La dieta Dukan dei 7 giorni

La dieta Dukan (da Pierre Dukan, il medico che l'ha ideata all'inizio del secolo), divenuta ormai molto famosa in tutto il mondo, è una dieta iperproteica, che prevede diverse fasi con un livello di rigore e ristrettezza decrescenti.

 

 

Abbiamo già visto, nell'articolo sulla dieta Dukan tradizionale, come sia molto difficile, psicologicamente, seguire questa dieta, che come tutte le diete iperproteiche prevede notevoli ristrettezze e un taglio drastico della maggior parte dei cibi che fanno parte di una normale dieta equilibrata.

Abbiamo già citato lo studio francese NutriNet-Santé, che confermava il fatto che la dieta Dukan sia tra le più difficili da seguire a lungo termine. Come ho ripetuto fino alla noia su questo sito, il problema delle diete (tutte) non è quello di far dimagrire le persone (un risultato ottenibile in modo abbastanza facile), ma quello di non far riprendere i chili persi con la dieta. È questa la vera sfida, ed è questo uno dei pilastri del mio metodo di dimagrimento.

La "novità" della dieta Dukan dei 7 giorni

Tutte le diete iperproteiche non si possono seguire per lungo tempo, perché sono squilibrate, e alla lunga causerebbero dei danni all'organismo. Per questo motivo la dieta Dukan non è esente da effetti collaterali, come ammesso dallo stesso Dukan, e per questo motivo è così difficile da seguire: ci vuole tanta forza di volontà per resistere con una dieta così monotona e che può comportare anche disturbi fisici.

 

 

La dieta Dukan dei 7 giorni (pubblicata in Italia nel 2014) dovrebbe ovviare a questi problemi, riducendo in modo netto la durata delle varie fasi, a un solo giorno per fase. In pratica si inizia il primo giorno mangiando solo proteine magre e crusca, e poi si prosegue così:

  • il secondo giorno si introducono le verdure;
  • il terzo giorno si introduce le frutta;
  • il quarto giorno si introduce il pane integrale;
  • il quinto giorno si introduce il formaggio;
  • il sesto giorno si può fare un pasto "amidaceo"
  • il settimo giorno si può fare un pasto libero, "della festa".

Secondo Dukan in questo modo si possono perdere 700-800 g la settimana.

La dieta si può ripetere di settimana in settimana, oppure si può sospendere ricominciando la fase di mantenimento prevista dalla dieta Dukan standard.

Analisi critica della dieta Dukan dei 7 giorni

Dieta Dukan dei 7 giorni

La dieta Dukan dei 7 giorni è il tentativo di proporre qualcosa di nuovo, per mantenere vivo l'interesse per questa dieta, catturare qualche nuovo cliente o recuperare persone che hanno già seguito la dieta senza successo.

Dal punto di vista della scienza dell'alimentazione, vale quello che abbiamo già detto riguardo alla Dukan classica, e a tutte le diete iperproteiche: una volta cessata la dieta, se il soggetto non impara a gestire un'alimentazione normale, non potrà mai pensare di mantenere i kg persi. Tempo qualche mese, o al massimo pochi anni, e i kg si ripresentano tutti. Una dieta è per sempre: se l'alimentazione per perdere peso è molto diversa dalla propria dieta abituale, il rischio di tornare ad ingrassare è praticamente una certezza.

In questo caso, va anche sottolineata l'assurdità di una dieta dove le calorie aumentano con il passare dei giorni: il metodo migliore per non dimagrire. Infatti il nostro organismo è più reattivo nei primi giorni, quando basta una piccola riduzione della quantità di cibo per vedere un sostanzioso dimagrimento, poi col passare dei giorni diventa sempre più difficile, e allora si può spiazzare l'organismo abbassando ulteriormente le quantità per continuare a perdere peso. Aumentandole, come nella dieta Dukan dei 7 giorni, è probabile che l'organismo reagisca stabilizzando il peso. Con tutta probabilità, il pranzo delle feste finale sarà il colpo di grazia per vedere, il lunedì successivo, un dimagrimento ridicolo, o pari a zero. In parole povere: fatica sprecata.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.