Vacherin Mont-d'Or DOP

Il termine vacherin in francese indica un formaggio prodotto con il latte vaccino, e il Vacherin Mont-d'Or non fa eccezione. Oltre a quello svizzero esiste anche il cugino francese, il Vacherin Mont D'Or AOC, prodotto nella zona montuosa del Doubs, praticamente a pochi chilometri da Vaud e Baulmes, zona vocata alla produzione del Mont-d'Or svizzero.

 

 

Viene prodotto da settembre a maggio, quando le mucche ritornano a valle dopo il periodo di alpeggio, quelle stesse mucche che durante l'estate vengono munte per produrre i vari groviera svizzeri.

Il Vacherin Mont-d'Or ha ottenuto la certificazione DOP nel 2003 e attualmente viene fabbricato da 12 piccoli produttori riuniti in un Consorzio di Tutela.

Produzione del Vacherin Mont-d'Or DOP

Vacherin Mont Or

Il Vaucherin Mont-d'Or DOP viene ottenuto con latte vaccino crudo termizzato, ossia riscaldato molto lentamente per mantenere inalterate le qualità e le caratteristiche del latte crudo.

La sua produzione è molto limitata, dato che nel periodo invernale le mucche danno meno latte, e secondo il disciplinare può essere venduto solo dal 10 settembre al 10 maggio.

I casari lo fanno maturare brevemente dentro contenitori di abete o di pino, che conferiscono al prodotto la sua nota aromatica tipica. La stagionatura è breve, dura dalle 6 alle 10 settimane.

Caratteristiche del Vacherin Mont-d'Or DOP

 

 

Il Vacherin svizzero si presenta di forma cilindrica, confezionato dentro scatoline di legno di circa 18 cm di diametro e 8 cm di altezza. Il peso è compreso tra 400 g e 1 kg.

La crosta è spessa e di un colore aranciato con muffe bianche, mentre l'interno è bianco e cremoso, viene infatti mangiato con il cucchiaino (come si fa anche con le tortas spagnole (i formaggi tipici dell'Extremadura). Emana sentori di bosco, di legno e di terra bagnata.

Può essere mangiato da solo a temperatura ambiente con un cucchiaino oppure può essere cotto in forno nella sua scatolina a 220°C per 30 minuti e accompagnato da patate lesse, fette di pane tostato e da un calice di Pinot Nero.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.