Tumore: i sintomi

Tumore, cancro o neoplasia: tre termini dal significato diverso, ma che fanno capire che nel nostro corpo c'è qualcosa che non va. Tumore significa rigonfiamento; cancro dalla parola inglese cancer, cioè granchio, ad indicare di qualcosa che aderisce ostinatamente; neoplasia, termine scientifico per descrivere una massa anomala di tessuto la cui crescita eccessiva è scoordinata rispetto a quella del tessuto normale e persiste nella sua aggressività anche dopo la cessazione degli stimoli che l'hanno provocata.

 

 

Esistono sintomi comuni per il tumore?

Il problema del tumore è che spesso rimane asintomatico per molti anni (fase preclinica) ed esordisce con sintomi aspecifici, cioè con sintomi blandi da associare ad altre patologie poco serie, che non mettono il medico in allerta. Non a caso uno dei principi base della medicina dice: "se senti rumore di zoccoli non pensare alla zebra ma al cavallo".

I sintomi che possono far sospettare la presenza di un tumore tanto da far sì che il medico prescriva gli opportuni accertamenti possono essere:

Sintomi tumore
  • addensamento di un nodulo palpabile sotto la cute o in una zona caratterizzata da linfonodi
  • modificazione di un neo o di una verruca
  • tosse stizzosa senza raffreddore
  • modificazioni delle abitudini intestinali e della minzione
  • presenza di sangue nelle feci o nei liquidi fisiologici
  • difficoltà di digestione e deglutizione
  • perdita di appetito e di peso senza cause evidenti

Nonostante nel mondo la più alta percentuale di morte sia dovuta alle malattie cardiovascolari, il tumore è una malattia che ci fa temere proprio perché riesce a nascondersi fin tanto che la sua capacità di uccidere è bassa. Proprio per il suo modo subdolo e discreto di insinuarsi dentro di noi, spesso il tumore si scopre troppo tardi o casualmente, magari facendo esami per altre situazioni da indagare. È quindi molto importante che il nostro medico curante conosca bene il nostro stile di vita, che dovrebbe essere all'insegna della prevenzione e quindi sano e privo di quei fattori di rischio che contribuiscono all'insorgenza dei tumori, la nostra storia clinica e quella dei nostri familiari, cosicché possa prescrivere le opportune indagini diagnostiche valutando non soltanto i sintomi, ma contestualizzandoli in un quadro più ampio e quindi più esatto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Intolleranza agli additivi alimentari: cosa sappiamo davvero?

L'intolleranza agli additivi alimentari è una reazione da ipersensibilità al cibo non ancora molto studiata. Non esiste un test diagnostico e una cura specifica.


I test per le intolleranze alimentari

I test per le intolleranze alimentari: quelli riconosciuti dalla medicina e quelli non convenzionali.


Intolleranza all'istamina: sintomi, diagnosi e terapia

L'intolleranza all'istamina è una reazione avversa ai cibi difficile da diagnosticare ma con alcuni sintomi caratteristici.


Obesità ginoide: cos'è e come si combatte

L'obesità ginoide ha una diversa localizzazione del grasso rispetto a quella androide. In essa risulta però difficile da ridurre il grasso corporeo.

 


Gradi di obesità: classificazione valida?

I gradi di obesità si basano sul BMI. Non sempre, però, questo metodo fornisce indicazioni valide per tutti.


Misuratore della glicemia: tipologie, affidabilità e funzionamento

Il misuratore della glicemia, o glucometro, è uno strumento facile da usare che viene utilizzato per monitorare la glicemia in modo autonomo.


Glicemia

La glicemia è la concentrazione di glucosio nel sangue, un esame molto importante.


Peste suina: classica, africana, diffusione e prevenzione

La peste suina esiste sia nella forma classica che in quella africana. Entrambe hanno sintomi simili e non sono trasmesse all'uomo, ma sono causate da virus diversi.