Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante, di densità molto vicina a quella dell'aria, che brucia con formazione di anidride carbonica (CO2).

 

 

È tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta, questo perché la sua presenza è praticamente inavvertibile se mescolato all'aria in dosi tossiche.

Dove si trova

È presente in natura nelle esalazioni vulcaniche, ma può formarsi da qualsiasi processo di incompleta combustione di sostante contenenti carbonio (carbone, legno, olio combustibile, idrocarburi liquidi e gassosi, ecc…) in condizioni di carenza di ossigeno tali da impedirne la completa ossidazione ad anidride carbonica.

Le fonti di monossido di carbonio che espongono di più al rischio di intossicazione acuta sono senza dubbio quelle presenti in ambienti domestici, quando si abbia a che fare con apparati come stufe, caldaie, scaldabagni, cucine, radiatori, camini e bracieri.

Il pericolo è collegato sia al tempo di esposizione che alla concentrazione del gas nell'ambiente e si concretizza nel momento in cui la combustione avviene all'interno di uno spazio confinato senza le opportune cautele, in presenza di limitate quantità di ossigeno, o quando l'impianto manifesti un cattivo funzionamento.

Un'altra fonte è data dal gas di città o gas illuminante che contiene come combustibile monossido di carbonio in quantità variabile dal 5 al 14%.

Perdite o rotture nel sistema di distribuzione possono portare ad una invasione di locali abitati senza che il gas venga avvertito.

Anche lo scarico di autovetture ha la possibilità di provocare avvelenamento da CO soprattutto se si lascia il motore acceso in uno spazio chiuso come un'autorimessa.

Il monossido di carbonio è anche un componente in piccolissime percentuali dell'atmosfera e, a causa soprattutto del traffico veicolare, ne rappresenta uno dei principali inquinanti.

 

 

Fisiopatologia

La pericolosità per l'uomo è dovuta al fatto che il monossido di carbonio, possedendo un'affinità da 200 a 300 volte superiore a quella dell'ossigeno per l'emoglobina (proteina contenuta nel sangue responsabile del trasporto di ossigeno ai tessuti, nella respirazione, a livello alveolare nel plasma), si fissa ad essa in maniera preferenziale dando origine alla carbossiemoglobina (HbCO) ed impedisce la formazione di ossiemoglobina (HbO2) che garantisce i normali processi di ossigenazione.

I sintomi dell'avvelenamento da monossido di carbonio dipendono dalle concentrazioni di HbCO nel sangue. Valori che vanno fino al 10% rispetto all'emoglobina totale non comportano segni evidenti di intossicazione, che si manifestano invece per percentuali di HbCO dal 20 al 60-70%.

Intossicazione da monossido di carbonio

Si ritiene, a riguardo, che la concentrazione sia fatale quando i 2/3 dell'emoglobina sono combinati con il monossido di carbonio (il "coefficiente letale" è convenzionalmente indicato nel 66,6% di HbCO).

Va ricordato che può esservi una diversa risposta individuale all'agente tossico con la possibilità di produrre anche un abbassamento della soglia da ritenersi mortale.

Negli anziani, in ragione della diminuita capacità respiratoria, il pericolo di morte viene indicato per valori anche inferiori al 50% di HbCO.

 

 

I bambini, gli anemici e coloro che soffrono di disturbi cardiovascolari sono più sensibili agli effetti tossici dell'ossido di carbonio.

L'eliminazione dell'ossido di carbonio dal legame HbCO è lenta, risultando di 4-5 ore l'emivita biologica in adulti sani.

Data la costante presenza di monossido di carbonio nell'aria, nel sangue di ogni individuo se ne riscontrano quasi sempre piccole quantità non eccedenti l'1% come HbCO. Nei soggetti fumatori invece la percentuale può raggiungere valori attorno all'8-10%, in quanto nelle sigarette è presente il 6-8% di CO.

