Perdere peso: quanto velocemente?

Guarda il video >>

Molte diete garantiscono di perdere peso molto velocemente. Senza arrivare alle sparate alla "7 kg in 7 giorni", effettivamente esistono molti casi reali abbastanza eclatanti, per esempio perdite di peso di 4 kg in una settimana.

Coloro (e sono tanti) che non riescono a dimagrire un etto anche sottoponendosi a diete molto restrittive rimangono sbalorditi quando leggono tali dati. Queste differenze alimentano anche la disinformazione: per esempio i detrattori del controllo delle calorie spesso portano ad esempio perdite di peso eccezionali come dimostrazione del fatto che la loro dieta funziona, mentre una dieta ipocalorica spesso non ottiene che risultati deludenti.

In realtà, basta essere consapevoli di come funziona il corpo umano per spiegare i fallimenti come i successi eclatanti, che come vedremo spesso non sono che il primo passo, nella lunga via che (forse) porta al successo, ovvero al raggiungimento del peso forma.

Nell'articolo "Dimagrire o perdere peso?" abbiamo visto che la variazione del peso corporeo non è dovuta solamente alla variazione di massa grassa, ma anche ai liquidi, al glicogeno muscolare (e all'acqua che si lega ad esso), ai muscoli e al contenuto dell'intestino.

Con questi valori si può facilmente giocare per perdere peso velocemente... Ma ne vale la pena?

Basta ridurre drasticamente i carboidrati ed eliminare il sale e si perde peso velocemente: già nel giro di 3-4 giorni si perdono 3 kg, di cui 500 circa di carboidrati che erano stivati nei muscoli e nel fegato, e 2,5 kg di acqua extracellulare che serviva per mantenere costante la concentrazione del sodio. Se la dieta è anche ipocalorica (e in genere lo è... Altrimenti che dieta è!?!?!), a questi kg si aggiungono anche 0,5-1 kg di grasso. Mangiare meno significa avere l'intestino mediamente più vuoto... Altri 0,5 kg.

 

 

Il risultato è il seguente: la perdita di peso nella prima settimana è eccezionale, e può arrivare a 4-5 kg!!!!

Ovviamente un soggetto che mangia giustamente salato ed è in sovrappeso solo di qualche kg non perderà peso altrettanto velocemente... Comunque, tale perdita di peso è assolutamente fittizia. Dopo la prima settimana, si perde solo il grasso e, se la dieta è troppo restrittiva e senza attività fisica, anche i muscoli. Dunque, dopo la prima settimana la velocità di dimagrimento torna ad essere di 1 kg la settimana, e può arrivare a 2 solo se il soggetto è in sovrappeso di molti kg. Ovviamente, quando il soggetto torna ad assumere una quantità normale di sale e ripristina il glicogeno muscolare, recupererà almeno 2-3 kg: per questo motivo la velocità di dimagrimento iniziale deve essere considerata fittizia.

Perdere peso velocemente: l'esperienza di Diet to go

Dieta Atkins

I dati appena esposti, ricavati da considerazioni teoriche sulla fisiologia umana, sono confermati dall'esperienza sul campo: il servizio di catering dietetico a domicilio Diet to go con cui ho collaborato per anni consente una perdita di peso effettiva di 2 kg per le donne e di 3-4 kg per gli uomini, in due settimane e senza utilizzare alcun trucco di quelli sopra esposti (i nostri menù contengono la giusta quantità di sale e di carboidrati).

Alcuni soggetti maschi in sovrappeso di più di 10 kg hanno perso peso molto velocemente nelle prime due settimane, alcuni dimagrendo fino a 7 kg e soprattutto non riprendendo più i kg persi. Si tratta di eccezioni, soggetti sostenuti da un metabolismo molto attivo nella mobilizzazione dei grassi in risposta ad un abbassamento delle calorie. Se utilizzassimo questi dati per promuovere il servizio cadremmo vittima degli "errori" dei promotori dei vari prodotti per dimagrire: si utilizza un dato eccezionale facendo credere che possa funzionare con tutti.

Qual è la velocità di dimagrimento ideale?

 

 

Tutti gli esperti sono più o meno d'accordo nel considerare in un kg la settimana la massima velocità di dimagrimento a regime. Nella prima settimana, massimo nelle prime due, si possono anche perdere più kg, ma poi se si riesce a mantenere per alcune settimane consecutive l'obiettivo di un kg alla settimana ci si deve considerare fortunati. Infatti non tutti riescono a mantenere questo ritmo e non è nemmeno auspicabile farlo, per i motivi che espongo nel video che trovate qui.

Facendo i conti si può facilmente risalire a questo famigerato kg alla settimana: un kg di grasso corporeo contiene dalle 5000 alle 7000 kcal (perché non è grasso puro: lega a sé una certa quantità di acqua che durante il dimagrimento viene perduta anch'essa), dunque per perderlo in una settimana bisogna riuscire a generare un deficit calorico circa equivalente. E la cosa non è per niente semplice: si tratta infatti di tagliare dalle 700 alle 900 kcal al giorno. Cosa che per molti (soprattutto molte donne) è semplicemente impossibile.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Ricotta di vacca, pecora e capra - Calorie della ricotta

Ricotta di vacca, pecora e capra: non è propriamente un formaggio, poiché viene ricavata dal siero, un prodotto di scarto.


Vitamina B9 (acido folico)

La vitamina B9 o acido folico è fondamentale nella sintesi di aminoacidi, una sua carenza è particolarmente rischiosa in gravidanza.


Vitamina B6 (piridossina)

La vitamina B6 o piridossina è coinvolta nel metabolismo di proteine e grassi, la sua integrazione può essere utile per alcune patologie.


Castagne - Castagna e Marroni

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.

 


Vitamina B5 (acido pantotenico)

La vitamina B5 o acido pantotenico è importante per il metabolismo dei macronutrienti e svolge anche altre importanti funzioni.


Vitamina B3 (niacina)

La vitamina B3 o niacina è importante per la produzione di energia, per il sistema nervoso, lo stomaco e l'intestino.


Vitamina B2 (riboflavina)

La vitamina B2 o riboflavina è coinvolta nel metabolismo energetico, non è dimostrata la sua efficacia per migliorare la salute di unghie, capelli e pelle.


Bacon e pancetta: quali differenze?

Molti utilizzano il termine bacon come sinonimo di pancetta, ma in realtà sono due prodotti diversi. Scopriamone le differenze.