Pane, pizza e dolci con il forno a microonde?

Salve, vi rivolgo una domanda che forse giudicherete blasfema, ma... Nel forno a microonde si può cuocere la pizza, si può cuocere anche il pane? Grazie se vorrete darmi una risposta. Concordo con voi sull'unicità del sapore delle cose cotte a legna, ma non sempre si può avere questa ricchezza da gustare. Grazie.

Capisco il tuo "mettere le mani avanti", significa che hai già avuto a che fare con alcuni puristi della cucina, intolleranti verso qualunque forma di compromesso che comporti uno scadimento delle qualità del prodotto cucinato. La mia filosofia, riassunta nel decalogo del wellness gourmet, mi rende integralista riguardo la salubrità dei prodotti, sulla quale non transigo, mentre per quanto riguarda il resto sono per il miglior compromesso possibile tra tempo a disposizione e qualità del risultato, e soprattutto sono per una valutazione oggettiva della qualità dei prodotti.

Sono convinto che, di fronte a un test cieco, moltissimi di coloro che affermano di amare la pizza solo se cotta nel forno a legna, non saprebbero riconoscere due pizze cotte una nel forno elettrico, l'altra nel forno a legna. Frequento l'ambiente dei gourmet ormai da anni e sono fermamente convinto del fatto che il fattore emotivo ci condiziona in modo spaventoso quando assaggiamo qualcosa. In parole povere, una pizza cotta nel forno elettrico, a prescindere dalla qualità oggettiva, verrà giudicata in modo negativo dal purista del forno a legna.
Detto questo, veniamo al forno a microonde. A mio parere è evidente che questo strumento di cottura sia molto efficace per alcune preparazioni, ma totalmente inadeguato per altre. Attualmente, invece, viene proposto come strumento con il quale si può preparare qualunque cosa, dagli antipasti ai dolci, passando per la pasta e i risotti. Qualunque strumento di cottura è adatto ad alcune preparazioni e inadatto per altre: non vedo perché il forno a microonde debba sottrarsi a questo teorema. Tu cucineresti un risotto con il barbeque?!?!?

Gli impasti lievitati sono le preparazioni per le quali il forno a microonde è sconsigliato in assoluto, sia per la rigenerazione (scongelamento e riscaldamento) che per la cottura, perché l'impasto deve raggiungere i 150 gradi per ottenere quelle trasformazioni che generano gli aromi e i sapori che lo rendono particolarmente appetibile e questo può avvenire solo se cotto in forno, col calore che arriva dall'esterno e non dall'interno. Quindi il pane nel forno a microonde non si può fare, punto e basta.

Utilizzando il piatto crisp si può parzialmente risolvere il problema, anche se limitatamente alla produzione di pizza e focacce. Grazie al piatto crisp si ottiene una base croccante e parzialmente dorata, anche se l'impasto internamente rimane comunque troppo morbido perché non viene disidratato dal calore diretto. Insomma, viene una cosa mangiabile, ma nulla di paragonabile a una pizza cotta col forno elettrico.

La pizza al forno a microonde si prepara in circa 12-15 minuti, un tempo paragonabile a quello del forno elettrico. Il tempo di preparazione (impasto, lievitazione, condimento, ecc) non cambia. Quindi il risparmio è solo energetico, in quanto il forno tradizionale consuma molto di più di quello a microonde. Se la pizza viene prodotta per 4 persone o più, non esiste nemmeno questo vantaggio perché il forno a microonde ne può cuocere solo una, massimo due, alla volta.

Il mio consiglio, dunque, è quello di applicare la teoria del miglior compromesso possibile tra tempo a disposizione e qualità del risultato. Se ami cucinare e lo fai per piacere, allora fai la pizza col lievito naturale e non con quello chimico e cuocila nel forno tradizionale. Se hai voglia di pizza e non hai tempo o voglia di cucinarla, fattela portare dal pizzaiolo da asporto più vicino a casa, sarà mille volte meglio della migliore pizza fatta col forno a microonde.
Lo stesso vale, a maggior ragione, per il pane! Se proprio vuoi un pane fatto in casa senza fatica e in 5 minuti, allora comprati una macchina per il pane.

Accedi ai servizi gratuiti

Per utilizzare i nostri servizi devi registrarti gratuitamente.

- Consiglia questo articolo su Google

Articoli più letti sezione: La posta dei visitatori