La dieta del sambuco

La dieta del sambuco può rientrare di diritto nella top ten delle diete più assurde.
Secondo i fautori di questa dieta (ma chi sono oltre a quelli che vendono il succo di sambuco?) il sambuco aiuterebbe il dimagrimento in quanto favorirebbe, tra l'altro, la diuresi e il metabolismo.
Indagando, si scopre che la dieta del sambuco, è in realtà un digiuno durante il quale l'unico alimento permesso è il succo di sambuco diluito in acqua. Come dire: se bevi il succo della bevanda X dimagrisci, a patto che per una settimana smetti di mangiare.
Ma davvero c'è gente che si fa prendere per i fondelli in questo modo?

Come funziona la dieta del sambuco

Dieta del sambuco

La dieta del sambuco è un digiuno di una settimana, si deve bere molta acqua e assumere acqua diluita con succo di sambuco ogni volta che si ha fame. Essendo il succo di sambuco composto da acqua e zucchero, in pratica ci si nutre di solo di zuccheri, oltre alle vitamine e ai minerali che per fortuna sono contenuti nel succo di sambuco.

La dieta del sambuco promette un dimagrimento di 4-6 kg in una settimana, e tale pratica masochistica può essere ripetuta una volta al mese.

Analisi critica della dieta del sambuco

Chiunque abbia un minimo di coscienza alimentare sa bene che digiunando una settimana (o meglio, assumendo solo zuccheri per una settimana) si producono i seguenti effetti collaterali:

  • perdita di massa muscolare;
  • diminuzione del metabolismo basale;
  • perdita di liquidi (che vengono prontamente recuperati cessato il digiuno);
  • debolezza, astenia, costipazione.

 

 

Insomma, i 4-6 kg persi sono fittizi, visto che 2-3 si riprendono in un paio di giorni, quando si ripristinano i liquidi persi (soprattutto glicogeno epatico e muscolare), e gli altri nel giro di breve tempo, magari con gli interessi visto che i muscoli persi, soprattutto se non si pratica attività fisica, sono persi per sempre! Meno muscoli, uguale tessuti più flaccidi e metabolismo rallentato.

Ricordatevi bene che in una settimana al massimo si possono perdere 1-1,5 kg di grassi e solo in rari casi si può arrivare a 2 kg! Tutto il resto del peso perduto è sottoforma di muscoli e acqua (che poi si ripristina).

Nessun dietologo con un minimo di cervello prescriverebbe questa dieta, e dire che di medici che prescrivono semidigiuni ce ne sono, vedi la dieta del sondino, ma almeno in quel caso l'alimentazione è composta solo da proteine e sebbene non sia di certo un metodo interessante per dimagrire, almeno ha una base scientifica ed è svolto sotto controllo medico!

Concludo con questa bellissima frase che ho trovato su un sito in cui si vende lo sciroppo di sambuco: "nella persona sana un ciclo (di digiuno NDR) non comporta alcun rischio in quanto l'organismo riceve le sostanze nutritive necessarie, il ricambio viene stimolato e le difese accresciute." Nello sciroppo di sambuco, secondo questi, sono contenute le sostanze necessarie all'organismo? Cioè zucchero e qualche vitamina (e nemmeno tutte)?

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.

 


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.


Birra triplo malto

La birra triplo malto molto probabilmente è nata per imitare la tripel belga e indica una birra ad alta gradazione alcolica, non uno stile di birra.