Salame cremona IGP

Il Salame Cremona è un insaccato ottenuto dalla macinatura di carne di suino e prodotto nella Pianura Padana, in particolare nel comune di Cremona, ma anche in comuni limitrofi appartenenti alle regioni Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Piemonte.
La produzione del salame cremona affonda le sue radici nel territorio di Cremona a partire già dal Duecento, come riportato in alcuni documenti storici conservati nell'Archivio di Stato di Cremona, quando il salame veniva prodotto nei monasteri e distribuito alla popolazione nei giorni di festa.
Molti storici ricordano anche che fin dall'epoca romana la Pianura Padana è sempre stata un territorio vocato e adatto all'allevamento del maiale, quindi qualche forma rudimentale di salame probabilmente i Romani la conoscevano già.

 

 

Il riconoscimento come Salame Cremona IGP a livello europeo, però, è avvenuto solo recentemente, il 23 novembre 2011.  

Caratteristiche

Salame Cremona

Il Salame Cremona IGP è un salume insaccato in un budello naturale che si presenta di forma cilindrica, di diametro non inferiore ai 65 mm, di lunghezza non inferiore ai 150 mm e di peso non inferiore ai 500 grammi. Al tagli la fetta deve essere compatta e di consistenza morbida, il colore della pasta è rosso vivace con una pezzatura di grasso irregolare e di colore bianco. Il sapore del salame cremona è aromatico e speziato, intenso e deciso, mai acidulo. Localmente viene abbinato, oltre che alla tradizionale fetta di pane, anche alla frutta, kiwi, melone o fichi.

Produzione

Il Salame Cremona IGP viene prodotto nel rispetto delle fasi previste dal disciplinare e dunque procedendo alla macellazione dei tagli freschi dei suini italiani (razze White Large e Landrace italiane) ottenuti dalla muscolatura e dalle frazioni muscolari adipose. La carne viene macinata con sale, pepe nero in grani, aglio triturato e facoltativamente sono ammessi anche vino bianco o rosso fermo, zucchero o destrosio o fruttosio o lattosio, acido ascorbico, nitrito di sodio o di potassio. Come sempre, nei casi in cui il disciplinare ammette l'uso di nitriti, consiglio di leggere bene gli ingredienti e scegliere quei prodotti che non li contengono, sicuramente moltissimi produttori, soprattutto quelli più piccoli, scelgono di non utilizzare che il nitrato, come hanno probabilmente sempre fatto, evitando i nitriti che in genere vengono utilizzati solo per fissare il colore rosso.

 

 

Dopo che la carne è stata aromatizzata e triturata si passa all'insaccatura del salame in un budello naturale di suino, ovino, bovino o equino, di diametro non inferiore ai 65 mm. Segue dunque la legatura e l'asciugatura che avviene a temperature comprese tra i 15 e i 25°C. La stagionatura varia da un periodo minimo di 5 settimane per i salami di pezzatura piccola ad un periodo di 4 mesi per quelli di pezzatura grande, e avviene in locali areati a temperatura di 11-16°C. 

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.

Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP

Dolcissima, croccante e rossa, sono queste le caratteristiche che rendono tanto desiderata e appetibile la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP".

Branding, come funziona e che impatto ha nel settore alimentare

Con il termine branding si fa riferimento adattività che permettono di definire un marchio, rendendo il prodotto differente da quello dei competitor.

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

 

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.