Burger buns (Panini da hamburger)

Bun è il termine inglese che indica generalmente un panino, il burger bun è, dunque, il classico panino da hamburger, quello rotondo, soffice, dolce, spesso presentato con i semi di sesamo sulla superficie. 

 

 

Origini dei burger buns

Le origini dei burger buns panino sono incerte, molto probabilmente è stato ideato tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento per abbinarlo agli hamburger in sostituzione del pane di segale che veniva usato in precedenza. La forma del "nuovo" burger bun si sposava benissimo con le polpette di carne circolari, riusciva ad abbracciarle perfettamente ed il connubio era azzeccato anche dal punto di vista sensoriale. La tendenza dolce del panino si abbina molto bene con il gusto aromatico della carne alla griglia. Da lì in avanti ogni hamburger (o un burger di verdure, legumi, pesce...), venne servito dentro il suo panino caratteristico. 

I burger bun si trovano in vendita in qualsiasi supermercato, ma se si ha un po' di tempo e di voglia è divertente provare a farli in casa, danno molta soddisfazione.

 

 

Ricetta dei burger buns

Burger buns bun

In rete e nei libri ci sono tantissime ricette di burger buns, da quelle più semplici come quella del pizzaiolo gourmet Gabriele Bonci, a quelle più complesse come il Fluffy bun di Burger Boss. Noi ne proponiamo una a metà strada, non troppo difficile, che assicura la produzione di panini scioglievoli e morbidissimi, due parametri imprescindibili per questi panini.

Volendo, a cottura quasi ultimata, si può spennellare la superficie dei buns con del tuorlo d'uovo e aggiungere i semi di sesamo, di lino o di papavero, a seconda dei gusti.

Tuttavia, se si vogliono preparare i burger buns senza uova, è possibilissimo farlo, basta aumentare il latte di 30 g, il burro di 10 g, e per ottenere una superficie scura è sufficiente spennellarli con un po' di panna.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 8 panini da 100 g

  • 500 farina di forza W280-320
  • 250 g di latte
  • 1 uovo medio
  • 60 g di burro
  • 30 g di zucchero
  • 12 g di sale
  • 10 g di lievito fresco

Preparazione

 

 

Mettere il latte, il lievito, l'uovo e il burro fuso nella planetaria, aggiungere tutta la farina e impastare con il gancio, quando l'impasto si è formato aggiungere il sale, far incordare. Ogni 3 minuti fermare la macchina, staccare l'impasto dal gancio e ribaltarlo, ripetere l'operazione per 3 volte.

Se si impasta a mano, mettere tutti i liquidi e il lievito in una ciotola, unire la farina e lavorare con una spatola per far incorporare i liquidi, quindi passare sulla spianatoia e impastare fino ad ottenere un impasto liscio, omogeneo e ben incordato. Coprire e far lievitare per un paio d'ore, finché la massa non è raddoppiata.

Trasferire su una spianatoia, spezzare porzioni di pasta da 100 g. Stirare per formare un quadrato, arrotolarlo da un lato, girare di 90 gradi e arrotolare di nuovo, quindi formare delle palline perfettamente liscie, facendo roteare l'impasto tra il palmo e la spianatoia. Mettere sulla leccarda del forno, coprire con la pellicola e far lievitare fino quasi al raddoppio nel forno tiepido (circa 60 minuti). Infornare a 220 gradi (nel forno già caldo) per 10 minuti con vapore (mettere una teglia con acqua bollente sul fondo del forno, oppure spruzzare acqua sulle pareti del forno con uno spruzzino subito dopo aver infornato e ripetere l'operazione dopo 3 minuti), dopo 10 minuti abbassare a 180 gradi e cuocere senza vapore, ma a forno chiuso (non in fessura), per altri 10 minuti. Sfornare e coprire con un canovaccio per far rimanere morbida la crosta.

Conservare dentro un sacco ermetico fino a 3-4 giorni, se vanno conservati più a lungo è meglio congelarli.

Informazioni nutrizionali per panino (100 g circa)

Energia

311 kcal - 1300 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

2 g

Proteine

9 g - 11%

Carboidrati

53 g - 65%

Grassi

8 g - 23%

di cui

 

saturi

4.5 g

monoinsaturi

2.3 g

polinsaturi

0.5 g

Fibre

2 g

Colesterolo

42 mg

Sodio

9 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Polenta cotta al microonde

La polenta cotta al microonde presenta un grande vantaggio rispetto alla polenta istantanea. Scopriamolo insieme.


Le pentole antiaderenti sono cancerogene?

Le pentole antiaderenti sono in genere sicure se utilizzate correttamente, fatte secondo le norme europee e di buona qualità.


Risotto allo champagne

Risotto allo champagne: un piatto tipico degli anni Ottanta, che resiste ancora oggi.


Salsa rossa o Bagnetto rosso

La salsa rossa, sorella della salsa verde, è un condimento a base di pomodoro tradizionalmente abbinato al bollito misto.

 


Salsa verde o bagnetto verde

La salsa verde, l'accompagnamento ideale per il bollito misto di carne che in Piemonte prende il nome di bagnetto verde.


Quale farina usare per dolci soffici?

Come scegliere la farina per dolci soffici in base alla forza. Come fare se non troviamo una farina per dolci?


Torta rovesciata di ananas e noci - Soffice con e senza burro

La torta all'ananas e noci è una ciambella arricchita in superficie con uno strato di fette di ananas sciroppato e noci, condite a loro volta con del caramello.


Come cuocere un polpo tenerissimo - Nella sua acqua

Come cuocere correttamente il polpo (trattato meccanicamente e non): i trucchi, i metodi, i luoghi comuni infondati e la guida all'acquisto.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.