Impetigine

L'impetigine è la più comune infezione superficiale della cute, colpisce lo strato dell'epidermide, quindi quello più superficiale.

 

 

Epidemiologia

È tipico dell'età infantile, colpisce frequentemente bambini tra i 2 e i 5 anni e si può presentare sporadicamente oppure tramite piccole epidemie estive.

Patogenesi

Solitamente sono due i batteri responsabili dell'impetigine: lo stafilococco aureo e lo streptococco piogenico.

Questi batteri sono normalmente presenti sulla nostra pelle e possono dare infezione appena si ha un indebolimento delle difese della cute (un taglio, una ferita, un graffio).

È altamente contagiosa e si può trasmettere anche solo toccando le lesioni.

Accanto alla forma primaria esiste il fenomeno secondario dell'impetiginizzazione, per sovrainfezione di preesistenti dermatosi (dermatite atopica, dermatite da contatto, herpes simplex, disidrosi, ecc…).

Se non trattata adeguatamente, l'impetigine può espandersi rapidamente coinvolgendo  una vasta superficie del corpo.

Segni clinici e sedi

Impetigine

Le sedi più frequentemente colpite sono la zona intorno agli orifizi, le docce nasali e in genere tutte le sedi scoperte e accessibili: viso, arti superiori e inferiori. Può poi diffondere in altre sedi per autoinoculazione.

Spesso è accompagnata da prurito e fastidio anche intensi. In genere non c'è febbre, ma nelle forme estese ci possono comparire linfoadenopatie (ingrossamento di alcuni linfonodi).

Dal punto di vista clinico, si distinguono appunto 2 forme in base al batterio che causa l'infezione.

 

 

Forma streptococcica. È caratterizzata da piccole vescicole a contenuto prima sieroso limpido, poi torbido e purulento, ricco di batteri e neutrofili. Queste vescicole vanno poi incontro a rottura lasciando sulla cute croste giallastre contornate da un alone eritematoso.

Forma stafilococcica. Più frequente nel neonato e nel lattante. Caratterizzata da lesioni vescicolari grandi a contenuto prima limpido poi sieropurulento prive di alone eritematoso che evolvono, dopo la loro rottura, in croste giallo-brune.

Diagnosi

 

 

È clinica. Nei casi dubbi si ricorre a esami batteriologici e colturali per evidenziale il batterio responsabile dell'infezione.

Terapia

Solitamente, quando l'impetigine è limitata ad aree circoscritte, si ricorre alla terapia topica, con pomate antibiotiche (gentamicina, aureomicina, bacitracina) applicate sulla zona interessata per 7-10 giorni fino a 3 volte al giorno.

Se l'impetigine risulta essere estesa, resistente alle terapie, o negli immunodepressi, si somministrano antibiotici per via sistemica, come le penicilline o i macrolidi, per 10 giorni circa.

Per precauzione, è meglio che i bambini infetti rimangano a casa da scuola per 1-2 giorni dall'inizio della somministrazione dell'antibiotico per via orale o topica.

Importante è lavarsi molto bene le mani dopo aver applicato le creme e lavare spesso le mani del bambino. Inoltre lavare e disinfettare bene lenzuola, indumenti, asciugamani, ecc… e non condividerli con altre persone fino a completa guarigione.

Se le lesioni compaiono in aree non coperte da indumenti, coprirle con garze per evitare sia il contagio che il grattamento da parte del bambino.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Congestione digestiva

La congestione digestiva è un evento che interessa l'apparato gastrointestinale e si ha quando vi sono sbalzi di temperatura particolarmente elevati.


Rimedi contro le zanzare

I rimedi contro le zanzare sono diversi, di sintesi o naturali, e sono di differenti tipi ed efficacia. La loro efficacia è molto soggettiva.


Allergia alle uova: cause, sintomi, diagnosi e terapia

L'allergia alle uova è la reazione allergica più frequente nell'infanzia che va però a risolversi in seguito ad una dieta priva di uova e alimenti che le contengano.


Allergia alle arachidi: sintomi, cause, terapia

L'allergia alle arachidi è molto frequente e si manifesta sopratutto nei bambini. Non si riscontra una guarigione ma si stanno studiando nuove terapie in merito.

 


Nichel negli alimenti

Il nichel è presente in moltissimi alimenti a differenti concentrazioni. Possiamo, però, trovarlo anche in utensili da cucina, nelle tubature dell'acqua e nelle falde acquifere.


Allergia ai crostacei

L'allergia ai crostacei è molto comune ma a volte difficile da diagnosticare. In caso di soggetti allergici si devono evitare i crostacei e gli alimenti derivati.


Allergia al latte

L'allergia al latte si distingue dall'intolleranza al lattosio e alla caseina in quanto coinvolge la reazione del sistema immunitario.


Integratori per la stanchezza: inutili e dispendiosi

Gli integratori per la stanchezza non hanno effetti supportati da solide basi scientifiche ma vengono invece molto utilizzati sia per la sfera fisica che mentale

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.