Seppia

La seppia (Sepia officinalis) è un mollusco cefalopode (dotato solo di testa e piedi) con il corpo è ovale, schiacciato circondato da una pinna; e da un capo con dieci braccia. Di queste, due sono più lunghe, retrattili e con la parte terminale ricca di ventose, e sono dette tentacoli.

La seppia è dotata di eccezionali capacità mimetiche ed è in grado di cambiare colore in un istante. Raggiunge dimensioni massime di 35 cm, la colorazione è molto variabile ed è diversa a seconda del sesso (i maschi presentano una linea bianca lungo tutta la pinna)

La seppia possiede una conchiglia interna, chiamata "osso di seppia",; all'interno del corpo (nel mantello) possiede una sacca piena di inchiostro che espelle nelle situazioni di pericolo.

Nel mediterraneo non esiste solo la Sepia officinalis, ma anche la Sepia elegans e la Sepia orbignyana, entrambe di dimensioni più piccole.

La seppia vive sui fondali costieri sabbiosi o melmosi e sulle praterie di posidonia.

In Adriatico esistono due popolazioni di seppie, una che si riproduce in primavera, l'altra in autunno. I primi ad arrivare nei pressi della costa sono i maschi poi le femmine che, avvenuto l’accoppiamento cercano un substrato per deporre le uova. Queste migrazioni riproduttive vengono sfruttate per la pesca di questi molluschi.

Valori nutrizionali della seppia

Ricette Sì con la seppia

Come scegliere e conservare la seppia





Polpo (non polipo!)

La seppia può avere carni di sapore e consistenze diverse a seconda delle dimensioni e della provenienza

Una indicazione riguardo la provenienza e la freschezza si ottiene verificando le dimensioni della seppia in relazione alla stagione: le seppie piccole, di taglia inferiore ai 100 g, si trovano da agosto a novembre, quelle di oltre 300 g si trovano nei mesi invernali.

Se l'inchiostro è rappreso, molto probabilmente si tratta di una seppia congelata.

In cucina, le seppie di qualità vanno cotte brevemente (come la carne a breve cottura), così mantengono la loro morbidezza e la loro succulenza. Tuttavia, capita di trovare seppie con carni coriacee, che è meglio cuocere a lungo con preparazioni in umido.

Caratteristiche nutritive della seppia

La seppia è decisamente ipocalorica, come il polpo, anche se dopo la cottura perde gran parte dei liquidi aumentando le calorie per 100 g, che salgono a 140, quelle di qualunque carne magra cotta.

La seppia è molto saporita anche se priva di grassi, dunque si presta molto bene ad essere utilizzata nella cucina Sì.

La pesca della seppia

Nei mesi invernali la seppia viene catturata al largo della costa con reti a strascico; in primavera ed autunno (durante la riproduzione) con nasse, cestini e reti da posta.

I pescatori amatoriali utilizzano metodi alquanto particolari: uno di questi consiste nell'attaccare una femmina di seppia ad una lenza e aspettare che il maschio vi si attacchi per poi catturarlo con un retino. Al posto della femmina, può essere utilizzato uno specchio, che inganna il maschio il quale scambia la propria immagine riflessa per quella di una femmina, e può quindi essere catturato quando si avvicina.

Accedi ai servizi gratuiti

Per utilizzare i nostri servizi devi registrarti gratuitamente.

- Consiglia questo articolo su Google

Articoli più letti sezione: Alimentazione