L'arca del gusto di Slow food

L'Arca del Gusto è una imbarcazione simbolica che ha lo scopo di "navigare" in giro per l'Italia e il mondo per scovare negli angoli più sperduti i prodotti di eccellenza gastronomica minacciati dall'omologazione industriale, dalle leggi iperigeniste, dalle regole della grande distribuzione, dal degrado ambientale.
Questi prodotti vengono scelti in base a un criterio simile a quello delle certificazioni "ufficiali", in particolare essi devono essere eccelsi dal punto di vista delle qualità organolettiche, e devono essere a rischio di estinzione.
I prodotti appartenenti all'Arca sono candidati ad ottenere incentivi ed interventi di rilancio più o meno importanti. Quando questo avviene, entrano a far parte dei presidi di Slow Food.

I presidi

Arca del Gusto Slow Food

Se l'Arca ha il compito di scovare, catalogare e descrivere i prodotti di qualità a rischio di estinzione, i presidi mettono in pratica gli obiettivi di rilancio e salvaguardia dei prodotti, realizzando gli interventi necessari: a volte basta riunire i produttori rimasti e renderli visibili, altre volte servono interventi strutturali più importanti.

I presidi di Slow Food possono essere considerati alla stregua delle certificazioni di qualità "ufficiali" come la DOP e la IGP: in questa pagina, infatti, sono ricercabili tutti i prodotti per regione e categoria, e per ogni presidio sono indicati i produttori. Va ricordato che non esiste nessuna legge statale o comunitaria che garantisca il rispetto delle norme di produzione stabilite dal presidio, tuttavia questi produttori devono rispettare tutte le norme igienico-sanitarie imposte dalle leggi, e i controlli che Slow Food esercita direttamente sui produttori.

 

 

Se le certificazioni ufficiali garantiscono soprattutto i prodotti acquistati nella grande distribuzione, quando la scelta tra una offerta molto vasta di prodotti può diventare un terno al lotto, i presidi offrono invece un buon punto di riferimento per coloro che si recano "in loco" ad acquistare prodotti tipici. L'Italia è ricchissima di prodotti tipici di alta qualità, ma non è difficile incappare in "sole", soprattutto nei posti turistici dove la maggior parte dei consumatori non è esperta e quindi l'occasione di guadagno per i commercianti disonesti è troppo ghiotta per non essere sfruttata.

I presidi di Slow Food offrono un'ottima opportunità di conoscere i prodotti tipici di una determinata zona e consentono di andare a "colpo sicuro" rivolgendosi ai produttori giusti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Come scegliere l'olio extravergine di oliva

Come scegliere l'olio extravergine di oliva: i criteri di scelta per un olio di qualità.


Prosciutto di Carpegna DOP

Il prosciutto di Carpegna DOP, prodotto nell'omonimo comune a nord delle Marche.


Dorset Blue IGP

Il formaggio blu di Dorset, detto comunemente Vinny, è un formaggio erborinato inglese di grande qualità certificato come IGP e protetto da Slow Food.


Sopressa vicentina DOP

La sopressa vicentina (non soPPressa!) è un insaccato prodotto unicamente in provincia di Vicenza.

 


Salame cremona IGP

Il Salame Cremona è un insaccato ottenuto dalla macinatura di carne di suino e prodotto nella Pianura Padana.


Prosciutto di Sauris IGP

Il prosciutto di Sauris è un salume prodotto nel comune omonimo in provincia di Udine.


Prosciutto amatriciano IGP

Il prosciutto amatriciano è un salume prodotto nella città del Lazio già famosa per la ricetta degli spaghetti all'amatriciana.


Il lardo di Colonnata IGP

Il lardo di Colonnata IGP: un salume interessante, esente da nitriti e dalla produzione stagionale.