Albumina

E' una importante proteina del sangue prodotta dal fegato, ma contenuta anche nel latte e nell'albume dell'uovo, dalla quale prende il nome.

È importantissima per il nostro organismo perché rappresenta il 60% di tutte le proteine circolanti nel nostro sangue.

Funzioni dell'albumina

La sua principale funzione è quella di mantenere costante il valore della pressione oncotica, cioè la pressione necessaria al nostro organismo per mantenere una distribuzione dei liquidi corretta nei tessuti e nei vasi sanguigni.

Infatti quando i livelli di albumina nel sangue scendono, i liquidi vescono dai vasi sanguigni e si distribuiscono nei tessuti interstiziali causando quindi edema (gonfiore).

Caratteristica è la pancia gonfia e tesa dei bambini malnutriti: a causa infatti della malnutrizione, non vengono introdotte le proteine con il cibo, ne risulta un'ipoalbuminemia che causa passaggio di acqua dai vasi sanguigni agli spazi interstiziali, e si accumula principalmente nella pancia.

Oltre a questa importantissima funzione, l’albumina è una proteina trasportatrice nel sangue degli ormoni della tiroide e altri ormoni steroidei, della bilirubina non coniugata, di alcuni farmaci, degli acidi grassi e degli ioni calcio.

Cause di ipoalbuminemia

Albumina

La concentrazione di albumina nel sangue (albuminemia) è di circa 3,5-5g/dL.

L'ipoalbuminemia, ovvero la ridotta concentrazione di albumina nel sangue, può essere causata da ridotta sintesi, da aumentata perdita o aumentata distruzione (catabolismo).

La ridotta sintesi di albumina è dovuta principalmente a malattie del fegato, organo deputato alla sua sintesi. Ricordiamo quindi la cirrosi, le epatiti acute e croniche, l'abuso di alcol e l'emocromatosi.

A volte però può essere causata anche da anomalie genetiche che portano alla sintesi di albumine difettose, carenze nutrizionali (Kwashiorkor) o malattie che causano malassorbimento intestinale (Chron o celiachia).

 

Anche l'aumento delle perdite, come nel caso di ustioni molto estese, sindrome nefrosica o enteropatie proteino-disperdenti possono causare ipoalbuminemia, così come l'aumentata distruzione negli stati febbrili, nella cachessia, nelle neoplasie, nell'ipertiroidismo, nella sindrome di Cushing e in molte altre patologie.

La gravidanza può portare alla diminuzione dell'albumina per le modificazioni ormonali che avvengono e causano alterata permeabilità vasale.

Cause di iperalbuminemia

L'iperalbuminemia consiste nella maggiore concentrazione di albumina nel sangue rispetto ai valori normali.

Può essere determinata da disidratazione (dovuta a vomito e diarrea profusi, ustioni estese, morbo di Addison), sarcoidosi, tromboangioite o morbo di Bürger.

Albuminuria

Consiste nella presenza di albumina nelle urine.

In condizioni normali, l'albumina è una proteina con carica negativa, esattamente come il glomerulo del rene. Dalla fisica, sappiamo che due cariche negative si respingono, l'albumina non viene filtrata dal rene e non è quindi presente nelle urine.

Nelle malattie che coinvolgono il rene, in particolare nella sindrome nefrosica, questa caratteristica carica negativa viene persa e quindi l'albumina compare nelle urine, dando appunto albuminuria.

Se l'albuminemia (concentrazione di albumina nel sangue) viene usata, insieme ad altri parametri, per valutare la funzionalità del fegato, l'albuminuria invece è un importante marcatore della funzionalità renale (insieme alla creatininemia).

Solitamente valori lievi di albumina nelle urine possono essere dovute a gravidanza, attività fisica importante o un dieta troppo ricca di proteine.

Valori elevati invece sono legati alle sindromi nefrosiche, al diabete nella fase avanzata, all'insufficienza renale o alle glomerulonefriti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Fimosi

Per fimosi si intende l'incapacità di ritrarre la porzione di pelle (prepuzio) che copre la testa del pene (glande).


Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia a carico dell’apparato respiratorio, causata dalla formazione di tessuto cicatriziale all’interno del polmone.


Calcoli tonsillari

I calcoli tonsillari, conosciuti anche come tonsilloliti, sono delle formazioni di piccoli detriti, simili a pietre, posti in vicinanza delle tonsille.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.

 


Disprassia

La disprassia è caratterizzata da una mancanza di coordinamento tra le intenzioni mentali e la capacità di coordinare il corpo e le azioni.


Shock ipovolemico

Per shock ipovolemico si indica una condizione nella quale si perde più di un quinto del sangue presente nel corpo, cioè più di un litro di sangue.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.