Il metodo Montignac

Arriva dalla Francia l'ennesimo modello o "moda" alimentare, destinata a far parlare di sé e, purtroppo, ad illudere molte persone: il metodo Montignac.

Tale modello si basa sull'indice glicemico degli alimenti, e sul meccanismo dell'insulina.

Non si può di certo dire che Montignac sia un innovatore, visto che la dieta a zona, il primo modello basato sull'indice glicemico, è nato quasi 20 anni fa. Il gran parlare di questo metodo è dovuto esclusivamente ai diversi testimonial di eccezione di Montignac, primo fra tutto Gerard Depardieu... Che tra l'altro non mi sembra che abbia ottenuto risultati eclatanti! La dieta di Montignac è uno dei tanti metodo basati sulla drastica riduzione dei carboidrati, le famose diete low carb di cui tanto si parla.

Per capire di cosa si tratta, leggiamo una parte di un articolo apparso sulla rivista Oggi del 28 Aprile 2012, che tratta del suo "manifesto ideologico":

  • Dimenticate il calcolo delle calorie e cancellate la palestra. Per dimagrire non servono più. Almeno, a sentire quello che sostiene Michel Montignac, brillante professionista francese che da 25 anni dedica la sua vita a studiare come buttar giù i chili di troppo.
  • a mia non è una dieta e non ci sono menù si affretta a spiegare, ma un nuovo modo di affrontare il cibo e l'alimentazione. Perché la causa del sovrappeso NON È LA QUANTITÀ DEGLI ALIMENTI CHE MANGIAMO, MA LA LORO QUALITÀ.
  • utto quello che i nutrizionisti ci hanno raccontato da cinquant'anni è falso, perché non è vero che per dimagrire bisogna ridurre l'apporto calorico e aumentare il movimento. Quello che conta davvero è la composizione biochimica dei cibi e soprattutto il loro indice glicemico che influenza una reazione a catena il cui ultimo effetto è il sovrappeso."
Metodo Montignac

Il metodo Montignac funziona!!!

Il metodo Montignac è un tipico esempio di metodo semplicistico: si riconduce il problema sovrappeso a un'unica causa, estirpata la quale il problema viene risolto. E infatti il messaggio fornito contiene tutti gli elementi tipici di questi modelli:

  • Non richiede sforzi intellettivi: "Dimenticate il calcolo delle calorie".
  • Non richiede sforzi fisici: "Cancellate la palestra".
  • Non richiede forza di volontà, che invece è richiesta per seguire una dieta: "La mia non è una dieta".
  • Si può mangiare senza alcun limite: "La causa del sovrappeso non è la quantità di cibi che mangiamo".
  • Il metodo funziona dove gli altri hanno fallito: "Tutto quello che i nutrizionisti ci hanno raccontato da cinquant'anni è falso".

 

 

Il metodo Montignac può essere smontato in mille modi, noi abbiamo deciso di farlo dimostrando perché invece potrebbe funzionare. L'alimentazione corretta non è una equazione esatta, esistono molti modi per risolverla e raggiungere l'obbiettivo del mantenimento del peso forma. L'obbiettivo è quello di sconfiggere il sovrappeso, e il metodo migliore è quello che con il minor sforzo ottiene il maggior risultato.

Noi siamo fermamente convinti che minore è lo sforzo, maggiore è il peggioramento della qualità della vita, a causa degli enormi vincoli che si devono sopportare. E il metodo Montignac non si sottrae a questo teorema. Vediamo perché riportando un'altra parte dell'articolo.

"In una prima fase del modello Montignac si devono mangiare cibi al di sotto dell'indice glicemico di 35 (LA QUANTITÀ NON CONTA, si può mangiare a sazietà), poi raggiunto il peso ideale si passa a un programma di mantenimento, dove si possono introdurre cibi che vanno fino al livello di 50, ma bisogna continuare per tutta la vita, perché questo metodo è un approccio mentale all'idea stessa dell'alimentazione."

Basta dare un'occhiata alla tabella degli indici glicemici per capire come sia assurda una alimentazione basata su tale parametro: l'indice glicemico, infatti, varia anche di molto a seconda della varità dell'alimento, del suo grado di maturazione, della sua preparazione. Il pane bianco può avere indice glicemico da 30 a 110!!!

Ma supponiamo pure che ci si basi su una tabella che riporta i valori medi e vediamo quanto è "libera" la nostra alimentazione.

Prima fase: il metodo Montignac elimina almeno il 70% degli alimenti glucidici. Tutti gli alimenti proteici, omessi nella tabella, sono concessi. È molto probabile che nella prima fase il metodo diventi di fatto una dieta iperproteica, che come tutti sanno fa dimagrire.

E la seconda fase, che dura tutta la vita? La quantità di alimenti da eliminare è semplicemente assurda (praticamente il 50% degli alimenti glucidici): una tipica dimostrazione che chi cerca scorciatoie è destinato a peggiorare la qualità della sua vita, oppure a fallire.

Curiosa coincidenza: tra gli alimenti banditi dal metodo Montignac ci sono quelli con indice di sazietà basso: e se fosse che uno mangia ciò che vuole senza ingrassare solo perché mangia alimenti sazianti?

E se l'indice glicemico c'entrasse, in realtà, molto poco?

La dimostrazione di questo fatto è semplice, basta considerare una delle tante contraddizioni che contiene. Una delle regole di Montignac è di non associare alimenti grassi ad alimenti che contengono carboidrati. Ma tutti sanno che aggiungere grassi significa abbassare l'indice glicemico. Questo dovrebbe essere gradito a Montignac e invece lo sconsiglia. Misteri dell'alimentazione...

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.

 


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.


Birra triplo malto

La birra triplo malto molto probabilmente è nata per imitare la tripel belga e indica una birra ad alta gradazione alcolica, non uno stile di birra.