La piramide alimentare

La piramide alimentare è alla base della dieta mediterranea e viene regolarmente proposta con orgoglio da qualsiasi nutrizionista. Purtroppo il messaggio lanciato da questa piramide alimentare è negativo e porta facilmente ad abusare di alimenti con basso indice di sazietà, che ovviamente facilitano l'insorgenza del sovrappeso.

La piramide alimentare decreta sostanzialmente il fallimento di una politica di educazione alimentare atta a semplificare eccessivamente il problema della quantificazione degli alimenti. L'esempio degli Stati Uniti, dove il sovrappeso e l'obesità sono problemi più gravi e radicati e dove l'impegno da parte dello stato è sempre stato maggiore rispetto all'Italia, dovrebbe insegnare che la piramide alimentare è un punto di partenza, non di arrivo. In parole povere, se non supportata da una spiegazione più dettagliata, la piramide alimentare non solo è inutile, ma addirittura fuoriviante.

Per esempio, dall'immagine della piramide alimentare si deduce che per mangiare bene bisogna assumere, in ordine di quantità, cereali e legumi; verdura e frutta; latte, yogurt, formaggi; carne, uova, pesce; grassi, olii, dolci.

Peccato che questo sia falso: se fosse in ordine di quantità, bisognerebbe invertire i primi due piani della piramide. Infatti le stesse autorità nel campo dell'alimentazione consigliano di consumare 700 g tra frutta e verdura ogni giorno... Il che porterebbe a pensare che si possono mangiare più di 700 g tra pane, pasta e cereali?!?!?!

Piramide alimentare

In realtà la piramide va letta in modo diverso: se le unità di misura utilizzate per identificare i vari piani non sono i grammi, ma le porzioni, o la frequenza di assunzione, i conti tornano. Infatti andando a leggere nel dettaglio le linee guida per una sana alimentazione bisogna assumere cereali 6 - 11 volte al giorno, mentre bisogna assumere frutta e verdura 2 - 4 volte al giorno.

Ma cosa vuol dire che bisogna assumere cereali e legumi 6 - 11 volte al giorno? Se per me assumere cereali significa mangiarmi un piatto di pasta o un panino, cosa vuol dire, che devo mangiare 4 piatti di pasta e 4 panini al giorno?

 

 

 

Purtroppo nessuno conosce le le linee guida e anche se qualcuno le legge è molto difficile che esse vengano applicate: è già tanto che si arrivi alla piramide alimentare e questo, come abbiamo visto, rischia di fare più male che bene.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Indice insulinico

L'indice insulinico misura l'effetto di un alimento sui livelli di insulina.


Carico glicemico

Il carico glicemico dipende dall'indice glicemico e dal contenuto in carboidrati degli alimenti. È un indice abbastanza inutile.


L'indice glicemico

L'indice glicemico degli alimenti indica la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all'assunzione dei vari alimenti.


Salsa alioli o aioli

La salsa alioli o aioli, la maionese a base di aglio ideale per le patate e il pesce.

 


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.


Densità calorica

La densità calorica esprime la quantità di calorie per unità di peso degli alimenti, si misura in kcal/hg ed è il parametro più importante da conoscere per gestire la propria alimentazione.


Acidi grassi

Gli acidi grassi, i fondamentali componenti dei lipidi, si suddividono in grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi.


Grassi trans e grassi vegetali idrogenati

I grassi trans e i grassi vegetali parzialmente idrogenati: quali sono le differenze e quali effetti hanno sulla salute.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.