Marmellata: strumenti per prepararla

Gli strumenti che occorrono per preparare la marmellata sono:

  • una o più pentole capienti, di acciaio a fondo spesso;
  • uno o più cucchiai di legno o di acciaio, se sono di legno accertarsi che non abbiano residui di aromi di altri cibi, che potrebbero contaminare la marmellata;
  • una quantità di vasetti tale da contenere tutta la marmellata, provvisti di tappi nuovi;
  • una pentola di riserva, capiente, per sterilizzare i vasi prima dell'invasettamento;
  • un mestolo e un imbuto per riempire i vasetti;
  • pinze da cucina per estrarre i vasetti dall'acqua bollente.

La marmellata non deve essere sottoposta a temperature troppo elevate quindi occorre una pentola a fondo spesso di acciaio, che ha una bassa conducibilità e quindi una grande inerzia termica: il fondo non raggiunge mai temperature molto alte.

 

 

Meglio non usare pentole in alluminio antiaderenti, poiché la bassa inerzia termica e l'alta conducibilità rende difficile trovare la giusta intensità della fiamma, inoltre i bordi e il fondo della pentola tendono a scaldarsi troppo con il rischio di far attaccare la marmellata sul fondo e di formare una patina di marmellata secca sul bordo della pentola. Con una casseruola di alluminio occorre mescolare più spesso e quindi la cottura diventa decisamente più critica.

I cucchiai utilizzati devono avere un lungo manico per evitare di bruciarsi con gli schizzi che inevitabilmente si producono, soprattutto a fine cottura quando la marmellata è più densa e gli schizzi aumentano.

Il mestolo e l'imbuto vanno appoggiati su una superficie pulita, per evitare contaminazioni durante l'invasamento.

 

 

I vasetti per la marmellata

La tentazione di utilizzare i tanto vasetti che abbiamo in casa, residui di marmellate, sott'oli e sott'aceti è sempre forte, ma altrettanto fortemente sconsigliabile. Il rischio che il tappo non tenga e che il sottovuoto non sia sufficiente è sempre in agguato, con il risultato di vanificare il frutto di tanto lavoro.

Quindi consigliamo di acquistare vasetti standard (tipo Bormioli), che hanno i seguenti vantaggi:

  • hanno una forma e una capienza standard;
  • hanno un'ampia superficie di chiusura del tappo che garantisce la tenuta;
  • possono essere riciclati, cambiando solo il tappo.

Quindi se già li avete in casa, non utilizzate tappi vecchi ma compratene di nuovi.

I vasetti della Bormioli sono disponibili in diversi formati, quelli più adatti ad un utilizzo casalingo sono quelli della foto.

Il più piccolo ha una capacità di 250 ml e contiene circa 350 g di marmellata, il più grande è da 500 ml e contiene circa 650 g di marmellata.

Entrambi hanno il tappo da 70 mm.

Ovviamente si possono usare vasetti diversi, ne esistono di più piccoli e di più grandi, proponiamo queste dimensioni perché sono consumabili in breve tempo una volta aperti, senza rischiare deterioramento del prodotto, che avviene in un tempo variabile da 20 a 60 giorni, a seconda del tipo di marmellata.

Il fatto di avere vasetti standardizzati consente di calcolare agevolmente la quantità totale di marmellata prodotta, averli di 2 dimensioni diverse consente di razionalizzare il consumo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Tortelloni di ricotta e prezzemolo con burro e salvia

I tortelloni di ricotta: preparati tradizionalmente con spinaci, vi proponiamo in questo articolo una versione con prezzemolo.


Zuppa imperiale

La zuppa imperiale: un primo piatto in brodo tipico bolognese ma meno conosciuto dei tortellini e dei passatelli.


Wafer

I wafer: i biscotti di origine austriaca composti da più cialde ripiene di vari gusti.


Vincisgrassi

I vincisgrassi, la variante marchigiana delle più famose lasagne bolognesi.

 


Valigia reggiana (valigini reggiani)

La valigia reggiana, o valigini reggiani, è un secondo piatto emiliano composto da involtini di vitello.


Uova strapazzate

Le uova strapazzate: un piatto semplicissimo servito spesso a colazione.


Uova all'occhio di bue

Le uova al tegamino o all'occhio di bue, i trucchi e i consigli per non farsi dire "Non sai fare neanche un uovo al tegamino"!


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.