Marmellata di marroni fatta in casa

La marmellata di marroni è atipica poiché i marroni sono un frutto atipico. Infatti contengono amido e pochi zuccheri semplici, e hanno una bassa acidità. Quest'ultima caratteristica ne rende la conservazione molto critica. Cercare di aumentare l'acidità artificiosamente aggiungendo in quantità importante succo di limone o aceto balsamico non ha molto senso, poiché per raggiungere livelli di acidità che garantiscano la conservabilità si andrebbe a compromettere eccessivamente il gusto.

 

 

Una marmellata di marroni si conserva bene, utilizzando il nostro metodo di sterilizzazione, solamente se contiene almeno il 50% di zuccheri: se si scende al di sotto di questo valore il rischio che una parte di vasetti sviluppi gas prodotti da microorganismi è abbastanza elevato, e quindi non vale la pena di rischiare.

La marmellata di marroni è dunque un'eccezione, nel panorama delle marmellate Sì, che in genere hanno il 40% di zucchero e quindi 160 kcal/hg. Il 50% è comunque di una quantità di zuccheri inferiore rispetto alla quasi totalità dei prodotti presenti sul mercato.

Perché NON serve il fruttapec

 

 

Nelle nostre marmellate usiamo quasi sempre il fruttapec, ma non nel modo in cui Cameo (il produttore) consiglia di utilizzarlo. Per approfondire e conoscere il nostro metodo di produzione delle marmellate, ti rimandiamo all'articolo sul fruttapec e in generale, alla sezione del sito dedicata alle marmellate fatte in casa. Qui ci limitiamo a dire che non ha alcun senso utilizzare la pectina per un frutto ricchissimo di amido, che gelatinizza in cottura e dunque si presenta già fin troppo denso anche allo stato naturale. Per la marmellata di marroni non c'è alcun motivo di aggiungere alcun tipo di addensante.

La ricetta della marmellata di marroni

Per preparare la marmellata di marroni la base di partenza sono le caldarroste, che possono essere comprate già cotte, cotte in forno oppure con la classica padella bucata sul fuoco vivo. Se non si dispone di un camino e di una padella bucata sufficientemente grande, la soluzione migliore è quella di cuocerle al forno, clicca sul link per scoprire come farlo al meglio, nel forno di casa.

 

 

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Marmellata di marroni

Ingredienti per 1,5 kg di marmellata

  • 500 g di caldarroste
  • 500 g di zucchero
  • 1 litro di acqua
  • 1 bacca di vaniglia o qualche goccia di estratto naturale
  • 100 g di rhum, wiskey o altro liquore secco

Preparazione

Sbriciolare le caldarroste con le dita, facendo attenzione a scartare tutte quelle marce. Se avete dei dubbi, assaggiatene metà, mettere nella marmellata qualche castagna marcia può significare contaminare tutta la marmellata con il suo gusto sgradevole.

Una volta sbriciolate tutte le caldarroste, metterle a bollire insieme all'acqua in una pentola di acciaio a fondo spesso, unire lo zucchero e alla bacca di vaniglia, appena prende il bollore abbassare la fiamma al minimo e cuocere per 20 minuti, scoperto.

Togliere la vaniglia e frullare il tutto molto bene con un frullatore ad immersione, quindi continuare a cuocere per 10 minuti, a fuoco basso, scoperto, frullare nuovamente per 1-2 minuti, cuocere altri 10 minuti, frullare un'ultima volta finché la marmellata non assume un aspetto omogeneo e translucido. Aggiungere il liquore, mescolare bene, quindi cuocere per gli ultimi 3-4 minuti e invasettare in vasi sterilizzati (per il procedimento vedi l'articolo sulla sterilizzazione veloce delle marmellate).

Se volete essere sicuri che la marmellata abbia cotto per un tempo sufficiente, pesate la pentola vuota, segnatevi il suo peso, quindi pesate la pentola piena di marmellata ponendo uno straccio di cotone o un piatto di vetro o ceramica a protezione del fondo della bilancia: quando la marmellata pesa 1500 g è pronta per essere invasatettata.

Al posto del liquore, la marmellata può essere acidificata con 20 g di aceto balsamico di Modena.

Informazioni nutrizionali per 100 g

 

Energia

196 kcal - 819 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

1 g - 2%

Carboidrati

50 g - 94%

Grassi

1 g - 3%

di cui

 

saturi

0 g

monoinsaturi

0 g

polinsaturi

0 g

Fibre

0 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

0 mg

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Polpette di tonno e patate al forno

Cerchi una ricetta per far mangiare il pesce in modo divertente ai propri figli? Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalle polpette di tonno e patate al forno.

Torta di mele light: può un cibo essere dietetico?

Spesso i dolci sono spesso banditi dalle diete, anche se in realtà è possibile preparare torte leggere e non eccessivamente caloriche.

Torta tenerina: la ricetta originale

La torta tenerina è forse uno dei dolci più diffusi e preparati in Italia: semplicissimo da preparare e adatto anche a chi è alle prime armi.

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi: una variante sfiziosa della salsa di origine messicana, per stupire i vostri ospiti.

 

Vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati

La vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati è una ricetta un po' elaborata, ma che non richiede particolari abilità e di sicuro stupirà i vostri ospiti.

Gnocchi di spinaci con porri e fonduta di parmigiano

Gli gnocchi di spinaci sono una variante degli gnocchi tradizionali, scopriamoli in abbinamento a un letto di porri e alla fonduta di parmigiano.

Crostata meringata al limone e zenzero

La crostata meringata al limone e zenzero è una variante molto interessante del classico dolce di origine anglosassone.

Involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta

Gli involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta sono una ricetta sfiziosa, non troppo complicata da realizzare, economica, salutare, e dall'impatto visivo molto interessante.