Problemi del forno casalingo

Quando capita di utilizzare un forno professionale, si comprendono immediatamente i limiti di un forno casalingo.

I forni casalinghi, infatti, presentano una serie di problemi che bisogna conoscere per evitare che influenzino negativamente la cottura degli alimenti.

 

 

Precisione nella temperatura di cottura

Spesso i forni casalinghi non mantengono la temperatura di cottura impostata, in genere la approssimano per difetto.

Con un termometro da cucina o meglio un termometro da forno potrete scoprire se il vostro forno cuoce alla temperatura indicata e regolarvi di conseguenza. Inoltre, i forni casalinghi non mantengono costante la temperatura ma spesso oscillano anche di 5-10 gradi in più o in meno durante la cottura. Di questo bisogna tenerne conto quando non si deve andare oltre una certa temperatura, come nella cottura delle meringhe o del creme caramel, per esempio se non si deve andare oltre i 120 gradi è bene impostare temperature non superiori a 100-110 gradi.

Uniformità di cottura

Problemi del forno

I forni casalinghi non hanno un buon sistema di ventilazione e quindi cuociono in modo diverso a seconda delle zone del forno, soprattutto nella cottura in modalità ventilata. Capita quindi che le torte o i muffins crescano "storti". Per questo problema non c’è soluzione se non quella di ruotare la torta durante la cottura oppure trovare la posizione giusta all’interno del forno.

Variazione del tempo di cottura in funzione del carico

Sempre a causa della ventilazione insufficiente, se caricate il forno con tanti cibi, il tempo di cottura aumenta. In genere la teglia posta più in alto cuoce normalmente, mentre in quelle sottostanti il tempo di cottura lievita fino al 25% in più. Questo accade perché la cottura non avviene solo per convezione come dovrebbe essere in un forno ventilato, ma la quota di irraggiamento delle pareti del forno è ancora elevata, ma tale calore raggiunge solo la teglia posta in alto.

Variazione di temperatura con l'apertura del forno

 

 

I forni professionali riprendono in pochi secondi la temperatura quando vengono aperti per qualche secondo e poi richiusi, mentre i forni casalinghi necessitano di molto più tempo. Bisogna quindi velocizzare tali operazioni durante la cottura altrimenti i tempi di cottura lievitano e in alcuni casi si hanno problemi anche maggiori, come nel caso delle torte lievitate che possono sgonfiarsi.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Busiate trapanesi (o busiata) - Ricetta

La busiata (o busiate): un formato di pasta siciliano da abbinare al pesto trapanese fatto con pomodori freschi, mandorle e basilico.

Crema pasticcera

La ricetta della crema pasticcera: la tecnica di preparazione, la scelta degli amidi, lo zucchero, i tuorli, i valori nutrizionali e le calorie.

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

 

Crema di nocciole proteica

Crema di nocciole proteica: una Nutella più saziante, proteica, meno calorica, adatta per gli spuntini golosi di chi vuole rimanere in forma.

Ricetta Rose del deserto con uvetta

Rose del deserto con uvetta: i biscotti di morbida pasta frolla avvolti con croccanti cornflakes, ricetta veloce, con o senza burro.

Pasticciotto leccese - Storia e ricetta originale

Pasticciotto leccese: la storia e la ricetta originale del dolce tipico pugliese a base di pasta frolla fatta con lo strutto, e crema pasticcera.

Gumbo (ricetta della Louisiana)

Il gumbo: una zuppa a base di riso, crostacei, carne e tante spezie tipica della cucina creola.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.