COVID-19.

Uno studio di coorte ha associato più alti livelli di vitamina D con una minor mortalità: ≥30 ng/ml con il 9.2% di mortalità;

Come comportarsi

Livelli bassi di vitamina D sembrerebbero essere correlati ad un rischio più alto di contrarre la patologia COVID-19 e le sue complicanze, tuttavia non tutti gli studi lo hanno dimostrato in modo inequivocabile. È possibile, per esempio, che i soggetti che hanno bassi valori di vitamina D siano più soggetti all'infezione a causa di un'alimentazione più scorretta in generale, o un livello di infiammazione sistemica più alto, o un più elevato livello di comorbidità (patologie preesistenti). Per capire se e in che termini la vitamina D sia coinvolta nell'infezione COVID-19 bisognerà attendere altri studi che verranno effettuati nei prossimi mesi.

Nel frattempo, diverse autorità sanitarie consigliano l'integrazione con almeno 1000 UI di vitamina B3, come per esempio l'Accademia Medica di Torino.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori per la vista e la salute degli occhi

Alcune sostanze contenute nei cibi, ma assumibili anche sottoforma di integratori, possono ritardare l'insorgenza di alcune patologie dell'occhio legate all'età.

Come integrare la dieta quotidiana per il benessere di pelle e capelli

Come integrare la dieta quotidiana per il benessere di pelle e capelli: omega 3 e altri integratori.

Fungo Chaga: l'integratore con più rischi che benefici

Chaga è un fungo al quale vengono riconosciute proprietà terapeutiche contro alcune patologie, in realtà tutte da dimostrare. E non mancano le controindicazioni.

Cannabidiolo (CBD) - cosa sappiamo e cosa no

Il CBD (cannabidiolo) è un cannabinoide che si trova nella cannabis light: scopriamone pregi e difetti.

 

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Listeria monocytogenes: alimenti, sintomi e prevenzione

La Listeria monocytogenes è un batterio ubiquitario che si trova in diversi alimenti e sopravvive anche in frigo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.