Il robot da cucina

Il robot da cucina è senza dubbio l'elettrodomestico più completo e tecnologicamente avanzato, nonché il più costoso, che possiamo trovare in una cucina domestica. Prima di investire una notevole somma di denaro, dunque, è opportuno capire se il robot da cucina ci serve veramente.

 

 

L'evoluzione del robot da cucina

I primi robot da cucina vennero immessi sul mercato negli anni '60, quando la donna diventa sempre più soggetto attivo nella società e nel mondo di lavoro e sente sempre più il bisogno di risparmiare tempo nella preparazione dei cibi. Il primo modello, della ditta tedesca Reba, era poco più di un frullatore, in grado di tagliare, tritare o frullare i vari cibi. Con il passare degli anni, il "cuore" del robot non è cambiato molto, ma si sono aggiunti decine di accessori supplementari che hanno reso questo elettrodomestico in grado di preparare virtualmente qualunque alimento.

Le potenzialità del robot da cucina

Il robot da cucina è costituito da un corpo centrale che contiene un motore elettrico con una potenza che varia in media da 750 a 1200 Watt. L'albero di uscita del robot può essere collegato a moltissimi accessori che consentono di eseguire i più svariati compiti:

  • tritare, omogeneizzare, frullare;
  • tagliare le verdure in vari modi grazie ad apposite lame metalliche;
  • montare (panna, albumi, maionesi, ecc);
  • spremere gli agrumi;
  • passare il pomodoro;
  • tritare la carne;
  • preparare gelati e sorbetti;
  • impastare impasti per pane, pizza, dolci, ecc;
  • preparare la sfoglia e tagliarla;
  • preparare la pasta al torchio con diverse trafile;
  • macinare le granaglie.

 

 

E sicuramente ci siamo dimenticati alcune operazioni che è possibile eseguire con il robot da cucina. Da quanto detto dovrebbe essere chiaro che il robot da cucina è uno strumento in grado di eseguire quasi qualunque tipo di operazione meccanica sul cibo.

Uno dei migliori e più completi robot da cucina sul mercato è senza dubbio il Kenwood Chef, insieme al suo rivale Kitchen Aid.

Robot da cucina: conviene?

Robot da cucina

Un robot da cucina in grado di eseguire la maggior parte delle operazioni indicate costa diverse centinaia di euro, più altrettante se vogliamo dotarci della maggior parte degli accessori. I contro del robot da cucina non si esauriscono nel prezzo: si tratta infatti di uno strumento piuttosto ingombrante, che sarebbe opportuno lasciare sempre a portata di mano, soprattutto se lo si utilizza di frequente.

Detto questo... Proviamo a rispondere alla domanda fatidica: comprare o non comprare il robot da cucina?

La risposta è: dipende che tipo di cuochi siamo.

 

 

L'errore da non fare è quello di credere di acquistare uno strumento che "fa tutto lui" mentre noi stiamo a guardare. Se osserviamo l'elenco delle cose che il robot è in grado di fare vediamo che si tratta per la maggior parte di operazioni che la maggior parte delle persone non ha mai fatto né farà mai, cose che solo un vero appassionato di cucina, o un professionista, prepara abitualmente. Poi bisogna considerare che ogni singola operazione che è in grado di eseguire il robot può essere fatta da una macchina specifica: prima di acquistare il robot, valutiamo se non valga la pena di acquistare una o due di queste macchine. Per esempio: chi fa la pasta in casa 6 volte l'anno, può avvalersi di una semplice sfogliatrice da qualche decina di euro, da tenere in sgabuzzino il resto del tempo, idem per il torchio oppure per il tritacarne (tra l'altro, quello dei robot da cucina non è molto efficace, né efficiente, nel tritare la carne rispetto ad un tritacarne professionale), nel caso in cui ci si diletti saltuariamente a preparare salumi, polpette o hamburger.

Un altro fattore da tenere in considerazione è quello delle quantità: il robot è utile se bisogna preparare il cibo per tante persone, se devo cucinare per 4 persone al massimo, posso tagliare le verdure a mano e utilizzare piccoli strumenti, come il frullatore ad immersione multiuso, per frullare, montare, impastare, ecc.

Spesso chi compra un robot da cucina vuole semplicemente una planetaria (che consente di montare e impastare), perché magari è appassionato di pasticceria o di panificazione. Le planetarie sono molto meno costose rispetto ai robot, quindi conviene puntare su quelle se alla fine si utilizzano solo le fruste e gli strumenti per impastare.

Oggi esistono anche robot da cucina che cuociono gli alimenti (i concorrenti del Bimby).

In definitiva, ci sentiamo di consigliare l'acquisto del robot da cucina solamente a coloro che:

  • sono molto appassionati di cucina e passano molte ore ai fornelli;
  • cucinano spesso per tante persone;
  • amano trasformare le materie prime grezze;
  • sono appassionati di pasticceria e/o panificazione.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Strangozzi alla spoletina - Ricetta umbra

Gli strangozzi sono un formato di pasta di origine umbra, di preparazione molto semplice visto che, di fatto, sono una semplice pasta al pomodoro.

Cinnamon rolls - Ricetta originale svedese

Cinnamon rolls, i rotoli alla cannella originali svedesi, diffusi in tutto il Nord Europa e anche in America: scopriamo la ricetta e tutti i segreti per prepararli.

Frittata dolce di mele alla cannella (ricetta light)

In questo articolo ti proponiamo la frittata dolce di mele alla cannella, che si può preparare tutto l'anno.

Zuppa inglese - Ricetta con savoiardi o pan di Spagna

La zuppa inglese, nata probabilmente durante l'epoca elisabettiana, è un dolce al cucchiaio a base di crema pasticcera e crema al cioccolato, aromatizzata con Alchermes.

 

Pulled pork (maiale sfilacciato) al forno

Pulled pork: una tecnica di cottura al barbeque della spalla di maiale, qui proposta in versione casalinga con il capocollo, a cottura lenta in forno.

Salsa Senape al Miele - Ricetta con limone o aceto

Una delle varianti più classiche della senape è la senape al miele, una salsa molto accattivante che abbina l'acidità della senape alla dolcezza del miele.

Ziti lardiati - Ricetta

Ziti lardiati: la ricetta tradizionale campana preparata con lardo stagionato e pomodorini del Vesuvio, e la tipica pasta simile ai bucatini.

Bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana

I bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana, la pasta con pomodoro e guanciale (e senza cipolla nella versione tradizionale) che viene da Amatrice.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.