Diverticolo di Meckel

Un diverticolo è definito come una formazione anomala, cava o sacciforme presente in un organo. Si può formare in diverse localizzazioni del corpo umano come ad esempio l'intestino, l'esofago, la vagina e il colon. I diverticoli possono formarsi più spesso durante l'invecchiamento oppure essere presenti fin dalla nascita. In particolare il diverticolo di Meckel ha le sembianze di un sacco e si sviluppa in prossimità dell'ileo distale, che è parte dell'intestino tenue. Il nome deriva dal suo scopritore tedesco Meckel che nel 1809 lo descrisse per la prima volta. Il diverticolo di Meckel si sviluppa solitamente tra la quinta e la settima settimana dello sviluppo fetale e poiché la condizione è presente fin dalla nascita, è classificata come malattia congenita. Colpisce circa il 2-3% della popolazione generale.

 

 

Causa

Durante lo sviluppo fetale esiste un'importante formazione, il canale onfalomesenterico, o vitellino, che unisce l'intestino primitivo alla vescicola ombelicale (sacco vitellino), una formazione embrionale destinata essa pure a scomparire. Solitamente entro la fine del terzo mese, normalmente, questo canale si occlude, viene riassorbito e scompare, infatti generalmente alla nascita non ve ne è traccia, se questo non accade si può formare il diverticolo di Meckel, che rappresenta fondamentalmente il residuo di questo canale.  

 

 

Sintomi

I sintomi del diverticolo di Meckel sono legati al tipo di diverticolo presente, nel 95% delle persone con questa condizione, il diverticolo che si sviluppa è costituito da cellule intestinali, di conseguenza, il diverticolo funziona come una parte normale dell'intestino e do conseguenza questo tipo di diverticolo può non causare sintomi significativi. In altri casi, il diverticolo può essere costituito da cellule provenienti dallo stomaco o dal pancreas, quando ciò accade, il diverticolo non riesce a funzionare come parte dell'intestino, causando sintomi significativi che includono:

  • blocco intestinale;
  • sanguinamento nell'intestino, che si può notare dalle feci contenenti sangue;
  • infiammazione dell'intestino;
  • crampi addominali;
  • febbre;
  • gonfiore addominale;
  • dolore o disagio localizzato, sia lieve che grave;
  • nausea e vomito;

I neonati con questa condizione hanno maggiori probabilità di soffrire di un blocco intestinale, di sanguinamento intestinale e feci sanguinolente rispetto alle persone anziane con la stessa malattia. La maggior parte dei casi di diverticolo di Meckel sono identificati e trattati nei bambini prima dei 10 anni d'età. I rimanenti casi sono tipicamente diagnosticati in adolescenza. Il diverticolo di Meckel può causare sintomi sporadici, per esempio le feci possono contenere sangue per diversi giorni e poi tornare normali per un lungo periodo. In rari casi, l'eccessivo sanguinamento proveniente dal diverticolo di Meckel può diventare pericoloso per la vita. Se ciò accade, può essere necessaria una chirurgia d'emergenza per rimuovere il diverticolo. Le complicanze derivanti il diverticolo comprendono:

Diverticolo di Meckel

Diagnosi

Se si ha il sospetto, osservando i sintomi presenti, che il proprio bambino abbia un diverticolo è importante eseguire alcuni test per confermare la diagnosi. I test del sangue possono determinare se i globuli bianchi sono bassi e ciò potrebbe dare una preziosa indicazione per capire se è in corso un sanguinamento nell'intestino. Inoltre, si possono raccogliere un campione di feci e farle analizzare per vedere se contengono del sangue. Un altro esame che si può eseguire è un'indagine nucleare eseguita con tecnezio marcato. Questo test, chiamato scintigrafia, utilizza un colorante, che può essere visualizzato grazie ad una telecamera speciale. Il colorante, iniettato per via endovenosa, tenderà a raccogliersi intorno al diverticolo, permettendo così la sua localizzazione e la sua diagnosi. La diagnosi con questa metodologia è accurata nel 90% dei casi. In caso di sanguinamento del diverticolo di Meckel, sarà difficile visualizzarlo attraverso la scansione del tecnezio. Se ciò accade, si possono utilizzare test diversi per confermare la diagnosi, per esempio può essere eseguita una colonscopia o un'endoscopia gastrointestinale superiore.

Terapia

 

 

Le persone che hanno un diverticolo di Meckel, ma non hanno sintomi significativi non richiedono un trattamento. Coloro che invece sperimentano dei sintomi dovuti alla condizione possono avere bisogno di un intervento chirurgico per rimuovere il diverticolo. La chirurgia include tipicamente la rimozione del diverticolo e la riparazione dell'intestino. Se l'intestino è stato danneggiato a causa del diverticolo potrebbe anche essere necessario rimuovere la parte danneggiata. Le persone che presentano una perdita di sangue eccessiva, a seguito del diverticolo di Meckel, possono richiedere delle trasfusioni o terapie di ferro e sangue per sostituire quello perduto. La chirurgia per correggere il diverticolo di Meckel è in genere associata ad un basso rischio di complicanze. Tuttavia, possono insorgere alcune complicazioni dopo l'intervento chirurgico. In particolare, si può sviluppare un tessuto cicatriziale, che potrebbe causare un blocco intestinale. Il blocco può rivelarsi pericoloso per la vita e può richiedere un intervento chirurgico supplementare per rimuoverlo. La prospettiva a lungo termine per le persone che hanno curato il diverticolo di Meckel è abbastanza buona. La rimozione chirurgica del diverticolo in genere porta alla normale funzione intestinale e interrompe anche la perdita di sangue. Le persone che hanno subito un intervento chirurgico per il diverticolo di Meckel possono aspettarsi un completo ripristino di tutte le funzioni.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.

 


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.