Calazio

Il calazio è un'infiammazione che colpisce le piccole ghiandole sebacee di Meibomio, presenti ai margini delle palpebre.

 

 

Esse hanno il compito di produrre la parte esterna del film lacrimale formata da lipidi (grassi), che facilita lo scorrimento della palpebra sull'occhio.

Queste ghiandole riversano il loro secreto tramite dei piccoli dotti molto piccoli e tortuosi che si aprono con dei forellini lungo la rima palpebrale.

Quando uno di questi forellini si ottura, il secreto non riesce ad uscire e causa quindi una ritenzione di materiale che porta all'infiammazione della ghiandola.

Cause

Non si conosce la causa che determina l'insorgenza di questo processo infiammatorio, anche se è stato messo in relazione la blefarite.

Quest'ultima sembra essere uno dei fattori locali predisponenti il calazio, trattandosi di un'infiammazione del margine palpebrale.

Sintomi

Calazio

Il calazio è solitamente poco doloroso e i sintomi sono lievi.

Si presenta come una piccola tumefazione di forma circolare a livello della palpebra.

Si può avvertire un senso di fastidio palpebrale oppure dolore e rossore se c'è infezione. A volte si avverte sensibilità alla luce solare e aumento della lacrimazione dell'occhio.

Diciamo che il problema è principalmente estetico, perché si vede questa tumefazione sopra la palpebra.

Il calazio può essere: 

  • esterno: fuoriesce verso la cute palpebrale con un sollevamento della stessa. Rovesciando la palpebra si apprezza una zona di colore grigiastro; 
  • interno: si estrinseca verso la congiuntiva palpebrale. Rovesciando la palpebra si evidenzia un'area di colorito rossastro lievemente dolente; 
  • del margine palpebrale: si presenta come una propaggine appuntita del bordo palpebrale.

 

 

Terapia

I calazi più piccolini possono a volte, ma non sempre, regredire spontaneamente a volte in 15-20 giorni oppure necessitando a volte anche di 10-12 mesi.

Solitamente si applicano delle pomate antibiotiche o antiinfiammatori per cercare di ridurre il gonfiore della palpebra.

Tuttavia, spesso si ricorre all'intervento chirurgico, effettuato in ambulatorio sotto anestesia locale, specie se il calazio non si risolve oppure è grande o in una posizione che possa ostacolare la vista.

L'anestesia consiste in una iniezione nella regione palpebrale interessata, quindi viene incisa la palpebra, asportata la ghiandola infiammata, dati dei punti di sutura e bendato l'occhio.

Dopo qualche giorno dall'operazione si possono togliere i punti e instillare colliri o somministrare alcune pomate antibiotiche.

Ovviamente, trattandosi comunque di un intervento chirurgico, anche se semplice, possono presentarsi delle complicanze sia durante l'operazione, come l'emorragia della palpebra o la possibile non asportazione completa del calazio (con necessità di intervenire nuovamente), che dopo l'operazione, come una cicatrice non perfetta.

Inoltre c'è da ricordare che a volte il calazio può recidivare anche se operato.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.

 


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.


Aromaterapia: la terapia degli oli essenziali dai dubbi effetti reali

L'aromaterapia ha origini antiche e si basa sull'uso degli oli essenziali per la cura delle patologie. I suoi effetti, però, non sono ancora accertati scientificamente.


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.