Tagliere da cucina

Il tagliere è uno degli strumenti più importanti in cucina. Si tratta del piano su cui si lavorano gli alimenti e dunque è molto importante che abbia le caratteristiche adatte allo scopo, pena il peggioramento della qualità di vita in cucina.

 

 

Vediamo una ad una quali sono le caratteristiche che deve avere un buon tagliere.

Le dimensioni del tagliere

Tagliere

Troppo spesso vedo cucine con un tagliere troppo piccolo, che ha i seguenti svantaggi:

  • è troppo instabile, tende a muoversi durante l'utilizzo;
  • non garantisce uno spazio di manovra sufficiente;
  • non protegge il piano di lavoro dallo sporco.

Le maggior parte delle mie ricette sono veloci e relativamente semplici, tuttavia ho notato che esiste un collo di bottiglia ben preciso che allunga i tempi di preparazione: la preparazione delle verdure. La cucina Sì fa largo utilizzo di verdure e la loro preparazione è piuttosto importante per la riuscita del piatto, soprattutto l'uniformità dello spessore dei pezzi di verdura.

Il tagliere e il coltello sono gli strumenti che, insieme alla manualità dello chef (che si impara solo con l'esperienza) sono i fattori critici sui quali lavorare per diminuire il tempo necessario per questa operazione e parallelamente per aumentare la qualità della stessa. Il tagliere dovrebbe essere il più grande possibile, in modo tale da occupare la maggior parte dello spazio libero sul piano di lavoro. In questo modo si sporca solo il tagliere e il piano rimane pulito, inoltre avere un grande spazio per lavorare agevola moltissimo tutte le operazioni di preparazione dei cibi.

Oltre al tagliere grande, è utile averne uno più piccolo e leggero, che può servire quando si debba lavorare della carne o del pesce fresco, per evitare di contaminare altri cibi che debbano essere consumati crudi, che verranno lavorati sul tagliere principale.

 

 

Materiale del tagliere

Il materiale del tagliere può essere il legno o la plastica, il primo non va in lavastoviglie e va oliato con olio vegetale (di oliva o di semi) 1-2 volte l'anno, inoltre deve essere massiccio e di buona qualità per evitare che si imbarchi perdendo planarità. Può essere opportuno dotare il tagliere più grande di appositi gommini antiscivolo.

Evitare di acquistare più di 2 o 3 taglieri: l'importante è averne uno molto grande e uno o due piccoli, piuttosto che possedere 5 taglieri tutti di dimensione inadeguata. Il tagliere grande potrà essere riposto in verticale sul piano di lavoro, oppure potrà anche essere lasciato sul piano stesso, tanto qualunque cosa si appoggi sul piano di lavoro, è meglio appoggiarla sul tagliere per non sporcare o peggio rovinare il piano, a prescindere dal materiale con il quale è costruito. Un bel tagliere in legno massiccio avrà anche una funzione estetica e potrà quindi essere tranquillamente lasciato sempre sul piano di lavoro.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Udon - Saltati e in brodo

Gli udon o noodles udon sono spaghetti tipici della cucina giapponesi composti da farina di grano, sale e acqua.


Uovo alla Carlo Cracco (tuorlo d'uovo fritto)

L'uovo alla Carlo Cracco: lo chef che nobilita l'uovo, ne estrae il tuorlo per poi impanarlo e friggerlo.


Trippa alla romana

La trippa alla romana, il piatto povero del sabato laziale.


Triglie alla livornese

Le triglie alla livornese: una ricetta semplicissima e ipocalorica che affonda le sue origini nei primi anni del Novecento.

 


Tramezzini

I tramezzini, piccoli panini morbidi farciti a piacere, sono un tipico finger food conosciuto anche all'estero.


Tortino al cioccolato con cuore fondente

Tortino al cioccolato con cuore fondente o cuore morbido: due ricette per realizzarlo al meglio.


Tortilla spagnola

La tortilla spagnola: un piatto tradizionale simile ad una frittata a base di uova e patate.


Tortillas messicane ricetta

La tortilla messicana: una sorta di piadina di mais che è alla base i tanti piatti tipici messicani.