Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale. La continua presenza di biofilm sugli impianti induce una reazione infiammatoria che, se non trattata correttamente, può evolvere in perimplantite.

 

 

Si tratta di una patologia reversibile che può presentarsi in pazienti con protesi appena posizionata o installata anni prima e non comporta una perdita dell'osso. Si manifesta in modo simile alla gengivite e con i sintomi classici di infiammazione, gonfiore e arrossamento. Il sanguinamento durante il sondaggio è un buon indicatore di mucosite perimplantare.

Cause e fattori di rischio

La causa principale dello sviluppo delle malattie perimplantari è l'accumulo di placca batterica. I fattori di rischio della mucosite perimplantare sono:

  • Una scarsa igiene orale che porta alla formazione di placca e tartaro e alla comparsa di batteri che possono avere gravi conseguenze per gli impianti dentali.
  • L'abitudine al fumo che ha effetti negativi sulla salute orale e non aiuta la corretta osteointegrazione degli impianti. Il tabagismo compromette la durata a lungo termine di queste protesi per via dell'infiammazione che causa alle gengive.
  • Propensione genetica a sviluppare malattie parodontali.
  • Esistenza di altre malattie come il diabete con cui la parodontologia è strettamente correlata.
  • Errato posizionamento dell'impianto dentale o inadeguata progettazione della protesi o di alcune sue caratteristiche (superficie ruvida, ad esempio) che favoriscono l'accumulo di batteri. La superficie dell'impianto consente infatti il fissaggio di proteine ​​salivari, peptidi e altre sostanze che formano un biofilm simile a quello che si forma sui denti naturali.
  • Scarse visite di controllo successive all'installazione della protesi per valutarne l'evoluzione e identificare quanto prima l'eventuale insorgere della mucosite perimplantare.

Sintomi della mucosite perimplantare

 

 

Come nel caso della gengivite in pazienti senza impianti, la mucosite si presenta con i seguenti sintomi:

  • Sanguinamento delle gengive
  • Gengive gonfie
  • Tessuto parodontale arrossato
  • Formazione e fuoriuscita di pus
  • Sensibilità al sondaggio con profondità superiore a 4 mm

Se si sospetta di soffrire di mucosite perimplantare occorre visitare quanto prima un professionista che indicherà come procedere per una rapida guarigione.

Sarà grazie a una sonda parodontale che il dentista potrà determinare la profondità raggiunta della placca batterica e avviare il trattamento necessario.

In caso di infiammazione e sanguinamento al sondaggio, il dentista può decidere di realizzare una radiografia per capire se il paziente è affetto da mucosite, che coinvolge solo le gengive, o anche da perimplantite, che interessa l'osso che sostiene gli impianti e che si vede ridotto di 2 o più mm.

Prognosi e complicanze

 

 

Quando si manifestano i sintomi descritti in precedenza e una volta confermata la diagnosi di mucosite perimplantare, è fondamentale avviare quanto prima un trattamento, poiché in questa fase la patologia è ancora reversibile e se non trattata può diventare perimplantite.

Si definisce perimplantite il processo infiammatorio che interessa i tessuti che circondano un impianto e che arrivano a produrre una perdita di osso di supporto.

Trattamento della mucosite perimplantare

Il modo migliore per evitare le malattie perimplantari è la prevenzione. Come abbiamo già sottolineato la placca batterica è la causa principale di queste patologie, quindi una corretta igiene è fondamentale.

Inoltre, prima dell'installazione dell'impianto, è fondamentale assicurarsi che il biofilm di placca sia al minimo o assente. Per ridurlo il dentista utilizzerà tecniche meccaniche ma anche chimiche con collutori a base di Clorexidina.

La mucosite può essere eliminata controllando la causa che la origina: placca e tartaro. La perimplantite, invece, richiede un intervento per la sua eradicazione.

Nei casi di mucosite perimplantare diagnosticata, lo specialista utilizza tecniche meccaniche, come curette ed ultrasuoni, per rimuovere placca e tartaro ed eliminare l'infezione, ma senza danneggiare la superficie del collo dell'impianto. L'applicazione di antisettici, principalmente clorexidina sotto forma di collutorio o gel nei giorni successivi, sarà di grande aiuto per supportare il trattamento meccanico effettuato dal dentista.

In caso di mucosite, invece, sarà necessario un intervento chirurgico per pulire completamente l'impianto ed eliminare tutti i batteri all'interno della gengiva. Successivamente, sarà necessario ricostruire l'area danneggiata e realizzare un innesto osseo se necessario.

In questi casi il dentista di solito prescrive una terapia farmacologica a base di antibiotici.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Listeria monocytogenes: alimenti, sintomi e prevenzione

La Listeria monocytogenes è un batterio ubiquitario che si trova in diversi alimenti e sopravvive anche in frigo.

 

Bacopa monnieri - Integratori - Controindicazioni

La Bacopa monnieri è una pianta usata nella medicina ayurvedica a cui si attribuiscono diversi effetti, alcuni molto probabili altri meno.

Mucuna pruriens: l'integratore per il Parkinson

La mucuna pruriens è una pianta studiata perché ricca di L-Dopa e quindi di potenziale utilizzo, fra gli altri scopi, per alleviare i sintomi del Parkinson.

Foam roller: funziona? Utilizzo per schiena, ginocchio, cellulite...

Il foam roller è uno strumento di auto-trattamento molto di moda. Scopriamo per cosa è davvero efficace, e come utilizzarlo.

Integratori di vitamine B per la salute mentale

Gli integratori di vitamine B potrebbero essere utili per la salute mentale, ma i loro effetti a riguardo non sono ancora certi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.