Reblochon de Savoie AOC

Il Reblochon de Savoie AOC è un formaggio morbido francese prodotto nel dipartimento dell'Alta Savoia, come l'Abondance. Il Reblochon viene infatti ottenuto da latte vaccino crudo munto durante gli alpeggi estivi e proveniente dalle stesse razze dall'Abondance: l'Abondance, la Tarine e la Montbèliarde. In Francia il Reblochon de Savoie ha ottenuto la denominazione AOC nel 1976.

 

 

Storia del Reblochon de Savoie

Prodotto sin dal XIII secolo sui pascoli alpini delle Alpi Savoiarde, il Reblochon divenne famoso solamente dopo la Rivoluzione francese del 1789. Questo perchè prima della Rivoluzione gli allevatori che portavano il bestiame al pascolo sopra il lago d'Annecy venivano tassati sulla quantità di latte prodotta e, per evitare di pagare un prezzo troppo caro, mungevano le vacche solo in parte in presenza dell'esattore, poi, una volta che se ne era andato, completavano la mungitura.

Il surplus di latte veniva poi conservato per uso esclusivo della famiglia e per produrre il formaggio reblochon, termine che deriva dal verbo "reblocher", in italiano letteralmente "riprendere in mano le mammelle", cioè mungere di nuovo le mucche. Con la Rivoluzione francese questa tassa fu abolita e i contadini furono liberi di mungere tutto il latte e vendere il loro formaggio che iniziò a diffondersi a livello nazionale.

 

 

Produzione del Reblochon de Savoie AOC

Reblochon

Il Reblochon viene ottenuto da latte vaccino crudo proveniente solo dalle vacche delle razze autoctone (Abondance, Tarine e Montbèliarde) che vengono alimentate a pascolo in estate e a fieno tagliato in inverno. Tutti i foraggi fermentati o concentrati sono vietati dal disciplinare per garantire l'assoluta qualità del latte, particolarmente dolce, di queste razze molto antiche. Il latte viene lavorato entro le 24 ore dalla mungitura, addizionato di caglio e riscaldato. La cagliata viene travasata con un mestolo nelle forme circolari di legno ricoperte da un telo, poi viene pressata con dei coperchi anch'essi in legno per favorire la fuoriuscita del siero. Segue quindi un periodo di riposo durante il quale il Reblochon assume alcune irregolarità e grinze sulla superficie dovute al telo che rimane intrappolato nel caglio.

 

 

Il periodo minimo di stagionatura è di 15 giorni. La crosta viene spazzolata e lavata regolarmente e a prodotto finito deve presentarsi asciutta, liscia e non fessurata.

Caratteristiche organolettiche del Reblochon de Savoie AOC

Il Reblochon ha un formato medio-piccolo, una forma circolare, crosta rugosa che varia dal giallo rosato quand'è giovane al bruno terracotta quand'è più maturo, generalmente è ricoperta da una flora batterica bianca. La pasta è cremosa e morbida, umida e grassa, di colore bianco avorio. Il Reblochon viene generalmente confezionato dentro due dischetti di legno, uno alla base e uno alla sommità. Se presenta un marchio verde significa che è fermièr, cioè di fattoria, nel senso che l'allevatore coincide con il casaro.

Il Reblochon fermièr estivo, e soprattutto quello disponibile da metà Luglio a Settembre, è un formaggio stupendo, ricco e delicato al tempo stesso, con sentori fruttati, lattici e animali molto equilibrati che lo rendono una vera delizia.

Abbinamenti con il Reblochon de Savoie AOC

Tradizionalmente, il Reblochon viene servito con il pan de campagne (un pane a lievitazione naturale) e cetriolini sott'aceto, ma viene anche usato come formaggio da fondere grigliato su pane e verdure, cotto al forno con le patate oppure con la ratatouille. Va gustato con vini rossi leggeri come il Gamay o il Merlot, poco tannici, oppure con il sidro o una buona birra artigianale. 

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.