La dieta per l'ernia iatale

L'ernia iatale è una patologia molto diffusa che colpisce almeno il 15% degli italiani. Essa è una condizione per cui si ha la dislocazione dello stomaco, o di una parte di questo, nella cavità toracica, attraverso lo iato esofageo del diaframma.

Per informazioni dettagliate sulla patologia rimandiamo all'articolo sull'ernia iatale, in questo articolo tratteremo nello specifico l'importanza della dieta nel trattamento di questa patologia.

La dieta per l'ernia iatale

Un corretto approccio dietetico è importante nella gestione dell'ernia iatale.

Sicuramente un primo consiglio è quello di evitare le abbuffate prediligendo l'assunzione di piccoli pasti pur prestando attenzione al corretto introito calorico quotidiano.

È consigliabile eliminare dalla dieta tutti quei cibi che peggiorano il bruciore allo stomaco come gli alcolici, il caffè, il cioccolato, gli agrumi, le cipolle, alimenti piccanti o speziati, fritti, cibi molto conditi e salse in genere.

Dieta per l'ernia iatale

È preferibile assumere carni bianche e pesce, diminuendo il consumo di carni rosse, (soprattutto i salumi) e di formaggi molto grassi.

In sostanza, per tamponare l'acidità gastrica provocata dall'ernia iatale, è bene adottare un'alimentazione che tenda a non favorire l'acidità.

È preferibile dunque orientarsi verso una dieta a base di pane, pasta, riso, carne magra, formaggi magri, yogurt, frutta e verdura. È consigliabile inoltre non coricarsi immediatamente dopo i pasti perché la posizione orizzontale facilita la risalita dei succhi gastrici.

 

 

 

Per convivere con l'ernia iatale, bisognerebbe impostare uno stile di vita tale per cui si evita il soprappeso, si rinuncia al fumo, si limitano gli stati ansiosi.

Queste sono semplici regole che dovrebbero far parte della dieta e dello stile di vita di ogni individuo, ma che diventano necessarie nella persona con ernia iatale.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.


Dimagrire con il digiuno

Il digiuno sta tornando prepotentemente alla ribalta come metodo terapeutico, e come metodo per dimagrire: scopriamo se è efficace per perdere peso e con quali modalità.


Solfiti nel vino e mal di testa: un mito da sfatare?

Un vino che contiene tanti solfiti causa il mal di testa: un luogo comune dato ormai per scontato. Ma siamo sicuri che sia vero?


Una caloria NON è una caloria!

Quanto contano le calorie nella variazione del peso? Proviamo a rispondere esaustivamente.

 


I vincoli della dieta ideale

I vincoli della dieta ideale: il fabbisogno giornaliero, i macronutrienti e i micronutrienti.


Perché si ingrassa?

Perché si ingrassa, o meglio, non si dimagrisce? Le risposte sono due, vediamole nel dettaglio.


Junk food: un termine senza senso?

Il termine junk food (cibo spazzatura) è nato negli anni '50 ma ancora oggi è di grande attualità. A nostro parere non ha alcuna utilità definire alcuni cibi in questo modo: scopriamo il perché.


Digiuno

Il digiuno: fa bene o fa male? Scopriamo cosa succede durante l'astensione totale dal cibo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.