Colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una malattia intestinale che causa infiammazioni e ulcere a livello del tratto digestivo. La colite ulcerosa colpisce il colon e il retto, i sintomi non si presentano improvvisamente, ma si sviluppano nel tempo. La colite ulcerosa può essere debilitante e talvolta causare complicazioni pericolose per la vita. Il trattamento è utile per ridurre i sintomi e portare la malattia in uno stato di remissione anche per un lungo periodo.

 

 

Cause

La causa esatta della colite ulcerosa rimane sconosciuta. In passato erano imputati stress elevato e dieta scorretta, ma ora si pensa che questi sintomi possano solo aggravare la malattia e non causarla. Una possibile causa è il malfunzionamento del sistema immunitario, per cui quando c'è un virus o un batterio invadente da attaccare una risposta immunitaria anormale fa sì che il sistema immunitario attacchi le cellule del tratto digestivo. Alcuni studi stanno mettendo in relazione questa malattia con la disbiosi, una disfunzione del microbiota intestinale. L'ereditarietà sembra svolgere un ruolo chiave per la trasmissione di questa malattia, anche se si può sviluppare in assenza di familiarità.

Fattori di rischio

La colite ulcerosa colpisce uomini e donne in egual modo, i fattori di rischio possono includere:

  • Età: la colite ulcerosa si presenta normalmente prima dell'età dei 30 anni d'età, tuttavia, può verificarsi a qualsiasi età e alcune persone possono sviluppare la malattia anche a 60 anni.
  • Etnia: le persone con una carnagione bianca hanno un rischio maggiore di sviluppare la malattia, così come le persone di origine ebraica.
  • Storia famigliare: si ha un maggiore rischio se si ha un parente stretto, come un genitore o un fratello che soffre di questa malattia.
Colite ulcerosa

Sintomi

I sintomi della colite ulcerosa possono variare, a seconda della gravità dell'infiammazione e dove questa si verifica. Pertanto, i medici spesso classificano la colite ulcerosa in base alla sua localizzazione e i sintomi, che possono variare in seguito a dove è posizionata la colite, e possono includere:

  • diarrea, spesso con sangue o pus;
  • dolore addominale e crampi;
  • dolore rettale;
  • sanguinamento rettale;
  • sensazione d'urgenza di defecare;
  • incapacità di defecare nonostante l'urgenza;
  • perdita di peso;
  • sensazione di fatica;
  • febbre;
  • nei bambini, mancanza di crescita.

 

 

La maggior parte delle persone con colite ulcerosa presentano sintomi lievi o moderati, il corso della colite è molto variabile e in alcune persone presenta anche lunghi periodi di remissione. La colite ulcerosa è classificata in base a dove si sviluppa, la condizione può essere mite e limitata al retto (proctite ulcerosa), o può colpire e danneggiare altre parti del colon, generalmente con sintomi più gravi. Le persone che sviluppano colite ulcerosa in età giovane hanno maggiori probabilità di sviluppare gravi sintomi in età adulta. 

Complicanze

La colite ulcerosa di solito non è fatale, ma è una malattia grave che in alcuni casi può causare complicanze pericolose per la vita, come per esempio:

  • grave sanguinamento;
  • colon perforato;
  • grave disidratazione;
  • osteoporosi;
  • infiammazione della pelle, delle articolazioni, degli occhi e della bocca;
  • rischio di cancro al colon;
  • colon tossico;
  • rischio di coaguli di sangue nelle vene e nelle arterie.

