La dieta di Gillian McKeith

Gillian McKeith è una scrittrice e presentatrice televisiva scozzese, nata il 28 settembre 1959.

È diventata famosa come ospite dei programmi televisivi inglesi You Are What You Eat e Dr Gillian McKeith's Feel Fab Forever. Dal 2010 presenta il programma Eat Yourself Sexy, nella TV canadese.

Ha scritto molti libri di nutrizione, tra cui You Are What You Eat (2004) (due milioni di copie vendute), e Dr Gillian McKeith's Ultimate Health Plan (2006).

Il grande successo della McKeith è stato accompagnato da forti critiche dagli specialisti del settore, a mio parere più che legittimo, come vedremo.

La McKeith non ha alcun titolo riconosciuto ufficialmente che le consenta di classificarsi come "dottore", e infatti lei stessa ha smesso di definirsi tale nel 2007, dopo le rimostranze dell'Advertising Standards Authority inglese.

Come funziona la dieta di Gillian McKeith

La dieta non prevede il calcolo delle calorie, ma è basata principalmente da consigli di tipo qualitativo.

È prevista una lista di cibi "NO", tra cui zucchero, latticini e burro, dolci, pane bianco, pasta e riso bianchi, carni rosse, prodotti confezionati, cibi in scatola; e una lista di cibi "SI", tra cui pesce, frutta secca, legumi, cereali integrali, quinoa, amaranto, grano saraceno, legumi, frutta e verdura, oli vegetali, carni bianche, uova.

La dieta prevede anche l'attenzione alla combinazione dei cibi, al fine di ottimizzare la digestione, questo è ottenuto dividendo i cibi in 4 categorie (quelli ricchi di proteine, quelli ricchi di carboidrati, i grassi e le spezie, la frutta), consigliando di non mischiare cibi di categorie diverse.

La McKeith utilizza bizzarri metodi di diagnosi, che l'hanno sottoposta a forti critiche, come l'esame visivo delle feci e della lingua, e metodi di "purificazione" come l'enteroclisma (lavaggio del colon), consiglia di assumere cibi ricchi di clorofilla perché sarebbero "ricchi di ossigeno" e altri consigli che farebbero rizzare i capelli a qualunque studente del primo anno di biologia o medicina.

 

 

Dieta di Gillian Keith

Analisi critica della dieta di Gillian McKeith

La McKeith è diventata famosa anche per i suoi modi molto rudi e per i suoi metodi drastici. Si sa, in televisione gli approcci equilibrati funzionano poco, basta guardare i reality show, o i programmi di cucina: non sono di certo i soggetti equilibrati, "normali", che hanno successo. E lo stesso vale per i nutrizionisti: basta pensare al successo che ha avuto un personaggio come Lemme, con i suoi mitici spaghetti agli e olio, rigorosamente insipidi e rigorosamente a colazione, ospitato svariate volte nei più importanti talk show italiani, senza per altro aver alcun titolo inerente alla nutrizione, essendo farmacista.

La McKeith, essendo così famosa e proponendo soluzioni così strampalate, è stata ovviamente massacrata anche dai media importanti, con articoli sul Guardian, e la stessa pagina su Wikipedia è tutt'altro che positiva, sebbene "imparziale". Ovviamente le pagine che ne tessono le lodi sono migliaia, ma questo vale per tutte le diete: quasi tutti i siti generalisti non parlano male di nessuna dieta, per definizione.

Nel merito, la McKeith non inventa nulla e quindi rimando semplicemente ad altri articoli: la dieta delle combinazioni alimentari, per esempio, per quanto riguarda il fatto di dissociare carboidrati, proteine e frutta.

Per il resto, è ovvio che in una dieta sarebbe meglio non introdurre tutti i giorni, e in quantità importante, cibi ipercalorici o fritti, ed è ovvio che in una dieta sana bisognerebbe mangiare molta frutta e verdura... Sono consigli ovvi ma che poi bisognerebbe inserire all'interno di un programma nutrizionale completo, che possibilmente non preveda consigli assurdi e metodi diagnostici ridicoli, perché in questo modo si complicano le cose rendendo la dieta molto difficilmente adottabile e perseguibile a lungo termine.

Chi riesce a seguire questa dieta molto probabilmente migliorerà il proprio stato di salute (ma potrebbe anche avere dei problemi, seguendola in modo sbagliato), ma sarà poi difficilissimo seguirla a lungo termine, perché troppo drastica e con troppe proibizioni. Ricordo per l'ennesima volta che tutti sono riusciti a dimagrire con una dieta, ma in pochissimi riescono a mantenere il risultato... Cosa che si ottiene solo quando la dieta diventa per sempre.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.

 


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.


Birra triplo malto

La birra triplo malto molto probabilmente è nata per imitare la tripel belga e indica una birra ad alta gradazione alcolica, non uno stile di birra.