Ipertrofia prostatica benigna

L'ipertrofia prostatica benigna (IPB) è forse la patologia di più frequente riscontro in ambito urologico, talmente frequente da essere quasi considerata parafisiologica. Si stima infatti che l'ipertrofia prostatica benigna colpisca il 70% degli uomini sopra i 60 anni e addirittura il 90% dei pazienti sopra i 70 anni.

 

 

La ghiandola prostatica presenta tre diverse componenti: quella ghiandolare, quella stromale e quella muscolare liscia, tutte e tre aumentate in caso di ipertrofia prostatica benigna. Tuttavia, non tutta la prostata è coinvolta, ma solo la porzione centrale, quella peri-uretrale, così chiamata proprio perché si trova intorno all'uretra, che convoglia l'urina dalla vescica all'esterno attraverso il pene.

Sintomi

I sintomi dell'ipertrofia prostatica, come abbiamo già accennato in precedenza, sono principalmente urinari e si distinguono in ostruttivi e irritativi.

Sintomi ostruttivi: sensazione di ostacolo al flusso urinario, ritardo all'inizio del mitto, difficoltà alla prima minzione del mattino, urgenza minzionale.

Sintomi irritativi: pollachiuria (fuoriuscita di poche gocce di urina nonostante la frequente urgenza di urinare), stranguria (minzione lenta e dolorosa) e disuria (emissione di urina difficoltosa ma non necessariamente dolorosa).

 

 

Il paziente riferisce difficoltà a urinare perché la prostata ingrandita, essendo posta al di sotto della vescica, inibisce l'apertura del collo vescicale oltre che comprimere e quindi chiudere la porzione di uretra che vi passa nel mezzo.
Mano a mano che l'ipertrofia prostatica evolve, si possono individuare 4 fasi successive.

  1. Fase di compenso: la vescica tenta di compensare l'ostruzione urinaria andando incontro anch'essa a ipertrofia per vincere la resistenza al flusso. I sintomi sono lievi, solo un po’ di difficoltà a urinare.
  2. Fase iniziale: iniziano a verificarsi i primi sintomi ostruttivi e irritativi.
  3. Fasi di scompenso: l'ipertrofia della vescica non basta più, i sintomi diventano più importanti e compare un residuo post-minzionale, ovvero la vescica non si svuota più come dovrebbe. Questo causa progressiva stasi urinaria, aumento del rischio di infezioni delle vie urinarie (uretriti, prostatiti, ecc..) e distensione sia della vescica che degli ureteri (gli ureteri collegano la vescica al rene). Il paziente avverte una sensazione di peso a livello pelvico, dovuto appunto a questa vescica che fatica a svuotarsi.
  4. Fase terminale: la vescica non si svuota più, il paziente smette di urinare e c'è il grave rischio di idro-nefrosi, ovvero l'urina risale lungo gli ureteri arrivando sino al rene, con conseguenze insufficienza renale.

 

 

Fortunatamente, raramente si arriva all'insufficienza renale perché si interviene prima, durante la fase di scompenso, svuotando la vescica.

Terapia

La terapia della IPB si può avvalere sia dei farmaci che della chirurgia.
La terapia farmacologica dell'iertrofia prostatica si basa principalmente su alcuni farmaci come la Finasteride o la Dutasteride, entrambi inibitori della 5-alfa reduttasi, enzima che trasforma il testosterone in diidrotestosterone, ormone con una potente azione androgena (ha un'azione 4-5 volte maggiore del testosterone). Altri farmaci sono i cosiddetti alfa-litici come la doxazosina, la proalfuzosina, la terazosina e la tamsulosina), che agiscono invece rilassando la muscolatura della prostata migliorando di conseguenza la minzione. Tutti questi farmaci hanno effetti collaterali da non sottovalutare come mal di testa e vertigini, pressione bassa; e poi deficit erettivi, eiaculazione retrograda e ginecomastia, e tendono a perdere di efficacia col tempo.

Per le terapie chirurgiche rimandiamo all'articolo sugli interventi chirurgici alla prostata.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Listeria monocytogenes: alimenti, sintomi e prevenzione

La Listeria monocytogenes è un batterio ubiquitario che si trova in diversi alimenti e sopravvive anche in frigo.

 

Bacopa monnieri - Integratori - Controindicazioni

La Bacopa monnieri è una pianta usata nella medicina ayurvedica a cui si attribuiscono diversi effetti, alcuni molto probabili altri meno.

Mucuna pruriens: l'integratore per il Parkinson

La mucuna pruriens è una pianta studiata perché ricca di L-Dopa e quindi di potenziale utilizzo, fra gli altri scopi, per alleviare i sintomi del Parkinson.

Foam roller: funziona? Utilizzo per schiena, ginocchio, cellulite...

Il foam roller è uno strumento di auto-trattamento molto di moda. Scopriamo per cosa è davvero efficace, e come utilizzarlo.

Integratori di vitamine B per la salute mentale

Gli integratori di vitamine B potrebbero essere utili per la salute mentale, ma i loro effetti a riguardo non sono ancora certi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.