La dieta Mayr

La dieta Mayr prende il nome da Franz Xavier Mayr (1875-1965), che fu un medico autriaco specializzato in disturbi gastrointestinali.

Egli era convinto che la salute delle persone era strettamente legata alla salute dell'apparato digerente, e per questo elaborò una terapia nutrizionale il cui scopo era quello di curare molte patologie, non solo intestinali, come stitichezza e diarrea, metorismi, colite, gastrite, acidosi metabolica, bruciori di stomaco, ulcera gastro-duodenale, epatopatie, sovrappeso, magrezza, dislipidemia, ipertensione ed ipotensione arteriosa, broncopneumopatia cronica, emicrania, dermatosi croniche artrosi, gotta, reumatismi.

Come funziona la dieta Mayr

Dieta Mayr

Mayr era convinto che molte patologie dipendessero dal malfunzionamento dell'intestino, e che esso andasse depurato. Dunque la sua dieta prevede una fase iniziale, della durata di due giorni, basata sul digiuno (sono concessi acqua, te, tisane e succhi di frutta), seguita da una fase di semidigiuno della durata di una settimana. Si passa poi alla fase 3, dove si reintroducono gli alimenti poveri di fibre e i cibi di origine animale, infine nella fase 4 si reintroducono tutti i cibi, ma privilegiando i cereali integrali, i vegetali, la carne magra e il pesce.

Analisi critica della dieta Mayr

Questa dieta viene proposta in alcuni centri benessere o alberghi con orientamento salutistico, sotto stretto controllo medico, necessario a causa del periodo abbastanza prolungato di digiuno o quasi digiuno.

Innanzitutto c'è da dire che lo scopo primario di Mayr non era quello di far dimagrire i suoi pazienti, anche perché ai suoi tempi il sovrappeso non aveva di certo le proporzioni attuali. Tuttavia, oggi la dieta Mayr viene proposta soprattutto come dieta dimagrante, perché è questo che la gente desidera ed è questo di cui la gente ha bisogno per migliorare il proprio stato di salute.

 

 

Come dieta dimagrante, tuttavia, la dieta Mayr è estremamente inefficace, perché non possiede alcun requisito di base per essere considerata una buona dieta. Infatti, per prima cosa non è una dieta che educa ad un'alimentazione sana; e dal punto di vista metabolico è disastrosa perché il digiuno fa perdere qualche kg che poi viene ripreso molto velocemente nell'arco di qualche giorno. Pensare che si possa risolvere il problema del sovrappeso con un soggiorno di una o più settimane in un centro benessere è pura utopia.

Se per dimagrire la dieta Mayr serve a poco, anche come metodo di guarigione dalle patologie, intestinali e non, le promesse sono ben superiori ai risultati potenzialmente ottenibili. Concetti come la "depurazione" dell'intestino non hanno dimostrato alcuna valenza scientifica. È sicuramente vero che l'intestino risente molto dello stato di salute generale dell'organismo, ma dire che curando l'intestino si possano curare altre patologie è decisamente una forzatura. C'è da dire che queste forzature non sono di certo peculiarità di Mayr, ci sono altre diete che promettono anche di peggio, come la dieta a zona.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.

 


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro


La pasta fa ingrassare?

La pasta fa ingrassare? Dipende dal sugo... Ma non dalle calorie o dai grassi, quanto dalla densità calorica.


Birra triplo malto

La birra triplo malto molto probabilmente è nata per imitare la tripel belga e indica una birra ad alta gradazione alcolica, non uno stile di birra.