Carrube - Carruba

La carruba è un legume atipico poiché contiene in prevalenza carboidrati.

Ha un sapore dolciastro che ricorda un po' quello del cioccolato, per cui può soddisfare la voglia di dolce, senza esagerare con le calorie e i grassi. In commercio infatti si trovano barrette dietetiche che utilizzano la carruba come sostituto del cioccolato.

E' molto pratica da portarsi dietro, perché non sporca, non bagna e non fa odori particolari.

Richiede una lunga masticazione, il che contribuisce ad aumentare il suo indice di sazietà.

Occorre fare molta attenzione ai semi perché sono molto duri e potrebbero danneggiare i denti. Questa caratteristica allunga ulteriormente il tempo necessario per mangiarla e quindi aumenta l'indice di sazietà.

Varietà

L'albero di carrubo è un sempreverde dalle chioma fondosa. Perchè fruttiferi occorrono molti anni, mentre per danneggiare la pianta basta poco, per questo appartiene alle specie protette.

L'albero produce frutti (le carrube appunto) simili al bacello del fagiolo, ma di dimensioni maggiori.

Una volta giunto a maturazione il frutto diventa di colore marrone ed è pronto per essere consumato.

Disponibilità

Carruba - Carrube

Dagli anni 80' anche l'industria alimentare si è interessata della carruba da cui utilizza la polpa per ricavare il "carcao", che è un succedaneo del cacao a basso contenuto di grassi, il "semolato", che è la farina di carrube e si ottiene facendo essicare la polpa e poi tritandola e i semi, da cui ricava una gomma addensante che viene utilizzata in pasticceria. In commercio potete quindi trovare biscotti, sciroppi, basi per il gelato, barrette dietetiche e creme spalmabili.

Alcune aziende (principalmente siciliane) hanno deciso di sfruttare questa risorsa producendo prodotti a base di carruba. Se invece riuscite a trovare la farina, allora potete sbizzarrirvi nella produzione di creme e torte, usandola al posto del cacao in polvere.

 

 

 

Guida all'acquisto

La carruba è uno dei "frutti dimenticati", e come tale è molto difficile reperirla in commercio, a meno di non abitare in luoghi dove cresce spontaneamente. La si trova frequentemente sui banchi della frutta secca e candita alle sagre di paese, ma incredibilemente ha un costo proibitivo. Altrimenti è possibile trovarla a buon mercato nei negozi specializzati in sementi e frutta secca.

Cercate di acquistarla abbastanza fresca, poiché dopo qualche settimana di conservazione non perfetta la polpa diventa secca e quasi immangiabile. La polpa deve essere dura e densa, ma comunque abbastanza morbida.

Le carrube vengono facilmente attaccate da alcune larve di insetti: quelle che sono state "visitate" dalle larve presentano piccoli fori ben visibili sulla polpa. Non occorre scartarle: basta eliminare la zona intorno al foro e mangiare il resto.

Conservazione

Le carrube si conservano bene in luogo asciutto e fresco, dentro un sacchetto di plastica ben chiuso, anche per diverse settimane.

Calorie e valori nutrizionali della carruba

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Maionese

La maionese: storia, preparazione, ricetta casalinga.


Acido fitico e fitati in crusca, legumi e cereali: sono pericolosi?

L'acido fitico e i fitati sono sostanze contenute nella crusca, nei semi oleosi, nei legumi e nei cereali, che possono comportare carenze di ferro e zinco. C'è da preoccuparsi?


Molluschi bivalvi

I molluschi bivalvi: caratteristiche, varietà e curiosità di questo affascinante mondo animale.


Istamina negli alimenti: cos'è e quali sono i danni dell'intossicazione da ammine biogene

L'istamina è una delle ammine biogene che possono contaminare gli alimenti e dare origine a malattie a comparsa improvvisa: ecco come evitare di ingerirla.

 


Patate

Le patate: arrivate nel Cinquecento in Europa sono uno degli ingredienti di base della cucina italiana e di tutto il mondo.


Insalata

L'insalata: un mix di alimenti, non solo ortaggi, che vengono conditi con olio, sale e aceto e consumato freddo.


Ginger ale e Ginger beer

Ginger ale e Ginger beer, due soft drinks al gusto di zenzero.


Biotossine algali: come difendersi da un pericolo che viene dal mare

Le biotossine algali sono tossine prodotte dalle alghe che possono essere letali per l'uomo, se consumate: ecco che cosa sono e dome difendersi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.