Tiroler Bergkäse DOP

Il Tiroler Bergkäse, letteralmente formaggio tirolese di montagna, è un formaggio austriaco di latte vaccino certificato DOP dal 1997. Il Tiroler Bergkäse viene prodotto nella zona orientale e settentrionale del Tirolo, nelle valli alpine, da piccole aziende agricole e caseifici che usano ancora metodi artigianali.

 

 

Si differenzia dal formaggio prodotto nella stessa zona, il Tiroler Alpkäse DOP per il fatto che quest'ultimo può essere ottenuto solo durante il periodo estivo dell'alpeggio ed esclusivamente con latte crudo, mentre il Bergkase viene fabbricato anche a fondovalle e con latte parzialmente scremato.

Si tratta di un formaggio tradizionale, nato come metodo per conservazione il latte durante il trasporto dalle montagne alle città (veniva trasportato fino a Vienna e a Berlino).
I primi documenti storici che attestano la sua produzione risalgono al 1840.

Produzione del Tiroler Bergkäse DOP

Tiroler Bergkase

Il Tiroler Bergkäse viene ottenuto con latte vaccino parzialmente scremato (con un 3% di grassi).

Il latte viene riscaldato ad una temperatura di 32°C, quindi viene aggiunto il caglio di origine animale (solitamente di vitello), e successivamente la cagliata viene riportata ad una temperatura di 52°C, rotta e travasata negli stampi sottoposti a pressatura.

La salatura avviene in salamoia.

La maturazione dei formaggi avviene in locali appositi freschi (12-16°C) e umidi (90-95%), per un periodo minimo di 14 settimane. Durante la stagionatura le forme vengono strofinate spesso con una soluzione di acqua salata che contribuisce allo sviluppo di una particolare microflora batterica che, a sua volta, conferisce il suo aroma peculiare al Tiroler Bergkäse.

Caratteristiche del Tiroler Bergkäse DOP

 

 

Il Tiroler Bergkäse è un formaggio a pasta dura di grandi dimensioni, cilindrico e basso, pesa minimo 12 kg.

La crosta è dura, secca, asciutta, di colore marrone. La pasta è morbida, compatta, con occhiatura rada, di media dimensione ed uniformemente distribuita, di colore avorio.

Il sapore è intenso, piccante ed aromatico.

Va mantenuto in un luogo fresco e va consumato giovane, a fette, in un tagliere di formaggi o magari dentro un toast.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.

Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP

Dolcissima, croccante e rossa, sono queste le caratteristiche che rendono tanto desiderata e appetibile la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP".

Branding, come funziona e che impatto ha nel settore alimentare

Con il termine branding si fa riferimento adattività che permettono di definire un marchio, rendendo il prodotto differente da quello dei competitor.

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

 

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.