Elettromiografia

L'elettromiografia è un esame specifico che prevede la registrazione dell'attività muscolare effettuata tramite l'utilizzo di alcuni elettrodi posti sulla pelle o di aghi molto fini per un'analisi dei muscoli più profondi o per una migliore discriminazione tra aree vicine. Gli aghi infatti possono analizzare un'area più ristretta e quindi possono dare informazioni molto più precise.

 

 

I risultati ricavati vengono proiettati sullo schermo di un oscilloscopio che può essere collegato con un altoparlante per integrare il segnale visivo con quello acustico. È un esame usato tipicamente per la diagnosi di malattie neuromuscolari legate a un ridotto trofismo muscolare (il muscolo si assottiglia) o una riduzione della sua forza.

Elettromiografia normale

Si possono registrare dei segnali solo nel muscolo in contrazione, in quanto il muscolo sano a riposo dà dei segnali talmente deboli che non riescono ad essere visualizzati. Questi segnali vengono registrati grazie alle variazioni di potenziale che avvengono nel muscolo in contrazione e vengono quindi trasformati in un'onda sull'oscilloscopio.

Possono essere distinte 3 fasi in cui la contrazione passa da debole (fase di oscillazione) a media (fase di transizione) fino a quella più forte (fase di interferenza). Queste 3 fasi sono rappresentate sullo schermo come delle onde acuteche lungo i 3 stadi diventano sempre più fitte (aumentano di frequenza).

 

 

Parametri di valutazione

Elettromiografia

Mentre si svolge l'esame viene valutata la presenza di attività spontanea registrabile che, se presente, può far pensare a una denervazione (che deve essere avvenuta da almeno due settimane). La denervazione viene avvertita dall'altoparlante come un suono acuto e metallico, con delle onde piccole e fitte.

Si sentirà invece un suono forte e grave, con delle onde grandi e ampie in caso di malattie nervose più centrali o nella reinnervazione di un muscolo.

Si esaminano poi le caratteristiche dell'unità motoria con la valutazione della durata media del singolo potenziale d'azione (si allunga con l'età). La durata del potenziale d’azione aumenta in caso di una atrofia dovuta a un deficit dei nervi o del midollo, mentre diminuisce in caso miopatie, in cui c'è una sofferenza diretta del muscolo.

 

 

Come ultimo elemento viene investigata l'attività elettrica che segue all'attivazione massimale. Solitamente si visualizzano un'intensa quantità di onde molto strette, acute e tutte molto vicine. Se la frequenza è ridotta rispetto quello che ci aspettiamo la sofferenza sarà probabilmente dovuta a un problema nervoso, se invece le onde sono "piccole" il problema sarà muscolare.

È da ricordare che l'EMG viene utilizzato anche per lo studio della velocità di conduzione delle fibre nervose. Vengono posti degli elettrodi sulla cute lungo il percorso del nervo che si vuole analizzare e successivamente viene applicato uno stimolo sensorio se si vogliono analizzare nervi sensitivi, altrimenti si chiede al paziente di effettuare particolari movimenti nel caso in cui si vogliano analizzare nervi motori. La velocità è calcolata in metri al secondo (m/s), dividendo la distanza tra i due punti analizzati (in mm) per il tempo trascorso tra le registrazioni dello stimolo nei due punti in ms. La velocità varia a seconda che si tratti di fibre mielinizzate o no ma anche a seconda dell'età del paziente esaminato. Solitamente nell'arto superiore la velocità varia da 40 a 55 m/S, nell'arto inferiore varia da 50 a 70 m/s, mentre nei bambini la velocità è del 50% rispetto a quella degli adulti.

Malattie diagnosticabili con l'elettromiografia

Come abbiamo accennato sopra, possiamo distinguere le malattie diagnosticabili con l'elettromiografia principalmente in atrofie muscolari neurogene, miopatie primitive e malattie miotoniche.

Le atrofie muscolari neurogene sono date da una diminuzione della massa muscolare causata un deficit nervoso: il nervo in pratica non stimola più il muscolo. Sono caratterizzate all'EMG da 3 elementi: segale a riposo, riduzione dell'altezza delle onde nella massima contrazione del muscolo e aumento medio di durata dei singole onde.

Possiamo poi avere delle miopatie primitive (malattie muscolari di sconosciuta origine) in cui troviamo assenza di attività spontanea a riposo, ridotta durata delle onde, ma si osserva un ''quadro di interferenza'' durante lo sforzo massimale.

Infine troviamo le malattie miotoniche (malattie muscolari che ne alterano il tono) in cui si evidenziano delle ampie scariche a seguito sia dell' introduzione dell'ago nel muscolo, ma anche della contrazione riflessa evocata con il martelletto e di quella volontaria.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.

 


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.


Aromaterapia: la terapia degli oli essenziali dai dubbi effetti reali

L'aromaterapia ha origini antiche e si basa sull'uso degli oli essenziali per la cura delle patologie. I suoi effetti, però, non sono ancora accertati scientificamente.