Bologna - Mercato delle erbe

Scrivere questo articolo sul mercato della mia città mi ha consentito di osservare Bologna da un punto di vista più obiettivo, cogliendo dettagli che davo per scontati.

Nel complesso, un tour gastronomico nel centro di Bologna è una bella esperienza, ricca di spunti interessanti e di curiosità tipiche di questa città molto famosa per le sue prelibatezze gastronomiche.

Il tour che consiglio parte da via Riva di Reno, dove si può parcheggiare l'auto e recarsi in via Ugo Bassi. Oppure, dalla stazione occorre risalire per tutta Via Indipendenza.

Mercato Bologna

Il mercato coperto di Bologna è in via Ugo Bassi, a due passi da Piazza Re Enzo e dalle 2 torri.
Qui si trovano soprattutto frutta e verdura, c'è qualche macelleria ben fornita e negozi che vendono cibi conservati, pesce e baccalà. Ovviamente non mancano i negozi che vendono pasta fresca: tortellini, lasagne, tagliatelle, ecc. L'atmosfera di questo mercato è particolare, forse un po' "decadente", ma in un certo senso affascinante.

L'unico neo veramente grosso è la sezione dedicata al pesce, una vera tristezza, con poco pesce, mal presentato, con enormi pesci di acqua dolce (carpe, pesci gatto).

 

 

Mercato Bologna
Mercato Bologna

Il pesce buono a Bologna non manca, ma lo troviamo nella seconda tappa: l'ex Mercato di Mezzo, che si trova nelle vie sotto il Pavaglione: da Piazza Re Enzo, guardando il duomo di San Petronio, sulla sinistra, da sotto il portico, partono due vie, via Degli Orefici e via Pescherie Vecchie, dove è possibile ammirare i negozietti di frutta e verdura alloggiati in particolari nicchie ricavate dentro gli edifici, una vera chicca tipicamente bolognese. Qui trovate due pescivendoli, adiacenti, che riscattano la brutta figura rimediata al mercato delle erbe.

 

 

In queste vie ci sono alcuni dei negozi di alimentari più rinomati e antichi di Bologna: Paolo Atti, coi suoi due negozi in via Caprarie e via Drapperie, dove troverete dolci tipici fatti con solo burro e grassi genuini; e Tamburini, sempre in via Caprarie, specializzato in salumi, formaggi, gastronomia pronta.

Mercato Bologna
Mercato Bologna

Volendo, si può percorrere via Santo Stefano e spingersi fino a via Guerrazzi, dove sotto al portico, vicino alla chiesa di Santa Lucia, si trovano due negozi molto interessanti: Zaratini, specializzato in formaggi, e il Cafè Bazar, specializzato in vini e liquori.

Si può poi continuare verso Piazza Aldrovandi, altro luogo ricco di negozi alimentari e bancarelle permanenti con frutta e verdura, per poi risalire per via San Vitale, ritornando in centro.

Per gli amanti del gelato, c'è l'imbarazzo della scelta: Grom in via d'Azeglio 13, o Sorbetteria di Castiglione in via Castiglione 44 per i salutisti o dal palato fine, Gianni in Via Montegrappa per i golosoni, anche la Cremeria Sette Chiese è da provare, in via Santo Stefano.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Wellness Gourmet


Cucina piemontese - Ricette piemontesi

La cucina regionale piemontese è una delle più ricche e interessanti del panorama italiano, è anche una delle più conosciute e apprezzate all'estero.


Cucina e ricette dell'Emilia Romagna

La cucina emiliana e romagnola: ricette e piatti tipici.


Cucina e ricette della Campania

La cucina e le ricette tipiche della Campania: non solo pizza e babà.


Vini DOC, DOCG e IGT della Campania

I vini DOC, DOCG e IGT della Campania: falerno, fiano, greco di tufo, aglianico, taurasi...

 


Viaggio gastronomico a Cordoba

Viaggio gastronomico a Cordoba: una città che purtroppo non offre tantissimo al viaggiatore in cerca di tipicità gastronomiche.


Viaggio gastronomico ad Amsterdam

Viaggio gastronomico ad Amsterdam: i luoghi più insoliti per scoprire le chicche gastronomiche della capitale olandese.


Battaglia contro i nitriti nelle carni conservate

La nostra battaglia contro nitriti, nitrati e conservanti nei salumi, guida ad una scelta di qualità.


Cucina abruzzese - Ricette abruzzesi

La cucina abruzzese e le ricette tipiche dell'Abruzzo: dagli arrosticini alle scrippelle.