La dieta Dukan dei 7 giorni

La dieta Dukan (da Pierre Dukan, il medico che l'ha ideata all'inizio del secolo), divenuta ormai molto famosa in tutto il mondo, è una dieta iperproteica, che prevede diverse fasi con un livello di rigore e ristrettezza decrescenti.

 

 

Abbiamo già visto, nell'articolo sulla dieta Dukan tradizionale, come sia molto difficile, psicologicamente, seguire questa dieta, che come tutte le diete iperproteiche prevede notevoli ristrettezze e un taglio drastico della maggior parte dei cibi che fanno parte di una normale dieta equilibrata.

Abbiamo già citato lo studio francese NutriNet-Santé, che confermava il fatto che la dieta Dukan sia tra le più difficili da seguire a lungo termine. Come ho ripetuto fino alla noia su questo sito, il problema delle diete (tutte) non è quello di far dimagrire le persone (un risultato ottenibile in modo abbastanza facile), ma quello di non far riprendere i chili persi con la dieta. È questa la vera sfida, ed è questo uno dei pilastri del mio metodo di dimagrimento.

La "novità" della dieta Dukan dei 7 giorni

Tutte le diete iperproteiche non si possono seguire per lungo tempo, perché sono squilibrate, e alla lunga causerebbero dei danni all'organismo. Per questo motivo la dieta Dukan non è esente da effetti collaterali, come ammesso dallo stesso Dukan, e per questo motivo è così difficile da seguire: ci vuole tanta forza di volontà per resistere con una dieta così monotona e che può comportare anche disturbi fisici.

 

 

La dieta Dukan dei 7 giorni (pubblicata in Italia nel 2014) dovrebbe ovviare a questi problemi, riducendo in modo netto la durata delle varie fasi, a un solo giorno per fase. In pratica si inizia il primo giorno mangiando solo proteine magre e crusca, e poi si prosegue così:

  • il secondo giorno si introducono le verdure;
  • il terzo giorno si introduce le frutta;
  • il quarto giorno si introduce il pane integrale;
  • il quinto giorno si introduce il formaggio;
  • il sesto giorno si può fare un pasto "amidaceo"
  • il settimo giorno si può fare un pasto libero, "della festa".

Secondo Dukan in questo modo si possono perdere 700-800 g la settimana.

La dieta si può ripetere di settimana in settimana, oppure si può sospendere ricominciando la fase di mantenimento prevista dalla dieta Dukan standard.

Analisi critica della dieta Dukan dei 7 giorni

Dieta Dukan dei 7 giorni

La dieta Dukan dei 7 giorni è il tentativo di proporre qualcosa di nuovo, per mantenere vivo l'interesse per questa dieta, catturare qualche nuovo cliente o recuperare persone che hanno già seguito la dieta senza successo.

Dal punto di vista della scienza dell'alimentazione, vale quello che abbiamo già detto riguardo alla Dukan classica, e a tutte le diete iperproteiche: una volta cessata la dieta, se il soggetto non impara a gestire un'alimentazione normale, non potrà mai pensare di mantenere i kg persi. Tempo qualche mese, o al massimo pochi anni, e i kg si ripresentano tutti. Una dieta è per sempre: se l'alimentazione per perdere peso è molto diversa dalla propria dieta abituale, il rischio di tornare ad ingrassare è praticamente una certezza.

In questo caso, va anche sottolineata l'assurdità di una dieta dove le calorie aumentano con il passare dei giorni: il metodo migliore per non dimagrire. Infatti il nostro organismo è più reattivo nei primi giorni, quando basta una piccola riduzione della quantità di cibo per vedere un sostanzioso dimagrimento, poi col passare dei giorni diventa sempre più difficile, e allora si può spiazzare l'organismo abbassando ulteriormente le quantità per continuare a perdere peso. Aumentandole, come nella dieta Dukan dei 7 giorni, è probabile che l'organismo reagisca stabilizzando il peso. Con tutta probabilità, il pranzo delle feste finale sarà il colpo di grazia per vedere, il lunedì successivo, un dimagrimento ridicolo, o pari a zero. In parole povere: fatica sprecata.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.


Carne vegetale: sembra carne ma non lo è

La carne vegetale, poco nota in Italia, è un preparato di origine vegetale che ha sapore, gusto e consistenza simili a quello della carne da allevamento.


Carne artificiale o coltivata: in laboratorio la carne etica

La carne artificiale, o coltivata, è un tipo di carne prodotta in laboratorio. La sua tecnologia di produzione è ancora da mettere a punto e i costi sono ancora elevati.

 


Dieta Carb Lovers (dieta dei carboidrati)

Dieta Carb Lovers: un claim molto furbo quello di proporre i carboidrati per dimagrire, in realtà è la solita dieta da 1200 calorie.


Zapote nero: il frutto al cioccolato

Lo zapote nero è una pianta originaria del Sud America che ha poche calorie e un gusto simile a quello del cioccolato.


Eritritolo: il dolcificante salubre e senza calorie

L'eritritolo è un dolcificante naturale quasi privo di calorie, senza apparenti effetti collaterali e senza retrogusto. Ha un potere dolcificante soddisfacente.


Nutriscore (etichetta a semaforo): utile o dannosa?

Un recente dibattito dell'Unione Europea sulle etichette a semaforo per aiutare la popolazione ad alimentarsi in modo più equilibrato: vantaggi e svantaggi.