Gusti innati: la densità calorica

Non è buono ciò che è buono, è buono ciò che piace, si dice. I gusti sono soggettivi. Nel caso dell'alimentazione, questo non è vero al 100%: esitono cibi che piacciono praticamente a tutti, e cibi che piacciono solo a pochi.

 

 

Esistono due fattori che influiscono sul gradimento di un cibo: uno ormonale, svincolato dal gusto vero e proprio, e uno percepito dagli organi del gusto.

Capire le differenze e le relazioni tra questi due fattori è di importanza fondamentale per raggiungere un giusto compromesso tra salute e gusto.

Cosa piace a tutti: gusti innati e appetibilità innata

I gusti innati sono comuni a tutti gli esseri umani: il gusto per gli alimenti ricchi di energia, in particolare carboidrati e grassi, stimolo necessario per evitare di morire di fame, e quindi per il mantenimento della specie.

È difficile separare i gusti innati dai gusti veri e propri, poiché come vedremo essi interagiscono tra di loro, tuttavia, in prima analisi, si può dire che i gusti innati dipendono dalla densità calorica (le kcal per 100 g).

Tutti amano i cibi che contengono molta energia: difficile trovare persone che non amano la pizza, il pane, la pasta, il formaggio, i salumi grassi. Di solito gli alimenti poco graditi sono tra quelli che hanno poche calorie (ad esempio verdura, frutta, spezie).

Gli alimenti ipercalorici contengono sempre grassi o carboidrati, o un mix di entrambi. I grassi e i carboidrati stimolano il rilascio di neurotrasmettitori che ci fanno stare bene: aumentando la loro concentrazione aumenta la densità calorica, il rilascio di queste sostanze, e il benessere conseguente alla loro assunzione.

Gusti innati

In particolare, i carboidrati stimolano il rilascio di serotonina, un potente sedativo che ci calma dallo stress, e i grassi di endorfine, sostanze che provocano benessere fisico e alleviano il dolore.

I gusti innati sono influenzati dal rilascio di neurotrasmettitori e dipendono solo in minima parte dai nostri gusti personali.

Possiamo chiamare questo fenomeno appetibilità innata degli alimenti: innata perché comune a tutti gli esseri umani.

Diversi esperimenti scientifici hanno dimostrato che i magiatori compulsivi presentano delle alterazioni del metabolismo di questi neurotrasmettitori, che aumenta la pulsione verso il cibo a un livello simile a una droga.

Anche i soggetti che non presentano tali alterazioni, a causa di questo meccanismo, possono incorrere nel sovrappeso. Per capire questo concetto, bisogna definire l'indice di appetibilità degli alimenti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Yogurt fatto in casa (denso e senza yogurtiera)

Lo yogurt fatto in casa, denso, senza yogurtiera e senza starter microbici, in modo economico, semplice e veloce.


Savoiardi fatti in casa

I savoiardi, i famosi biscotti piemontesi usati come base per il tiramisù o la zuppa inglese.


Baccalà alla portoghese (ricette)

Il baccalà alla portoghese: alcune ricette tipiche tra cui quella del bacalhau a bras.


Tiramisù light con la ricotta

Tiramisù light con la ricotta: tutti i segreti per preparare un tiramisù con la metà delle calorie rispetto all'originale.

 


Sfrappole di carnevale (o frappe, chiacchiere, galani...)

Sfrappole, frappe, chiacchiere, galani, bugie, cenci, fritole: tanti nomi per uno stesso prodotto, i classici dolci fritti di carnevale.


Cotoletta alla bolognese

La cotoletta alla bolognese: un secondo tradizionale tipico del città di Bologna molto ricco di calorie.


Cucina Wellness (Evolution): tanto marketing e poco arrosto?

La cucina wellness, oggi ribattezzata cucina evolution, è un modello di cucina salutistica ideato dalla nutrizionista Chiara Manzi.


Trippa alla romana

La trippa alla romana, il piatto povero del sabato laziale.