Firenze - Mercato Centrale

Il mercato centrale di Firenze è situato in centro, tra via dell'Ariento e Piazza del Mercato Centrale. Si trova all'interno di una grande struttura liberty in ferro e vetro costruito nel 1870.

 

 

Nelle vie che costeggiano le struttura vi è un mercatino permanente di bancarelle che vendono artigianato, magliette, bigiotteria, borse in pelle e tanti altri articoli.

Il mercato di Firenze risente del fatto che questa città è estremamente turistica, anche se non ha ancora ceduto completamente alle tentazioni del business turistico. L'impressione che si ha è questa: un mercato in decadenza (diversi banchi sono sfitti, senza commercianti), parzialmente colonizzato da negozianti puramente turistici (snobbati dai fiorentini, con prodotti da turisti e con prezzi fuori mercato), e banchi ancora autentici, sui quali vale la pena di spendere due parole e soffermarsi per fare acquisti o anche solo per vedere quali sono le tipiche tradizioni gastronomiche fiorentine.

Mercato di Firenze - San Lorenzo

Innanzitutto non si può non notare la concentrazione di macellai, veramente impressionante, che rendono l'idea di come la carne sia valorizzata in Toscana. Salta subito all'occhio un taglio di carne da bollito che qui va per la maggiore: il costato del bovino, che viene preventivamente disossato (nella foto il macellaio intento nell'operazione), oltre alle classiche fiorentine che non sono di certo esclusive della Toscana...

Un'altra particolarità è la valorizzazione delle frattaglie: ci sono almeno 4-5 "tripperie" che vendono qualunque taglio del quinto quarto del bovino: dalle mammelle (le "poppe") alla matrice (l'utero), passando per il pene e i testicoli del toro, la trippa, il lampredotto (il quarto stomaco del bovino).

 

 

Un simpatico trippaio ci dà una dimostrazione del mitico (forse un po' macabro) sense of humor toscano consigliandoci il "misto Pacciani", e potete immaginare quali siano gli ingredienti.

Al piano terra, sopravvive Nerbone, aperto nel 1878, uno dei più antichi banchi di cucina toscana. Sui corridoi si affacciano i tavolini in marmo e gli sgabelli in ferro battuto. Imperdibile il panino con il lesso e/o il lampredotto, condito con salsa verde e/o salsa piccante, costo 2,5 euro (autunno 2007). 

Disosso costato

Frattaglie

Al piano superiore troverete i banchi della frutta e della verdura, in un ambiente più luminoso grazie alle grandi finestre della struttura.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Wellness Gourmet


Perché scegliere l'aceto di vino bianco: benefici e usi in cucina

Aceto di vino: quale scegliere per le ricette, bianco o rosso? Scopri le caratteristiche dell’aceto di vino, i pro e i contro e i prodotti bio De Nigris.


Cucina e ricette del Lazio

La cucina e le ricette tipiche laziali: dall'amatriciana alla porchetta.


Il miele non è una medicina!

Il miele non è una medicina! La nostra battaglia contro la disinformazione.


Cucina piemontese - Ricette piemontesi

La cucina regionale piemontese è una delle più ricche e interessanti del panorama italiano, è anche una delle più conosciute e apprezzate all'estero.

 


Cucina e ricette dell'Emilia Romagna

La cucina emiliana e romagnola: ricette e piatti tipici.


Cucina e ricette della Campania

La cucina e le ricette tipiche della Campania: non solo pizza e babà.


Vini DOC, DOCG e IGT della Campania

I vini DOC, DOCG e IGT della Campania: falerno, fiano, greco di tufo, aglianico, taurasi...


Viaggio gastronomico a Cordoba

Viaggio gastronomico a Cordoba: una città che purtroppo non offre tantissimo al viaggiatore in cerca di tipicità gastronomiche.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.