Stiramento muscolare

Lo stiramento è una lesione di media entità, si differenzia dall'allungamento muscolare per l'entità dell'allungamento che è sempre tale da interrompere un numero variabile (solitamente molto ridotto) di fibre muscolari.

 

 

È un trauma molto frequente in ambito sportivo per mancato o inadatto riscaldamento, ma anche per impreparazione fisica per affrontare un determinato sforzo, problemi di postura, microtraumi, movimenti violenti, recupero insufficiente dopo uno sforzo fisico, o dopo un infortunio.

Infatti non bisogna mai trascurare i tempi di recupero indicati dal medico, a volte volendo recuperare troppo in fretta si rischia di peggiorare la situazione.

Sintomi dello stiramento muscolare

Stiramento muscolare

La sintomatologia tipica è rappresentata da un dolore improvviso, acuto e ben circoscritto alla sede di lesione in corso di un'attività sportiva e non sempre dà una immediata impotenza funzionale.

A volte il dolore è sopportabile e questo spinge l'atleta a continuare la sua attività. Niente di più sbagliato, se si sente un dolore anche di lieve entità, è meglio sempre fermarsi perché si può incorrere in uno strappo muscolare, ben più grave dello stiramento e che richiede un periodo più lungo di recupero.

 

 

Terapia dello stiramento muscolare

Subito dopo lo stiramento muscolare, per 48 ore si adotta il protocollo RICE (Rest, Ice, Compression, Elevation), cioè riposo, applicazione del ghiaccio (per 20 minuti, ogni 2-3 ore, con l'accortezza di non applicare il ghiaccio direttamente sulla pelle), compressione con bende elastiche ed elevazione dell'arto colpito.

Se il paziente ne ha necessità si possono somministrare FANS (antinfiammatori) e miorilassanti.

 

 

Prima di ricominciare l'attività fisica bisogna controllare che la guarigione sia completa perché la cicatrice (il processo di guarigione del muscolo) costituisce una zona di minore resistenza dove frequentemente possono avvenire recidive.

È opportuno quindi non eseguire nessun tipo di attività fisica per le prime due settimane, perché solo dopo questo periodo di tempo inizia la fase di guarigione vera e propria, con recupero della forza. Col passare del tempo, il dolore lascia spazio ad una sensazione di fastidio quando il muscolo viene allungato, in questa fase non bisogna pensare di essere guariti, ma occorre avere pazienza e procedere per gradi.

Dopo i primi 10 giorni si può ricorrere a terapie come la tecarterapia, ma senza attendersi troppo: solo il riposo funziona sicuramente.

Una volta cessato il dolore, nel camminare e salire le scale, si può iniziare la fase riabilitativa, con esercizi per riacquistare la forza (prima concentrica, poi eccentrica) e la sensibilità propiocettiva.
Un esame ecografico finale può evidenziare la formazione di fibrosi, che va trattata il prima possibile tramite la fibrolisi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Intolleranza agli additivi alimentari: cosa sappiamo davvero?

L'intolleranza agli additivi alimentari è una reazione da ipersensibilità al cibo non ancora molto studiata. Non esiste un test diagnostico e una cura specifica.


I test per le intolleranze alimentari

I test per le intolleranze alimentari: quelli riconosciuti dalla medicina e quelli non convenzionali.


Intolleranza all'istamina: sintomi, diagnosi e terapia

L'intolleranza all'istamina è una reazione avversa ai cibi difficile da diagnosticare ma con alcuni sintomi caratteristici.


Obesità ginoide: cos'è e come si combatte

L'obesità ginoide ha una diversa localizzazione del grasso rispetto a quella androide. In essa risulta però difficile da ridurre il grasso corporeo.

 


Gradi di obesità: classificazione valida?

I gradi di obesità si basano sul BMI. Non sempre, però, questo metodo fornisce indicazioni valide per tutti.


Misuratore della glicemia: tipologie, affidabilità e funzionamento

Il misuratore della glicemia, o glucometro, è uno strumento facile da usare che viene utilizzato per monitorare la glicemia in modo autonomo.


Glicemia

La glicemia è la concentrazione di glucosio nel sangue, un esame molto importante.


Peste suina: classica, africana, diffusione e prevenzione

La peste suina esiste sia nella forma classica che in quella africana. Entrambe hanno sintomi simili e non sono trasmesse all'uomo, ma sono causate da virus diversi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.