Gusti innati: la densità calorica

Non è buono ciò che è buono, è buono ciò che piace, si dice. I gusti sono soggettivi. Nel caso dell'alimentazione, questo non è vero al 100%: esitono cibi che piacciono praticamente a tutti, e cibi che piacciono solo a pochi.

Esistono due fattori che influiscono sul gradimento di un cibo: uno ormonale, svincolato dal gusto vero e proprio, e uno percepito dagli organi del gusto.

Capire le differenze e le relazioni tra questi due fattori è di importanza fondamentale per raggiungere un giusto compromesso tra salute e gusto.

Cosa piace a tutti: gusti innati e appetibilità innata

I gusti innati sono comuni a tutti gli esseri umani: il gusto per gli alimenti ricchi di energia, in particolare carboidrati e grassi, stimolo necessario per evitare di morire di fame, e quindi per il mantenimento della specie.

È difficile separare i gusti innati dai gusti veri e propri, poiché come vedremo essi interagiscono tra di loro, tuttavia, in prima analisi, si può dire che i gusti innati dipendono dalla densità calorica (le kcal per 100 g).

Tutti amano i cibi che contengono molta energia: difficile trovare persone che non amano la pizza, il pane, la pasta, il formaggio, i salumi grassi. Di solito gli alimenti poco graditi sono tra quelli che hanno poche calorie (ad esempio verdura, frutta, spezie).

Gli alimenti ipercalorici contengono sempre grassi o carboidrati, o un mix di entrambi. I grassi e i carboidrati stimolano il rilascio di neurotrasmettitori che ci fanno stare bene: aumentando la loro concentrazione aumenta la densità calorica, il rilascio di queste sostanze, e il benessere conseguente alla loro assunzione.

 

 

Gusti innati

In particolare, i carboidrati stimolano il rilascio di serotonina, un potente sedativo che ci calma dallo stress, e i grassi di endorfine, sostanze che provocano benessere fisico e alleviano il dolore.

I gusti innati sono influenzati dal rilascio di neurotrasmettitori e dipendono solo in minima parte dai nostri gusti personali.

Possiamo chiamare questo fenomeno appetibilità innata degli alimenti: innata perché comune a tutti gli esseri umani.

Diversi esperimenti scientifici hanno dimostrato che i magiatori compulsivi presentano delle alterazioni del metabolismo di questi neurotrasmettitori, che aumenta la pulsione verso il cibo a un livello simile a una droga.

Anche i soggetti che non presentano tali alterazioni, a causa di questo meccanismo, possono incorrere nel sovrappeso. Per capire questo concetto, bisogna definire l'indice di appetibilità degli alimenti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Brasato al barolo

Il brasato al barolo: un secondo piatto tipico del Piemonte. Vediamone la ricetta e i segreti.


Marmellata di ciliegie

Marmellata di ciliegie: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.


Lingue di gatto: origine e ricetta

Lingue di gatto: origine e ricetta di questi biscotti della tradizione europea, e le varianti senza glutine, burro e uova.


Ricetta Orecchiette broccoli e salsiccia

Le orecchiette con broccoli e salsiccia sono un piatto tipico del sud ormai diffuso in tutta Italia: merito della loro bontà!

 


Caldarroste perfette al forno col grill ventilato

Scopri come preparare caldarroste perfette utilizzando il forno di casa, in modalità grill ventilato.


Stinco di maiale al forno con patate

Stinco di maiale al forno con patate: una ricetta per renderlo particolarmente morbido, con la tecnica del foiling.


Torta al cocco e cioccolato senza burro

Torta al cocco e cioccolato senza burro: senza rinunciare a una torta morbida e gustosa, grazie alla ricotta!


Pan (o pagnotta) del Doge Ricetta

Il pan del Doge o pagnotta del Doge: un dolce lievitato tipico della cucina veneta arricchito con vino bianco, miele e frutta secca.