Amuchina: disinfettare alimenti, pelle, indumenti

Amuchina® è un marchio che viene utilizzato per commercializzare diversi prodotti disinfettanti, tutti a base di ipoclorito di sodio, il quale fu utilizzato inizialmente come agente sbiancante e solo in seguito venne scoperta la sua efficacia nel controllo infezioni. Venne successivamente utilizzato con il nome comune di candeggina e adoperato come disinfettante, agente sbiancante, in trattamenti medici e nella disinfezione dell'acqua potabile.

 

 

Amuchina nasce come azienda negli anni '30 e nel 2000 è stata acquisita dalla società Acraf.

Oggi, circa il 70% della quantità totale d'ipoclorito di sodio prodotto è usato per la produzione di candeggina per la pulizia della casa, per le sue caratteristiche di disinfezione e di rimozione delle macchie.

L'amuchina è commercializzata sottoforma di diversi tipi di prodotti per la disinfezione che sono attivi su:

  • superfici;
  • cute;
  • alimenti e oggetti;
  • indumenti.

Superfici

Per la disinfezione delle superfici esistono le seguenti formulazioni di amuchina:

  • spray;
  • liquida;
  • crema gel.

Sono prodotti per la pulizia che svolgono una doppia azione sgrassante e disinfettante e rientrano nella categoria dei presidi medici chirurigici e pertanto svolgono una funzione antibatterica che non può essere svolta con la stessa efficacia da un normale pulitore multisuperficie. Un prodotto per poter essere definito presidio medico chirurgico, deve avere un'autorizzazione ministeriale e riportare sull'etichetta la seguente dicitura: "Presidio Medico Chirurgico – Reg n. 19194 Min. Salute". Sulla parte anteriore del contenitore invece, deve esserci il simbolo che permette d'identificare tale categoria di prodotti.

 

 

Per quanto riguarda l'utilizzo, le modalità d'uso differiscono in base alla formulazione; ad esempio lo spray va spruzzato a una distanza di 20-25 centimetri, anche se tale indicazione non va intesa nel senso che spruzzando il prodotto a 10 centimetri di distanza si possano provocare dei danni sulla superfice da trattare, ma è consigliabile seguirla in quanto si riesce a coprire meglio l'area da disinfettare. Il liquido va quindi lasciato agire sulla superficie per 15 minuti, trascorso tale periodo va rimosso con un panno bagnato di acqua "potabile” (la specifica “potabile” è quella adottata dal produttore, si tratta di una ulteriore precauzione da seguire per evitare che si utilizzi acqua contaminata che potrebbe vanificare l'azione germicida del prodotto).

Importante sottolineare come i prodotti amuchina per superfici non vadano utilizzati per disinfettare superfici di legno non trattato, di alluminio e zinco in quanto presentano azione potenzialmente corrosiva.

Come tutti i prodotti di amuchina, nella formulazione è presente ipoclorito si sodio, il quale è irritante per la pelle e le mucose e deve perciò essere adoperato con cautela.

Amuchina

Pelle e ferite

L'amuchina ad azione disinfettante sulla cute è utilizzata per prevenire e curare infezioni che potrebbero manifestarsi in seguito a tagli, graffi e piaghe da decubito (Amukine Med) oppure per proteggere ed eliminare batteri sulla pelle con cui si viene a contatto ogni giorno (amuchina gel, spray e sapone).

I prodotti utilizzati sono a base d'ipoclorito di sodio. I composti sono diluiti, in modo da diminuire l'azione irritante, il cloro, utilizzato in questi prodotti, è un forte antisettico il quale uccide molte forme di batteri e virus.

Esistono diverse formulazioni di amuchina per la cute, fra cui:

  • gel disinfettante;
  • gel igienizzante;
  • spray;
  • sapone.

 

 

La modalità d'utilizzo delle formulazioni gel consiste nel versare una quantità di prodotto tale che permetta di strofinare le mani per almeno 30-60 secondi fino a completa asciugatura. Il prodotto si utilizza senz'acqua.

La formulazione spray è indicata per la disinfezione della cute non lesa e viene spesso adoperata per disinfettare la pelle precedentemente ad un'iniezione.

