Ipocondria

L'ipocondria è meglio definita in termine medico come patofobia e fa parte sia dei disturbi d'ansia legati a una fobia specifica (paura di essere ammalati senza percepire sintomi), sia ai disturbi somatoformi (paura della malattia con percezione di sintomi reali).

 

 

Il quadro patologico è caratterizzato dalla presenza di sintomi, non inventati (come nella simulazione) ma realmente provati, legati a una patologia senza che sia effettivamente presente.

Quando si ammala, l'ipocondriaco tende a lamentarsi dell'intensità del suo stato di malessere in modo incongruo rispetto all'effettiva gravità di malattia.

Questa condizione si presume sia legata allo stress causato da un conflitto che si viene a generare,  il sintomo che ne sfocia serve per distogliere l'attenzione ed evitare quindi di affrontarlo. Inoltre il sintomo viene anche utilizzato come uno scudo per evitare circostanze che la persona ritiene pericolose.

L'epidemiologia è alquanto incerta perché è una malattia di difficile riconoscimento, la prevalenza secondo alcuni studi è del 5% circa, con egual numero tra uomini e donne.

Sintomi e segni

Ipocondria

Solitamente un ipocondriaco è ossessionato dalla ricerca continua di sintomi premonitori di insorgenza delle più svariate malattie.

Questa preoccupazione è tale da richiedere spesso consulti medici e specialistici che però non riescono comunque a ridurre i livelli di ansia e paura che si generano nel malato, creando un circolo vizioso di preoccupazione senza fine.

L'ansia può essere scatenata, unicamente, sentendo parlare o leggendo sui giornali di una patologia e sospettandone quindi di esserne affetti.

I pensieri del soggetto, per una buona parte della giornata, sono incentrati sul sintomo percepito e sulla malattia che potrebbe causarlo, portando a volte alla messa in atto di rituali di controllo per autovalutare il proprio stato di salute (un classico esempio è la misurazione ripetuta della pressione in caso di  paura di patologie cardiache).

 

 

Inoltre, tipicamente, la preoccupazione di essere ammalati affolla i discorsi dell'ipocondriaco, utilizzando il sintomo provato come fulcro dei propri discorsi.

Terapia

È una patologia di difficile trattamento, che richiede una terapia continuativa.

Come terapia farmacologica si possono utilizzare benzamidi (sulpiride, levosulpiride) a basse dosi, con un miglioramento effettivo fintanto che viene somministrato il farmaco, mentre per la riduzione dello stato ansioso possono essere utilizzate benzodiazepine. In alcuni casi possono essere efficaci anche gli antidepressivi.

Spesso, si può rendere necessario un intervento psicoterapeutico per individuare e interrompere  le spirali viziose creatisi, anche se un buon rapporto con il proprio medico di fiducia può arginare notevolmente lo stato d'ansia per lunghi periodi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.

 


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.


Trapianto fecale: promettente utilizzo del microbiota intestinale

Il trapianto fecale è una promettente tecnica che ha diverse applicazioni promettenti, tra cui contro la colite ulcerosa e la colite pseudomembranosa.


Morbo celiaco o celiachia

Il morbo celiaco o celiachia è una malattia cronica, con caratteristiche lesioni della mucosa dell'intestino tenue e malassorbimento.


Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine

Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine sono state stilate da AIC e prevedono non solo alimenti da escludere ma anche comportamenti da adottare in cucina.