Diagnosi

Per aiutare a confermare una diagnosi di colite ulcerosa, si possono effettuare uno dei seguenti test e procedure:

  • Analisi del sangue: può essere effettuato un esame del sangue per controllare l'eventuale presenza di anemia e i valori che possono indicare una possibile infezione.
  • Campione delle feci: delle feci color bianco possono essere segno di colite.
  • Colonscopia: questo esame consente di visualizzare l'intero colon utilizzando un tubo sottile, flessibile e illuminato con una telecamera allegata. Durante questa procedura si può effettuare anche una biopsia, ovvero prelevare del campione di tessuto da far analizzare in laboratorio.
  • Sigmoidoscopia: è una procedute che utilizza un tubo sottile, flessibile e illuminato per esaminare il sigmoide, cioè l'ultima parte del colon.
  • Raggi X: questo esame può essere svolto per escludere complicazioni gravi, come ad esempio colon perforato.
  • Tomografia computerizzata (TAC): una scansione dell'addome può rivelare una parte infiammata di intestino tenue o altre complicanze legate alla colite.

Terapia

 

 

Il trattamento della colite ulcerosa consiste solitamente in prescrizione di farmaci o interventi chirurgici. Esistono diverse categorie di farmaci che possono essere efficaci nel trattamento della colite ulcerosa, la tipologia poi dipenderà dalla gravità delle condizione. I farmaci che funzionano bene per alcune persone potrebbero non funzionare per altre, quindi potrebbe servire del tempo per trovare il corretto farmaco.

  • Medicinali antinfiammatori: i farmaci antinfiammatori sono spesso il primo passo del trattamento della malattia infiammatoria intestinale, alcuni di loro sono gli aminosalicilati, efficaci nel ridurre i sintomi della colite ulcerosa, ma hanno un certo numero di effetti collaterali, tra cui problemi digestivi e mal di testa. Sono disponibili in forma orale o in supposte.
  • Corticosteroidi: questi farmaci, che includono prednisone e idrocortisone, sono generalmente riservati a chi soffre di colite ulcerosa moderata o grave che non risponde ad altri trattamenti. Possono essere somministrati per via orale, per via endovenosa o per supposta. I corticosteroidi hanno numerosi effetti collaterali, tra cui un gonfiore, sudorazione notturna, insonnia e iperattività, ipertensione, diabete, osteoporosi e cataratta.
  • Soppressori del sistema immunitario: sono farmaci immunosoppressori, ovvero sopprimono la risposta del sistema immunitario che inizia il processo di infiammazione della colica. I più usati sono l'azatioprina e la mercaptopurina, i quali presentano alcuni effetti collaterali a livello del fegato e del pancreas. Questi farmaci sono associati anche a un piccolo rischio di sviluppare alcuni tumori.
  • Altri farmaci: potrebbe essere necessario utilizzare farmaci aggiuntivi per gestire sintomi specifici di colite ulcerosa, come antibiotici, farmaci anti diarrea, antidolorifici ed integratori di ferro.

Un altro tipo di soluzione è rappresentata dalla chirurgia che può eliminare il problema della colite, ma questo significa generalmente rimuovere l'intero colon e il retto. Questa rimozione è però molto debilitante perché per raccogliere le feci, nell'ipotesi peggiore, servirà un sacchetto esterno. Dopo la diagnosi di colite ulcerosa, visto il rischio maggiore di sviluppare il cancro, sarà necessario svolgere un test di screening preventivo ogni circa 1-2 anni dalla diagnosi, se coinvolge l'intero retto, mentre se coinvolge solo il colon ogni 8 anni. Se oltre a soffrire di colite ulcerosa si soffre di una condizione rara chiamata colangite sclerosante primaria, è necessario svolgere dei test di screening ogni due o tre anni dopo la diagnosi di colite ulcerosa.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.

 


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.


Trapianto fecale: promettente utilizzo del microbiota intestinale

Il trapianto fecale è una promettente tecnica che ha diverse applicazioni promettenti, tra cui contro la colite ulcerosa e la colite pseudomembranosa.


Morbo celiaco o celiachia

Il morbo celiaco o celiachia è una malattia cronica, con caratteristiche lesioni della mucosa dell'intestino tenue e malassorbimento.


Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine

Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine sono state stilate da AIC e prevedono non solo alimenti da escludere ma anche comportamenti da adottare in cucina.