Può essere utilizzata direttamente sull'area cutanea da disinfettare o tramite una garza sterile imbevuta. Prima di effettuare la disinfezione è opportuno rimuovere eventuali residui di materiale organico e sporco e lo spray deve essere spruzzato fino a ricoprire uniformemente l'area da disinfettare.

Per la disinfezione delle mani è consigliato seguire le seguenti indicazioni: erogare 2 colpi di spray sui palmi di entrambe le mani, poi strofinare le mani l'una sull'altra per 30 secondi, successivamente ripetere l'operazione e strofinare le mani per altri 30 secondi e lasciare infine asciugare a contatto con l'aria.

Quando viene utilizzato sulle ferite, la soluzione di Amukine Med viene versata direttamente sulla zona interessata dalla ferita.

Generalmente viene impiegato una volta al giorno nei casi di ferite lievi e due volte al giorno per lesioni più importanti o contaminate.

Gli effetti collaterali sono correlati alla presenza d'ipoclorito di sodio, il quale può essere irritante per la pelle (in casi d'intolleranze) e per gli occhi e causare bruciore e irritazione.

Inoltre bere piccoli volumi (al di sotto di 200 ml negli adulti e 40-50 ml nei bambini) di soluzione di ipoclorito di sodio può provocare ustioni alla bocca, alla gola e allo stomaco, oltre a nausea e vomito, anche se è improbabile che si creino lesioni gravi. L'ingestione di grandi quantità può invece causare sintomi più importanti quali vomito, bava alla bocca, dolori addominali, diarrea e ustioni alla gola.

Alimenti e oggetti

Per la disinfezione di alimenti (frutta e verdura) e oggetti (come poppatoi e stoviglie) esistono due formulazioni differenti di Amuchina:

  • soluzione liquida concentrata;
  • compresse.

L'azione disinfettante è assicurata grazie alla presenza d'ipoclorito di sodio, il quale è battericida vero lo Staphylococcus Aureus e lo Psudomonas Aeruginosa in 5-15 minuti di contatto (a seconda della diluizione della soluzione).

L'amuchina liquida concentrata deve essere diluita con la normale acqua del rubinetto prima dell'impiego, facendo attenzioni alle seguenti indicazioni:

  • Non deve essere ingerita (ad esempio, l'ingestione di amuchina può provocare effetti transitori, di breve durata, come nausea, problemi gastrici e addominali, dovuti al carattere alcalino della soluzione).
  • Può comparire un modesto effetto irritante sulla cute a concentrazioni superiori al 5%, pertanto in questo caso è necessario l'utilizzo dei guanti. In caso di contatto con la pelle, è opportuno lavare con abbondante acqua corrente.
  • In caso di contatto con gli occhi, lavare con soluzione fisiologica e consultare un medico.
  • Prima di disinfettare qualsiasi superficie o materiale occorre pulirlo accuratamente, lavarlo con un prodotto detergente, sciacquarlo accuratamente e applicare quindi la soluzione di ipoclorito di sodio.
  • Non deve essere utilizzata su metalli, i quali vengono corrosi.
  • Non va mai essere mescolata con altre soluzioni che non siano acqua.
  • Non deve mai essere mescolata con acidi perché libera cloro gassoso che è altamente tossico.
  • Va conservata al riparo del calore e della luce, in luoghi non accessibili ai bambini.
  • La diluizione si effettua usando acqua fredda.

Le compresse disinfettanti sono indicate per il lavaggio antisettico di frutta e verdura, per la disinfezione di oggetti in gomma, plastica e vetro, stoviglie da cucina e riduzione della carica batterica dell'acqua da bere in caso di emergenze.

Indumenti

L'amuchina può essere anche utilizzata come additivo per la disinfezione degli indumenti, sia in forma liquida che in polvere.

Questi prodotti possono essere utilizzati sia per il lavaggio in lavatrice che in quello a mano e permettono di disinfettare i capi, soprattutto per bambini, anziani e malati che vengono in contatto con un elevato tasso di germi e batteri.

I tessuti maggiormente indicati sono il cotone e i tessuti resistenti, per la formulazione in pastiglia, mentre per quella liquida sono indicati tutti i tipi di tessuti (cotone, lana, seta e capi delicati).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.

 


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.