Tagliare le verdure

Il taglio degli alimenti è una delle pratiche che da più soddifazione e che influenza il risultato in modo determinante. L'alimento principe della cucina Sì sono le verdure e quindi il taglio di questi alimenti assume una importanza strategica per la corretta riuscita dei piatti. Ogni verdura può essere tagliata in diversi modi e ogni piatto necessita un modo particolare. Nei primi piatti, per esempio, la forma dei pezzi di verdura deve sposarsi perfettamente con quella della pasta, per formare un tutt'uno omogeneo e armonioso.

 

 

Il tagliere

Tagliare verdure

Il tagliere deve essere il più grande possibile, compatibilmente con lo spazio sul piano di lavoro. I più diffusi sono in legno, un materiale attraente e di facile manutenzione, che però va bagnato il meno possibile, poiché si deforma facilmente. I taglieri in legno non possono essere sterilizzati in acqua bollente e quindi non sono indicati per gli animali a rischio contaminazione come il pollame crudo.

Un tagliere di legno deve essere spesso almeno 4 cm. Quelli in polietilene hanno il vantaggio di poter essere sterilizzati, ma sono senz'altro meno attraenti. I coltelli Le verdure su possono tagliare con diversi tipi di coltelli, l'importante è che la lama sia sottile. Una lama spessa, infatti, è perfetta per tagliare alimenti consistenti come la carne, ma non è precisa e non consente di tagliare fette sottili. Il classico coltello da chef, quindi, non consente di ottenere tagli precisi, sebbene con un po' di pratica è possibile ottenere buoni risultati con qualunque tipo di coltello.

 

 

I risultati migliori si ottengono con i coltelli piatti per verdure, privi di appendice appuntita o quasi, oppure con i coltelli per affettare, lunghi e appuntiti. Con il coltello per verdure la parte utile per affettare è quella centrale, che si può usare sollevando completamente il coltello mantenendolo parallelo al tagliere oppure appoggiandosi sulla punta e esercitando un movimento alternato con il manico.

Con lo slicer, invece, il coltello va tenuto sospeso dal tagliere, la lama parallela o leggermente inclinata con la punta verso il basso, e la verdura è tagliata con un movimento alternato usando la parte finale della lama. In ogni caso, l'uso dei coltelli è soggettivo: ognuno impara ad utilizzare bene i propri coltelli e quando ne usa altri, a prescindere dalla qualità, difficilmente si troverà meglio che con i suoi. È molto importante avere cura dei propri coltelli e mantenerli ben affilati.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Ricette stufato di carne con il Multicooker Moulinex

Lo stufato di carne può essere preparato in maniera tradizionale oppure avvalendosi del Multicooker per accorciare i tempi di preparazione.

La Putana (torta vicentina ricetta originale)

La putana è una torta di origine vicentina, fatta con pane raffermo, farina di mais, farina di frumento, burro, latte, e altri ingredienti ad insaporire.

Tradizioni natalizie a Roma: 5 usanze

Questa guida vi porterà alla scoperta di cinque usanze tipiche romane che rendono il Natale nella Città Eterna un'esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

Pasta salsiccia peperoni e funghi

Le pasta con salsiccia peperoni e funghi è un primo piatto molto gustoso e abbastanza facile da preparare. Scopriamone tutti i segreti iniziando dall'aspetto nutrizionale.

 

Sovracosce di pollo in umido light

Le sovracosce di pollo sono una parte del pollo molto interessante, perché non sono stoppose come il petto, non sono grasse e poco carnose come l'ala.

Pancake senza uova - Ricetta

Le pancake senza uova sono una variante dei pancake adatta per chi non può mangiare le uova, perché allergico.

Marmellata di more senza semi | Poco Zucchero | Con Fruttapec

Marmellata di more senza semi: scopri il trucco per eliminare i semi e preparare una marmellata con poco zucchero.

Gli italiani in tavola, cosa mangiano davvero?

Gli italiani in tavola, cosa mangiano davvero?