L'estrema insidiosità nel CO, gas subdolo, perché inavvertibile, che per esempio in concentrazioni dello 0,15-0,2% nell'aria conduce a morte in circa mezz'ora, fa sì che numerosissime siano le intossicazioni acute mortali di natura accidentale, meno frequenti i suicidi, estremamente rari i casi di omicidio.

Segni e sintomi

Segni di avvelenamento acuto sono fondamentalmente il risultato di danno anossico di tutti i tessuti ed in particolare dell'encefalo e del miocardio, a seconda della frazione percentuale di HbCO rispetto al totale dell'ossiemoglobina (100%), si osservano:

  • 0-10% non segni clinici;
  • 11-20% emicrania modesta, dispnea, dilatazione di capillari della pelle;
  • 21-30% emicrania, pulsazioni alla tempia, debolezza;
  • 31-40% emicrania, disturbi visivi, nausea, vomito, adinamia, collasso;
  • 41-50% collasso, sincope, aumento delle pulsazioni;
  • 51-60% sincope, coma, convulsioni;
  • 61-70% coma, convulsioni intermittenti, depressione circolatoria e respiratoria, coma;
  • 71-80% polso debole, respiro irregolare, morte entro 2 ore;
  • 81-90% morte entro 60 minuti;
  • 90% morte entro 30 minuti.

 Dopo l'avvelenamento se non vi è stata un'esposizione  letale, lo stato del paziente ritorna normale, anche se uno stato comatoso, che sia durato più di 24 ore, lascia segni irreversibili a carico del sistema nervoso.

Tra i segni clinici ed i sintomi di avvelenamento cronico: emicrania, anemia, tachicardia, dolori precordiali, depressione, irritabilità e alterazioni del ciclo mestruale nelle donne.

Questa forma di avvelenamento cronico è caratteristico di lavori che si svolgono in un ambiente che contiene CO: garage, officine, ambienti cittadini fortemente inquinati e trafficati.

Trattamento

Il trattamento clinico dipende dal livello di saturazione dell'emoglobina.

Prima di tutto si rimuove il paziente dall'ambiente contenente CO e si somministra ossigeno se il livello di HbCO è > del 15%, altrimenti, se non eccede il 15% del totale dell'emoglobina, è sufficiente far respirare aria fresca.

Inoltre è opportuno immobilizzare il paziente, in quanto l'attività muscolare aumenta la richiesta di ossigeno e l'arrivo di questo al SNC è ridotto.

Tuttavia, quando il livello di HbCO supera il 40%, è necessario l'ossigeno in camera iperbarica.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Agopuntura: è solo effetto placebo?

L'agopuntura è una pratica tipica della medicina tradizionale cinese che viene proposta per diversi scopi terapeutici ma che non ha prove scientifiche solide.


Medicina alternativa

Medicina alternativa: elenco pratiche e analisi critica in base alla letteratura scientifica.


Fungo reishi: è davvero il fungo del'immortalità?

Il fungo reishi, il cui nome scientifico è Ganoderma lucidum, è un saprofita di alcune piante, usato nella medicina cinese ma dagli effetti non ancora ben confermati.


Criolipolisi: effetti e risultati

La criolipolisi è una metodica che sembra essere sicura ed efficace nella rimozione del grasso localizzato sottocutaneo. Non è efficace in caso di obesità e non ha effetti collaterali.

 


Acqua ossigenata: usi e caratteristiche

L'acqua ossigenata è un composto biodegradabile usato per diversi scopi e ambiti, come quello industriale, medico e cosmetico perché ha basso costo ed è facilmente reperibile.


NADH come integratore: cos'è, opinioni ed effetti

IL NADH è un coenzima che partecipa al metabolismo energetico. Viene spesso proposto come integratore per diversi scopi ma gli studi in merito sono deboli e con risultati incerti.


Rimedi naturali per la perdita dei capelli: funzionano?

I rimedi naturali per la caduta dei capelli non sempre funzionano. Alcuni potenziano l'effetto del farmaco, altri abbreviano la durata della caduta stagionale.


LMSM come integratore per capelli

L'MSM è una molecola usata sia in ambito industriale che per la formulazione di integratori, che favoriscono la crescita dei capelli.