Prosciutto veneto berico euganeo DOP

Il prosciutto veneto berico euganeo è un salume prodotto nella zona dei Colli Euganei e dei Colli Berici, in Veneto, tra le province di Verona, Padova e Vicenza.

 

 

La denominazione DOP come prosciutto veneto berico euganeo è stata ottenuta nel 1996 e questo salume è protetto e valorizzato dal Consorzio di Tutela che conta una decina di produttori.

A Montagnana, un piccolo comune della provincia di Padova, ogni anno a maggio viene organizzata una sagra in onore del prosciutto veneto...ma perché proprio a Montagnana?

Montagnana è stata scelta come città particolarmente vocata al prosciutto veneto, poiché i primi reperti archeologici che testimoniano la presenza di allevamenti suini sono stati ritrovati proprio qui e risalgono all'epoca preistorica.

Sicuramente i Romani già sapevano lavorare le carni del maiale e dal Medioevo in poi la lavorazione del prosciutto veneto entra nelle scene quotidiane raffigurate da dipinti e bassorilievi.

A fine Ottocento il prosciutto veneto vince un importante concorso organizzato dall'Esposizione Nazionale a Milano (1881) e nel 1904 ottiene il primo premio ad un'altra importante kermesse, internazionale questa volta, l'International Food a Londra. 

 

 

Materia prima

Prosciutto Veneto DOP

Come molti dei prosciutti più rinomati italiani, anche il prosciutto veneto DOP deve essere lavorato a partire dalle cosce di suini della categoria Gran Suino Padano DOP, che abbiano raggiunto i 9 mesi di età e i 160 kg di peso. Le razze di appartenenza ammesse dal siciplinare sono la White Large, la Landrace e la Duroc italiane.

I suini utilizzati per la produzione devono essere nati, allevati e macellati nelle regioni Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio e Umbria.

Produzione

 

 

Le cosce selezionate e destinate alla lavorazione del prosciutto veneto DOP vengono preventivamente tenute in celle di raffreddamento per 24 ore quindi sottoposte a rifilatura.

La salagione avviene a secco, esclusivamente con sale marino che viene usato massaggiando le cosce spesso durante i 10-15 giorni di salatura.

Poi il prosciutto viene conservato in ambienti controllati per un periodo di 75-100 giorni, per consentire l’asciugatura e la penetrazione del sale.

Al termine di questo periodo il prosciutto viene lavato, rifinito, asciugato e sottoposto a sugnatura, ovvero ricoperto con un impasto di farina e grasso.

Il periodo minimo di stagionatura è di 10 mesi per i prosciutti di peso finale tra 7 e 8,5 kg mentre è di almeno 12 mesi per quelli di peso superiore a 8,5 kg.

Una volta dato il via libera da parte del Consorzio, il prosciutto veneto DOP viene marcato a fuoco con il simbolo del leone alato. 

Caratteristiche

Il prosciutto veneto berico euganeo DOP si presenta di forma semipressata e privo del piedino. Il peso finale varia tra gli 8 e gli 11 kg (il minimo scende a 7 kg se disossato).

Il colore della fetta è di un rosa non troppo acceso per quanto riguarda la parte magra, mentre è di un colore bianco brillante per la parte grassa. L'aroma e il gusto sono delicati, tendenti al dolce.

In Veneto viene usato per tanti piatti tradizionali regionali come il risotto al prosciutto, il radicchio trevigiano al forno con prosciutto, la zuppa contadina al prosciutto.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.