Cucina veneta - Ricette venete

Prodotti tipici veneti

Elenco produttori del Veneto

Vini DOC e DOCG del Veneto

La cucina veneta è dominata da quattro elementi, tutti di importazione: polenta, riso, fagioli e baccalà. Su questi cardini si sviluppa un ampio ventaglio di ricette, alcune delle quali sono diventate famose in tutta Italia.

La farina di mais arrivò nel '500, imposta dalla Serenissima nella pur generale diffidenza dei coltivatori verso ogni cosa nuova, i fagioli sono contemporanei al granturco; il riso, arrivato dal mondo arabo, dalla prima metà del 1500 venne coltivato nelle vaste pianure di Roverchiara e Palù nel veronese, dove ancora oggi si produce una interessante varietà di riso vialone nano tutelata dal marchio DOP.

Il riso nella cucina veneta

Tra le ricette a base di riso della cucina veneta, i più famosi sono "risi e bisi" e "risi e figadini".

Non sono piatti asciutti ma minestre dense, la prima tipicamente primaverile con l'impiego di pisellini freschi, la seconda con i fegatini di pollo.

Altri risotti della cucina veneta sono quelli con il pesce, con i "rovinassi" (resti del pollo dopo la separazione dei petti e delle cosce), con i fagioli di Lamon, con i "bruscandoli", con le lumache, con il radicchio rosso di Treviso.

Molto curioso è "risi in cavroman", piatto levantino nel quale il riso è cotto in un intingolo di carne di castrato insaporito con cannella e garofano.

Le ricette venete a base di baccalà

Cucina veneta - Ricette venete

Il baccalà è uno degli elementi fondanti della cucina veneta. Più propriamente viene chiamato stoccafisso, invertendo i termini rispetto al resto d'Italia, dove lo stoccafisso è il pesce essiccato, il baccalà quello salato: nella tradizione veneta, questi termini vengono invertiti. Proveniente dal Nord Europa, era importato come merce di scambio nei traffici delle spezie.

Tra le ricette venete a base di baccalà ricordiamo quello mantecato con la polenta: una crema delicata e gustosissima che i veneti mangiano con l'aperitivo, come antipasto, come primo o come secondo. Famoso anche il baccalà alla vicentina che deve cuocere per circa due ore e la cui ricetta, come ogni ricetta tradizionale che si rispetti, è causa di discussioni infinite tra i gastronomi: se fra gli ingredienti c'è il latte, c'è il sedano, ci sono le patate ecc. ecc.

Le spezie nella cucina veneta

 

 

La potenza della Repubblica di Venezia è raccontata in cucina dal ricco impiego di spezie: non solo del pepe ma della cannella, dei chiodi di garofano, dell'uvetta di Corinto e di altri ingredienti provenienti soprattutto dall'oriente. Grandi trasportatori di spezie, i veneziani le hanno non solo commerciate ma anche adottate nella loro cucina e in parte diffuse in tutta la regione.

Se nel resto dell'Europa le spezie furono spesso utilizzate per conservare i cibi più che per modificarne il sapore, la cucina veneta, e quella veneziana in particolare, accolse alcuni principi alimentari creando ricette nuove: è il caso del "saor" che risulta essere un esempio di equilibrio fra dolce, agro, e salato. Le "sarde o sardelle in saor" sono il piatto della cucina veneta che meglio interpreta questo abbinamento: il pesce fritto viene adagiato in un letto di cipolle viene esaltato dal sapore agro dell'aceto e stemperato nel dolce dei pinoli e dell'uvetta passa. Questa antica ricetta, elaborata ma non difficile, permetteva la conservazione del pesce cucinato per diversi giorni, cosa non da poco in tempi in cui non esisteva il cibo in scatola e la refrigerazione.

Il fegato e i volatili

L'utilizzo delle carni degli animali da cortile era molto diffusa nella cucina famiglie ricche veneziane e molte ricette venete prevedono l'uso di queste carni.

Ancora oggi sopravvive l'uso dell'"oca in onto" che letteralmente significa l'oca sotto grasso. Vi facevano ricorso le famiglie veneziane per conservare sufficienti scorte di carne nutriente e di grasso per l'inverno. Oggi si trova ancora nell'uso familiare della cucina veneta e in determinate botteghe di tradizione. L'oca viene messa in un recipiente coperto con una base d'olio, rametti di rosmarino, spicchi d'aglio, sale e pepe. Si lascia cuocere adagio in modo che esca la maggior quantità possibile di grasso. Quando la carne dell'animale è abbastanza tenera, si toglie, si elimina la pelle e si disossa tagliando a pezzi i petti e le cosce, e si conserva in un orcio di terracotta alternandola con foglie di alloro e comprendola con il suo grasso.

Una ricetta fortunata della cucina veneta è il famoso fegato alle cipolle, preparato con un soffritto di burro e cipolla, con l'aggiunta di succo di limone per fornire la giusta acidità. Anche il fegato dei volatili viene utilizzato spesso nella cucina veneta, soprattutto per insaporire minestre e risotti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Wellness Gourmet


Croazia -Trogir, Split (Spalato)

Viaggio in Croazia e Friuli Agosto 2008 - Tappa 7: Trogir, Split (Spalato)


Bretagna - Cancale, Dinard, Pordic, Lannion

Viaggio in Francia Agosto 2007 - Tappa 4: Bretagna


Viaggio in Francia 2005 - Grenoble e le Alpi

Viaggio in Francia Agosto 2005 - Tappa 5: Grenoble e le Alpi


Sasso Marconi - Festa del tartufo

La Tartufesta, o Festa del tartufo, che si tiene a Sasso Marconi a fine ottobre.

 


Viaggio in Francia 2005 - Formaggi dell'Auvergne - Roquefort, Saint Nectaire...

Wellness Gourmet - Viaggio in Francia Agosto 2005 - Tappa 3: Auvergne


Cucina veneta - Ricette venete

Cucina veneta e ricette venete: baccalà, sarde in saor, risotti, piatti di montagna...


Viaggio gastronomico a Vienna

Viaggio gastronomico a Vienna: la capitale austriaca, una città molto bella e ricca di cose da vedere, anche per il turista gastronomico.


Cucina e ricette della Sicilia

La cucina siciliana e le ricette tipiche della Sicilia: dagli arancini alla cassata.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.