Valigia reggiana (valigini reggiani)

Una classica ricetta della cucina emiliana e soprattutto della provincia di Reggio Emilia è quella della valigia reggiana, una sorta di arrosto di vitello ripieno che è diffusa anche nella variante più piccola, ossia sotto forma di involtini di carne di vitello ripieni, i valigini reggiani, chiamati in dialetto valisèin arzàn.

 

 

I valigini reggiani sono conosciuti anche come "uccellini scappati" e fanno parte dell'elenco dei PAT emiliani (Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Emilia).

Esistono numerose varianti della valigia reggiana (e dei valigini) che si chiama così proprio perchè, come una valigia, al suo interno contiene di tutto; la differenza fondamentale sta nel fatto che alcuni mettono la mortadella, altro prodotto IGP tipicamente emiliano, mentre altre ricette prevedono un ripieno vegetariano a base di uova e Parmigiano Reggiano DOP.

I valigini reggiani, così come la valigia, vengono spesso serviti in bianco, ma possono essere anche cotti e accompagnati da una salsa di pomodoro. 

Ricetta della valigia reggiana

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

 

 

Valigia reggiana

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di fesa di vitello (o vitellone adulto, che preferiamo)
  • 60 g di burro
  • 60 g di pangrattato
  • 40 ml di latte
  • 6 cucchiai di Parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d'aglio
  • qualche fogliolina di prezzemolo
  • una spolverata di noce moscata
  • 80 ml di passata di pomodoro
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b.

 

 

Procedimento: in una terrina preparare il ripieno mescolando le uova con il pangrattato, il parmigiano, il burro fuso, l'aglio e il prezzemolo tritati, il latte, la noce moscata, il sale e il pepe, amalgamando bene tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo.

Stendere la fesa di vitello su un ripiano e batterla con il batticarne, quindi spalmarvi sopra il ripieno e arrotolarla su se stessa legandola con lo spago da cucina.

In un tegame far soffriggere la cipolla affettata finemente nell'olio, far rosolare la valigia reggiana da tutti i lati e aggiungere la salsa di pomodoro con mezzo bicchiere d'acqua, sistemare di sale e cuocere per circa 40 minuti a fuoco basso.

Una volta cotta, togliere lo spago da cucina e servire la valigia reggiana a fette accompagnata dal suo sughetto.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

462 kcal - 1931 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

28 g

Proteine

30 g - 26%

Carboidrati

13 g - 11%

Grassi

33 g - 63%

di cui

 

saturi

15.3 g

monoinsaturi

12.2 g

polinsaturi

3.8 g

Fibre

0 g

Colesterolo

212 mg

Sodio

291 mg

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.

State pensando al menu di Pasqua e Pasquetta? Ecco i nostri consigli

State pensando al menu di Pasqua e Pasquetta? Ecco i nostri consigli.

Cucina nuova: come organizzare gli spazi al meglio?

L'organizzazione dello spazio in cucina è fondamentale per chiunque desideri un ambiente funzionale, accogliente e esteticamente piacevole.

Ricette stufato di carne con il Multicooker Moulinex

Lo stufato di carne può essere preparato in maniera tradizionale oppure avvalendosi del Multicooker per accorciare i tempi di preparazione.

 

La Putana (torta vicentina ricetta originale)

La putana è una torta di origine vicentina, fatta con pane raffermo, farina di mais, farina di frumento, burro, latte, e altri ingredienti ad insaporire.

Tradizioni natalizie a Roma: 5 usanze

Questa guida vi porterà alla scoperta di cinque usanze tipiche romane che rendono il Natale nella Città Eterna un'esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

Pasta salsiccia peperoni e funghi

Le pasta con salsiccia peperoni e funghi è un primo piatto molto gustoso e abbastanza facile da preparare. Scopriamone tutti i segreti iniziando dall'aspetto nutrizionale.

Sovracosce di pollo in umido light

Le sovracosce di pollo sono una parte del pollo molto interessante, perché non sono stoppose come il petto, non sono grasse e poco carnose come l'ala.