Pomodoro di Pachino IGP

Il pomodoro di Pachino è un prodotto ortofrutticolo siciliano che ha ottenuto la certificazione IGP dal 5 aprile 2003.

Il pomodoro di Pachino IGP viene coltivato in un'area compresa tra i comuni di Pachino, di Portopalo, di Noto e di Ispica, tra le province di Ragusa e Siracusa, nella punta più estrema a sud-est della Sicilia.

La zona delimitata dal disciplinare per la produzione di questo pomodoro è caratterizzata da un clima mite e ventilato anche in inverno, dalla vicinanza al mare e da un'irrigazione con un acqua dotata di un alto grado di salinità (1500-10000), fattori che contribuiscono a favorire l'alta qualità del prodotto finale, molto saporito e succoso.

La coltivazione dei Pachino avviene per lo più in serre o in tunnel protetti con film di polietilene e reti anti-insetti.

La raccolta viene effettuata manualmente, praticamente durante tutto l'arco dell'anno, ogni 3 o 4 giorni.

Esiste un Consorzio di Tutela IGP del Pomodoro di Pachino, nato nel 2002, che si occupa di valorizzare e diffondere il marchio, di pubblicizzarlo e di commercializzarlo anche con la grande distribuzione, sia nel resto d'Italia che all'estero.

Varietà e caratteristiche del pomodoro di Pachino IGP

Pachino

Spesso il pomodoro di Pachino viene comunemente chiamato pendolino o ciliegino, ma in realtà, all'interno della IGP sono racchiuse 4 varietà diverse di pomodori, tra le quali il più famoso è appunto il ciliegino, il pomodorino rosso venduto a grappoli (vedi foto qui a fianco).

Una peculiarità che accumuna tutti i pomodori di Pachino è quella di avere un alto grado Brix, ossia un alto grado zuccherino e di dolcezza (generalmente il pomodoro ha 14 Brix, tra le verdure è secondo solo alla carota che ne ha 18).

Ecco le varietà appartenenti alla certificazione IGP del pomodoro di Pachino:

  1. Pomodoro di Pachino "ciliegino" o "cherry": così chiamato per via dell'aspetto, piccolo e rotondo che lo fa somigliare ad una ciliegia, questi pomodorini sono disposti su un grappolo a spina di pesce, hanno un colore rosso acceso e brillante e vengono raccolti tutto l'anno;
  2. Pomodoro di Pachino "a grappolo": sono di colore rosso acceso, a volte anche verde, di dimensioni maggiori del ciliegino e vengono raccolti nel periodo che va da ottobre a giugno;
  3. Pomodoro di Pachino "costoluto": ha coste molto marcate, è di colore verde con striature rossastre, di grandi dimensioni, esprime le sue maggiori potenzialità quando viene coltivato in terreni ricchi di salinità, viene raccolto da dicembre a maggio;
  4. Pomodoro di Pachino "tondo liscio": è piccolo e rotondo, ha colore verde brillante, consistenza croccante e un gusto molto deciso, viene raccolto tra ottobre e giugno.

 

In totale si producono circa 280 tonnellate per ettaro di pomodori di Pachino annualmente.

Il pomodoro di Pachino in cucina

Come ogni pomodoro, anche il Pachino è molto versatile in cucina, tanto che viene spesso definito un ingrediente nazionale (sebbene sia originario del Sud America e sia arrivato in Italia solo da pochi secoli...).

I Pachino possono essere mangiati sia crudi, come nelle insalate, nelle bruschette o nella caprese, che cotti per esempio per fare il sugo della pasta, per insaporire la pizza, abbinati ad altre verdure o anche al pesce e alla carne.

Il consumo regolare di pomodori porta anche dei benefici alla salute, riduce il rischio di malattie cardiovascolari, di osteoporosi e di malattie cognitive.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Ricotta: guida a una scelta di qualità

Ricotta: guida a una scelta di qualità in base alle qualità nutrizionali e organolettiche.


La frutta secca: guida a una scelta di qualità

La frutta secca: guida ad una scelta di qualità in base alla caratteristiche nutrizionali e organolettiche.


Cioccolato: guida a una scelta di qualità

La guida ad una scelta di qualità del cioccolato in base alla caratteristiche organolettiche e nutrizionali.


Prosciutti italiani - Prosciutto di Modena, Euganeo, Toscano e Jambon de Bosses

Prosciutti italiani di qualità: Prosciutto di Modena, Euganeo, Toscano e Jambon de bosses.

 


Prosciutto veneto berico euganeo DOP

Prosciutto veneto berico euganeo: un salume DOP prodotto nelle province di Verona, Padova e Vicenza.


Prosciutto di Modena DOP

Il prosciutto di Modena: un altro salume crudo e stagionato ad avere ottenuto la certificazione DOP.


Prosciutto Jambon de Bosses DOP

Jambon de Bosses ovvero il prosciutto valdostano che ha ottenuto la DOP nel 1996.


Prosciutto toscano DOP

Il prosciutto toscano: famosissimo in tutta Italia, forse non tutti sanno che è anche DOP.

Accedi ai servizi gratuiti

Per utilizzare i servizi gratuiti della sezione alimentazione devi registrarti gratuitamente.