Quanto sport per essere davvero in forma?

Quanto sport per essere davvero in forma?

Fonte: il Corriere della Sera - 19 Aprile 2006 - di Mabel Bocchi

Nuove ricerche precisano gli effetti preventivi sul cuore, sulle ossa e sulla linea.

 

 

Calcolata la distanza che ci separa dai reali benefici Correre per meno 15 chilometri alla settimana, è fatica sprecata: l'attività fisica è troppo blanda per attivare meccanismi di protezione contro l'arteriosclerosi e altre malattie del cuore.

Se, però, la distanza percorsa raddoppia - per intenderci: se ci si impegna a correre per un'ora, tre volte la settimana - nel sangue si avvia una piccola rivoluzione: il colesterolo "cattivo" diminuisce a favore di quello buono, la pressione del sangue si abbassa (dopo poche settimane di corsa praticata con regolarità, la pressione si riduce di circa 10 millimetri di mercurio), cala anche la glicemia e, soprattutto, l'accumulo di grassi nelle arterie si arresta.

In pratica, arteriosclerosi e rischio d’infarto si riducono. Se poi l'impegno aumenta e la distanza percorsa diventa di circa 75 km alla settimana - ovvero, circa un’ora di corsa ogni giorno - il rischio di disturbi cardiaci e circolatori è addirittura dimezzato. A tali conclusioni sono giunti recenti studi, effettuati dal Center for Healh Promotion and Education di Atlanta. E questi dati, opportunamente incrociati con quelli di precedenti studi, porterebbero, secondo alcuni ricercatori, ad ulteriori calcoli, piuttosto singolari: ogni minuto della vita trascorso correndo ne aggiungerebbe altri tre al tempo che resta da vivere.

 

 

Altrettanto interessanti sono i risultati di studi effettuati oltreoceano che evidenziano quanto la corsa possa prevenire e combattere in modo efficace l'osteoporosi, la malattia degenerativa che colpisce soprattutto le donne dopo la menopausa, rendendo le loro ossa più deboli e, di conseguenza, maggiormente soggette a fratture.

Ebbene, la resistenza delle ossa delle donne che hanno sempre corso risulta, rispetto a quella delle donne sedentarie, maggiore del quaranta per cento. Un valore davvero considerevole. Di fatto, buona parte delle donne affette da osteoporosi da lieve a discreta, sarebbe sana se nella vita avesse sempre praticato la corsa.

 

 

Allora, con l’arrivo della bella stagione, farebbe bene a tutti - dopo aver consultato il proprio medico per escludere controindicazioni particolari - calzare scarpe adatte e abbigliamento confortevole, per muovere qualche passo in più.

Commenti

Questo articolo è riferito alla corsa poiché è l'attività sportiva più facilmente praticabile e sulla quale è più comodo fare degli studi, inoltre è l'attività in cui la distanza percorsa è maggiormente correlata all'intensità dell'allenamento, in quanto la velocità non influisce più di tanto sull'intensità, come invece avviene in altri sport come il ciclismo.

Ovviamente questi risultati sono trasferibili ad altri sport aerobici come la bicicletta e il nuoto, con le giuste proporzioni in termini di km percorsi e introducendo parametri opportuni per fissare una intensità minima per ottenere un effetto allenante.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Sport


Pro e contro della corsa

Pro e contro della corsa: il rischio di infortuni è senz'altro il maggior deterrente per l'aspirante runner.


Ultrasuoni in terapia riabilitativa

La terapia con ultrasuoni viene utilizzata in ambito riabilitativo per curare un gran numero di patologie che colpiscono il tessuto muscolare e tendineo.


Endless pool (nuoto controcorrente)

La endless pool (nuoto controcorrente) è il tapis roulant del nuoto. Scopriamo se è efficace come metodo di allenamento per il nuoto o il triathlon, o semplicemente per mantenersi in forma.


Scarponi da sci: una scelta critica

In pochi sanno quanto gli scarponi da sci siano in grado di influenzare la prestazione. La scelta dello scarpone è altrettanto importante, rispetto a quella degli sci.

 


Imparare a sciare: i vecchi livelli (oro argento bronzo) e i nuovi

Imparare a sciare: i vecchi livelli di abilità (oro, argento e bronzo) e i nuovi livelli in vigore dal 2018.


Manutenzione degli sci fai da te: conviene farsi lamine e sciolina?

Manutenzione degli sci: il fai da te conviene? Quale attrezzatura occorre e quanto costa? In quanti anni si ammortizza? È difficile imparare a sistemare gli sci?


Sci: consigli per i principianti. Spazzaneve: no grazie!

Sci: consigli per i principianti che vogliono iniziare a sciare. Scelta del comprensorio, del maestro, dell'attrezzatura e della preparazione fisica.


Scegliere la lunghezza dello sci: l'altezza non conta!

Come scegliere la lunghezza degli sci? Quali sono i criteri di scelta? Scopriamo perché l'altezza dello sciatore è un parametro decisamente sopravvalutato...

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.