Criptorchidismo

Per criptorchidismo si intende l'assenza unilaterale o bilaterale dei testicoli nello scroto a causa di un difetto della normale discesa testicolare dall'anello genitale attraverso l'anello inguinale esterno.

 

 

Infatti lo sviluppo del testicolo inizia all'interno della cavità addominale per poi scendere all'interno dello scroto solamente qualche giorno dopo la nascita.

Il criptorchidismo deve tuttavia distinguersi da altre condizioni come il testicolo ectopico (testicolo ritenuto ma in una sede non ordinaria), il testicolo retrattile (testicolo disceso nello scroto ma che a volte risale lungo l'anello inguinale esterno) e l'anorchia (assenza congenita del testicolo).

Incidenza

Il criptorchidismo è presente in circa il 30% dei bambini nati prima del termine fisiologico della gravidanza, mentre colpisce circa il 3% dei maschi nati a termine (il 10% dei quali presenta un criptorchidismo bilaterale).

Bisogna però considerare che il completamento della discesa dei testicoli si verifica durante le prime settimane dopo la nascita, dunque l'incidenza del criptorchidismo a un anno di età e nell'uomo adulto si calcola essere di 1-1,5% e 0,8% rispettivamente.

Cause

Criptorchidismo

L'eziopatogenesi del criptorchidismo può essere meccanica, per la presenza di un ostacolo alla progressione del testicolo, ed endocrina perché secondaria ad un difetto di produzione di gonadotropine o della sintesi o attività degli androgeni.

Infatti, è frequente l'associazione di sindromi con alterata produzione di questi tipi di ormoni sessuali con lo stato di criptorchide. Questo anche perché il testicolo criptorchide funziona male sia per quel che concerne la secrezione di androgeni che la produzione di spermatozoi.

In base alla sede in cui è ritenuto il testicolo, il criptorchidismo può essere:

  • addominale, a monte dell'anello inguinale interno;
  • intracanalicolare, tra l'anello inguinale interno e quello esterno.

 

 

Evoluzione e sequele

Si è visto che, dati alla mano, la maggior parte dei casi di criptorchidismo si risolvono entro il primo anno di vita, con la discesa del testicolo nello scroto senza alcuna conseguenza per il testicolo.

Se il testicolo continua a rimanere ritenuto dopo i primi due anni di vita, iniziano ad insorgere un danno a livello di quest'organo, con la riduzione delle cellule germinative che può portare ad atrofia del testicolo in età pubere.

Proprio per questo motivo, la diagnosi di criptorchidismo e il suo trattamento dovrebbero essere effettuati entro l'anno di vita.

Inoltre si è visto che il danno risulta essere maggiore nel testicolo ritenuto in sede intra-addominale rispetto a quello ritenuto in sede inguinale.

Un altro grave problema correlato al criptorchidismo è l'aumento dell'insorgenza del tumore al testicolo. Si è visto infatti che il 10% circa dei tumori testicolari insorgono in un testicolo criptorchide e il rischio è maggiore per la ritenzione addominale. Il testicolo criptorchide va incontro a degenerazione maligna con frequenza 35-48 volte di più rispetto al testicolo normale.

 

 

Queste neoplasie spesso coinvolgono le cellule germinali (seminomi o carcinomi embrionari) e la degenerazione maligna avviene soprattutto alla pubertà.

Nell'uomo in cui un testicolo è criptorchide può essere presente una riduzione qualitativa della spermatogenesi anche se il rimanente testicolo è posizionato fisiologicamente nello scroto.

Un intervento di correzione eseguito in un periodo successivo all'anno di vita è sempre meno efficace nel recupero della funzione germinativa, ma resta in ogni caso motivato dal maggiore rischio di malattia neoplastica del testicolo ritenuto almeno fino alla pubertà.

L'intervento di correzione in età adulta non serve più né ad evitare la degenerazione maligna, né il recuperò della spermatogenesi, ma viene richiesto principalmente per una funzione estetica.

Diagnosi

La diagnosi di criptorchidismo si basa sull'esame obiettivo e su alcuni esami strumentali come l'ecografia.

L'ecografia è l'esame di prima scelta per lo studio del testicolo ritenuto all'interno del canale inguinale. Più difficile è individuarlo se ritenuto in sede addominale, in quanto l'intestino e il suo meteorismo possono nasconderlo. Inoltre non utilizza raggi X e quindi non risulta nociva.

Ci si può tuttavia avvalere anche di esami come la TC e RMN, valide soprattutto per diagnosticare un criptorchidismo bilaterale o intra-addominale.

Nonostante esistano questi moderni esami strumentali, si arriva ad un'accuratezza di diagnosi del 44% circa. Proprio per questo motivo, l'esame maggiormente indicato per la diagnosi di certezza del criptorchidismo è la laparotomia, che permette di vedere direttamente il testicolo ritenuto.

Terapia

Per favorire la discesa testicolare, ci si può avvalere sia della terapia farmacologica che di quella chirurgica.

La terapia farmacologica si basa sull'utilizzo di ormoni come la gonadotropina corionica umana e il GnRH che, in maniera diretta o indiretta, stimolano le cellule di Leydig e quindi aumentano la produzione di testosterone che può indurre la discesa testicolare.

In caso d'insuccesso della terapia farmacologica, la terapia chirurgica è finalizzata a portare il testicolo nella borsa scrotale e a fissarlo ad essa.

Per quanto riguarda l'intervento chirurgico, come già detto in precedenza, bisognerebbe effettuarlo entro la pubertà, per evitare complicanze neoplastiche, infertilità, ma anche torsione del testicolo ed ernia inguinale.

Si cerca di riportare in sede scrotale il testicolo ritenuto o, in alcuni casi, si ricorre alla orchiectomia (quindi si elimina il testicolo).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Oli essenziali: proprietà, come usarli, come si producono

Gli oli essenziali sono degli estratti aromatici da piante, che vengono usati per diversi scopi. Non tutte le proprietà che gli sono attribuite hanno basi scientifiche certe.


Tea Tree Oil o olio di Melaleuca: come usarlo, controindicazioni e proprietà

Il tea tree oil, o olio di melaleuca, è un olio essenziale a cui vengono attribuite proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antimicrobiche.


Integratori per dormire: quali sono, perché prenderli e loro reale efficacia

Gli integratori per dormire sono di tante tipologie, alcuni con efficacia dimostrata altri meno. L'insonnia va anche combattuta attraverso corrette strategie comportamentali.


Farmacognosia: il supporto alla formulazione dei farmaci

La Farmacognosia è la disciplina che studia i prodotti di origine vegetale, animale e minerale usati per scopi terapeutici.

 


Teanina: tra effetti potenziali e reali

La teanina è un amminoacido contenuto nel tè, sia verde che nero, che ha dimostrato di avere un effetto neuroprotettivo e rilassante. Viene anche usato come integratore.


Essiac: la tisana dal leggendario, ma finto, effetto anticancro

L'Essiac è una tisana formata da una miscela di erbe a cui vengono attribuite proprietà anticancro, che però non sono state confermate scientificamente.


Influenza intestinale: cos'è, cosa mangiare, come prevenirla

L'influenza intestinale, o più propriamente gastroenterite virale, è una patologia causata da diversi tipi di virus.


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.