PSA - Esame per la prostata

Il PSA (Prostate-specific antigen) corrisponde all'antigene prostatico specifico, è una glicoproteina secreta esclusivamente dalla ghiandola prostatica che compone lo sperma e solo in minima quantità va nel sangue (PSA normale nel sangue < 4 ng/ml).

 

 

Solitamente il PSA aumenta se c'è qualche patologia alla prostata, che sia ipertrofia, tumore o infezione. In linea di massima,  più la prostata è voluminosa, più aumenta il valore del PSA.

C'è da sottolineare il fatto, molto importante, che il PSA è un indicatore altamente sensibile ma poco specifico: ovvero è sensibile a qualsiasi fattore che possa riguardare la prostata, ma non è specifico di nessuna malattia. Trovare un PSA alto non è sempre sinonimo di carcinoma alla prostata, può tranquillamente essere una prostatite o un'ipertrofia prostatica.

PSA

Per questo motivo è sempre utile affiancare il valore del PSA a una esplorazione rettale e all'ecografia e nei casi dubbi si procederà alla biopsia, per scongiurare il rischio di un carcinoma, ben più grave di una infezione o una ipertrofia prostatica benigna.

Da ricordare anche che il PSA può essere aumentato, in maniera non patologica, nei pazienti che stanno seduti molto tempo, negli autisti, nei motociclisti, nei ciclisti, nei fumatori e dopo i rapporti sessuali.

Dosaggi del PSA

 

 

Esistono diversi dosaggi del PSA, tutti effettuati tramite l'analisi del sangue, che servono a dare un indicazione più completa nel caso in cui ci sia il dubbio di trovarsi di fronte a un tumore piuttosto che ad una ipertrofia benigna.

  • PSA free: solitamente il 90% del PSA è legato ad una proteina. Nei tumori la frazione di PSA legato aumenta ancora, quindi il rapporto tra il PSA libero e il PSA legato diminuisce (cut off < 0,15).
  • PSA velocity: si tratta della velocità di aumento annuale del PSA, si ritiene sospetto se > 2 ng/ml/anno.
  • PSA doubling time: si tratta del tempo di raddoppiamento del PSA, ritenuto sospetto se raddoppia in meno di 12 mesi.
  • PSA density: concentrazione del PSA rispetto al volume della ghiandola. Ovviamente è più sospetto un PSA elevato con la ghiandola di piccole dimensioni.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Listeria monocytogenes: alimenti, sintomi e prevenzione

La Listeria monocytogenes è un batterio ubiquitario che si trova in diversi alimenti e sopravvive anche in frigo.

 

Bacopa monnieri - Integratori - Controindicazioni

La Bacopa monnieri è una pianta usata nella medicina ayurvedica a cui si attribuiscono diversi effetti, alcuni molto probabili altri meno.

Mucuna pruriens: l'integratore per il Parkinson

La mucuna pruriens è una pianta studiata perché ricca di L-Dopa e quindi di potenziale utilizzo, fra gli altri scopi, per alleviare i sintomi del Parkinson.

Foam roller: funziona? Utilizzo per schiena, ginocchio, cellulite...

Il foam roller è uno strumento di auto-trattamento molto di moda. Scopriamo per cosa è davvero efficace, e come utilizzarlo.

Integratori di vitamine B per la salute mentale

Gli integratori di vitamine B potrebbero essere utili per la salute mentale, ma i loro effetti a riguardo non sono ancora certi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.