Salame Varzi

Il salame Varzi è prodotto in una zona vocata alla produzione di salami. Varzi sorge al centro della Valle Stàffora, in provincia di Pavia, a mt 416 s.l.m., nel cuore dell'Oltrepò Pavese. Nella stessa zona, ma in Piemonte, viene prodotto il salame "Nobile del Giarolo", cugino del Varzi. Qui il salame è religione: ogni famiglia produce orgogliosamente il proprio salame e in tutte le macellerie, il salame è salume più promosso.

 

 

Purtroppo la DOP del salame Varzi presenta gravi pecche di disciplinare, infatti consente l'uso di nitriti e zuccheri, che fortunatamente non tutti i produttori utilizzano (quelli giusti li trovi nel nostro archivio).

La zona di produzione comprende tutti i comuni facenti parte della Comunità montana n. 1 - Oltrepò Pavese - con esclusione dei comuni di Borgopriolo, Borgoratto, Mormorolo, Montalto Pavese e Ruino.

Caratteristiche del salame Varzi

I maiali devono essere abbattuti e dissanguati dentro la zona di origine, non sono ben chiari i vincoli sulla provenienza dei maiali, che devono essere (cito dal disciplinare) "comunque provenienti da allevamenti di zona a caratteristica tradizionale suinicola della Provincia di Pavia e da allevamenti situati nei comuni della provincia di Alessandria e di Piacenza confinanti con la zona di produzione del "Salame Varzi" o da altre zone a tipica vocazione per allevamento di suini". Dato che le regioni "a tipica vocazione per allevamento di suini" sono ben 11 (almeno quelle che producono suino pesante italiano), l'ultima riga distrugge i buoni propositi delle precedenti!!!

 

 

I tagli di carne che possono essere impiegati sono: spalla, coscia, lonza, filetto, coppa opportunamente snervata, pancettoni convenientemente mondati, triti di prima qualità. Il grasso da impiegare è esclusivamente quello: del guanciale, della testata di spalla, del culatello e lardello, con esclusione dell’uso di carne congelata o comunque conservata.

Salame Varzi

La miscela di salagione deve essere costituita da sale marino, sodio, nitrato e/o sodio nitrito per quanto consentito dalla legge, pepe nero solo in grani, infuso di aglio e vino rosso filtrato. L'uso di starter autoctoni è consentito, in tal caso è consentito anche l'uso di zuccheri.

Il budello può essere solo naturale e ci sono vincoli sulla resa in pasta di salame per ogni maiale.Il salame Varzi è a grana grossa (per macinare la carne si usano stampi con fori da 12 mm) e piuttosto grasso: la percentuale di grasso deve essere del 30-33%.

Le categorie merceologiche

Il salame Varzi presenta le seguenti varianti merceologiche:

  • Salame di Varzi-Filzetta : peso da chilogrammi 0,5 a chilogrammi 0,7 - periodo minimo di stagionatura 45 giorni.
  • Salame di Varzi-Filzettone: peso da chilogrammi 0,5 a chilogrammi 1 - periodo minimo di stagionatura 60 giorni.
  • Salame di Varzi-Sottocrespone a budello semplice: peso da chilogrammi 1 a chilogrammi 2 - periodo minimo di stagionatura 120 giorni.
  • Salame di Varzi-Cucito a budello doppio: peso da chilogrammi 1 a chilogrammi 2 e più - periodo minimo di stagionatura 180 giorni.

Particolarmente affascinante è il Varzi-Cucito, un grosso salame (che richiede una lunga stagionatura) che viene insaccato in un doppio budello cucito nel senso della lunghezza.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.